cebnews.eu

Antropologia boasiana

L’antropologia boasiana era una scuola all’interno dell’antropologia americana fondata da Franz Boas alla fine del XIX secolo.

L’antropologia boasiana si basava sul modello di antropologia a quattro campi che univa i campi dell’antropologia culturale, dell’antropologia linguistica, dell’antropologia fisica e dell’archeologia sotto l’egida dell’antropologia. Era basato sulla comprensione delle culture umane come malleabili e perpetuate attraverso l’apprendimento sociale, e comprese le differenze comportamentali tra i popoli come largamente separate e non influenzate da predisposizioni innate derivanti dalla biologia umana – in questo modo respingeva l’idea che le differenze culturali fossero essenzialmente biologicamente basato. Rifiutava anche le idee di evoluzione culturale che classificano le società e le culture in base al loro grado di “evoluzione”, assumendo un unico percorso evolutivo lungo il quale le culture possono essere classificate gerarchicamente, piuttosto che le società che variano complessità per essere il risultato di particolari processi storici e circostanze -una prospettiva descritta come particolarismo storico. Un altro aspetto importante dell’antropologia boasiana era la sua prospettiva del relativismo culturale che presuppone che una cultura possa essere capita solo comprendendo prima i propri standard e valori, piuttosto che assumendo che i valori e gli standard della società dell’antropologo possano essere usati per giudicare altre culture . In questo modo gli antropologi boati non presumevano che le società non occidentali fossero necessariamente inferiori a quelle occidentali, ma piuttosto cercassero di capirle a modo loro. Da questo approccio derivano anche un investimento nella comprensione e protezione delle minoranze culturali e nella critica e relativizzazione della società americana e occidentale attraverso il contrasto dei suoi valori e norme con quelli di altre società. L’antropologia boasiana in questo modo tendeva a considerare l’attivismo politico, attraverso l’educazione scientifica sulla società, una parte significativa del progetto scientifico. Il programma di ricerca e attività di educazione pubblica perseguito da Boas, dai suoi ex studenti e dai loro associati – che alla fine includeva la maggior parte del campo dell’antropologia praticato negli Stati Uniti – comprendeva una serie di aree distinte di indagine e attività. Questi includono molte specializzazioni antropologiche e inter-discipline vicine, come quelle note oggi come antropologia museale, folkloristica, antropologia linguistica, studi dei nativi americani e etnostoria.

Boas aveva un grande gruppo di studenti che dominava la prima generazione di antropologi professionisti negli Stati Uniti, e continuò a fondare molti dei primi dipartimenti di antropologia del paese. Tra gli eminenti studenti di Boas che divennero esponenti dell’antropologia boasiana c’erano:

Verso la metà del XX secolo, l’antropologia boasiana venne criticata sia da quegli studenti che volevano reintrodurre i processi evolutivi nello studio della cultura, sia da quelli che non erano d’accordo con la sua posizione relativista e la sua opinione che le differenze biologiche non riflettevano differenze innate nell’abilità umana o potenziale. Verso la fine del XX secolo, l’antropologia boasiana fu anche criticata per la sua accettazione della razza come valida categoria biologica, portando a tentativi di ridefinire un’antropologia neo-boasiana che studia le particolari traiettorie storiche che portano alla costruzione di categorie sociali di culture e razze.

* Relativismo culturale

* Antropologia boasiana: particolarismo storico e relativismo culturale su Anthrotheoru.pbworks.com

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top