cebnews.eu

Apprendistato cognitivo

L’apprendistato cognitivo è una teoria che enfatizza l’importanza del processo in cui un maestro di abilità insegna tale abilità a un apprendista. Gli approcci costruttivisti all’apprendimento umano hanno portato allo sviluppo della teoria dell’apprendistato cognitivo. Questa teoria spiega il problema che i maestri di una abilità spesso non riescono a prendere in considerazione i processi impliciti coinvolti nello svolgimento di abilità complesse quando insegnano ai novizi. Per combattere queste tendenze, gli apprendistati cognitivi “… sono progettati, tra le altre cose, per portare questi processi taciti allo scoperto, dove gli studenti possono osservarli, metterli in pratica e praticarli con l’aiuto dell’insegnante …”. Questo modello è supportato dalla teoria della modellizzazione di Albert Bandura (1997), secondo la quale per fare in modo che la modellazione abbia successo, lo studente deve essere attento, accedere e conservare le informazioni presentate, essere motivato ad imparare ed essere in grado di riprodurre accuratamente il abilità desiderata.

Parte dell’efficacia del modello di apprendistato cognitivo deriva dall’apprendimento nel contesto e si basa sulle teorie della cognizione situata. Gli scienziati cognitivi sostengono che il contesto in cui avviene l’apprendimento è fondamentale (ad esempio, Godden & Baddeley, 1975). Sulla base di risultati come questi, Collins, Duguid e Brown (1989) sostengono che gli apprendistati cognitivi sono meno efficaci quando le abilità e i concetti vengono insegnati indipendentemente dal contesto e dalla situazione del mondo reale. Come affermano, “si potrebbe dire che le situazioni co-producono la conoscenza attraverso l’attività: l’apprendimento e la cognizione, è ora possibile discutere, sono fondamentalmente situati”. Negli apprendistati cognitivi, gli insegnanti modellano le loro abilità in situazioni del mondo reale. Con la modellistica e il coaching, i maestri dell’apprendistato cognitivo supportano anche le tre fasi dell’acquisizione delle abilità descritte nella letteratura specialistica: lo stadio cognitivo, lo stadio associativo e lo stadio. Nella fase cognitiva, gli studenti sviluppano una comprensione dichiarativa dell’abilità. Nella fase associativa, gli errori e le interpretazioni errate apprese nello stadio cognitivo vengono rilevati ed eliminati, mentre vengono rafforzate le associazioni tra gli elementi critici coinvolti nell’abilità. Infine, nella fase autonoma, l’abilità dello studente si affina e perfeziona fino a quando non viene eseguita a livello di esperti. Come l’apprendistato tradizionale, in cui l’apprendista apprende un mestiere come la sartoria o la falegnameria lavorando sotto un maestro, l’apprendistato cognitivo consente ai maestri di modellare i comportamenti in un contesto reale con la modellizzazione cognitiva. Dopo aver ascoltato il maestro spiegare esattamente cosa stanno facendo e pensando mentre modellano l’abilità, l’apprendista identifica i comportamenti rilevanti e sviluppa un modello concettuale dei processi coinvolti. L’apprendista tenta quindi di imitare quei comportamenti osservati dal maestro e gli allenatori. Il coaching fornisce assistenza al livello più critico – il livello di abilità che va ben al di là di ciò che lo studente / apprendista potrebbe realizzare autonomamente. Vygotsky (1978) si riferiva a questa come alla zona dello sviluppo prossimale e riteneva che favorire lo sviluppo all’interno di questa zona portasse allo sviluppo più rapido. Il processo di coaching include la fornitura di ulteriori modellizzazioni necessarie, feedback correttivi e promemoria, che tutti intendono avvicinare le prestazioni dell’apprendista a quelle del master. Man mano che l’apprendista diventa più abile attraverso la ripetizione di questo processo, il feedback e le istruzioni fornite dal maestro “sfuma” fino a quando l’apprendista non è, idealmente, eseguendo l’abilità in stretta approssimazione del livello principale. [Questa voce è un estratto dalla tesi di dottorato di R. Shawn Edmondson, dal titolo Valutare l’efficacia di un modello di apprendistato cognitivo abilitato alla telepresenza di Teacher Professional Development (2006).]

Collins, Brown e Newman hanno sviluppato sei metodi di insegnamento radicati nella teoria dell’apprendistato cognitivo e sostengono che questi metodi aiutano gli studenti a raggiungere strategie cognitive e metacognitive per “usare, gestire e scoprire le conoscenze”. I primi tre, modellazione, coaching, impalcatura, sono al centro dell’apprendistato cognitivo e aiutano lo sviluppo cognitivo e metacognitivo. I prossimi due, articolazione e riflessione, sono progettati per aiutare i novizi con consapevolezza delle strategie di risoluzione dei problemi ed esecuzione simile a quella di un esperto. Il passo finale, l’esplorazione, intende guidare il novizio verso l’indipendenza e la capacità di risolvere e identificare i problemi all’interno del dominio da soli. Gli autori fanno notare, tuttavia, che questo non è un elenco esauriente di metodi e che l’esecuzione corretta di questi metodi dipende in larga misura dal dominio.

La modellazione è quando un esperto, solitamente un insegnante, all’interno del dominio cognitivo o dell’area tematica dimostra un compito in modo esplicito in modo che i novizi, di solito uno studente, possano sperimentare e costruire un modello concettuale del compito in questione. Ad esempio, un insegnante di matematica potrebbe scrivere passaggi espliciti e lavorare attraverso a

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top