cebnews.eu

Calabash Chalk

Il gesso Calabash è un materiale geofagico comunemente consumato dai paesi dell’Africa occidentale per il piacere e dalle donne incinte come cura per la nausea. La geofagia è la pratica di mangiare la terra, compreso il terreno e il gesso. Questa pratica non è né nuova né superata e può essere associata a credenze religiose, farmaci o come parte di una dieta regolare. Questo atto può esporre il consumatore a sostanze tossiche e parassiti che si trovano nella terra ingerita.

Calabash Chalk è identificato da diversi nomi come: Calabar Stone (inglese), La Craie o Argile (francese), Mabele (Lingala in Congo), Nzu (Igbo della Nigeria), Ndom (Efik / Ibibio Nigeria) Eko (Bini / Edo Nigeria). Inoltre è noto anche come Ebumba, Poto e Ulo In Ghana è conosciuto come Shilè

Calabash Chalk si trova prevalentemente in Nigeria e in altre comunità dell’Africa occidentale. Sebbene questo materiale geofagico sia originario dell’Africa, come risultato della migrazione dell’Africa occidentale ad altre nazioni, può essere trovato anche in negozi etnici nel Regno Unito, in Canada e negli Stati Uniti. Calabash Chalk viene anche mangiato tra le donne di origine africana in Georgia, negli Stati Uniti.

Il gesso Calabash è un materiale naturale composto da conchiglie marine fossilizzate. Tuttavia può anche essere preparato artificialmente combinando argilla, sabbia, cenere di legno e persino sale. Modellando e riscaldando questa miscela, si ottiene il gesso Calabash. È disponibile sotto forma di polvere, forma modellata o blocco. Ci sono diverse opinioni riguardo i componenti di Calabash Chalk, il consenso è che il componente principale è l’idrossido di silicato di alluminio. Questo deriva dal gruppo di caolino, rendendo Al2Si2O5 (OH) 4 una possibile formula per il gesso Calabash. Al di là dell’idrossido di silicato di alluminio, il gesso Calabash è anche noto per avere concentrazioni di piombo molto elevate. L’Unione europea raccomanda (regolamento della Commissione, 2001) che la quantità di piombo negli alimenti non superi 1 mg / kg, tuttavia la quantità di piombo contenuta nel gesso Calabash è stata segnalata (Comitato del Codex degli additivi e dei contaminanti alimentari, 2003) tra 10-50 mg / kg. Inoltre, altri rapporti della sua composizione includono: alluminio, inquinanti organici persistenti, silicio, alfa-lindano, endrina, endosulfan 11, arsenico e cromo.

La pratica di mangiare Calabash Chalk è osservata da entrambi i sessi e da diverse fasce di età di persone di origine africana, allo scopo di piacere. Tuttavia, è prevalente nelle donne, prevalentemente durante la gravidanza, che sostengono che previene il vomito, la sovra-salivazione e la nausea. Calabash Chalk è anche usato per fare maschere facciali e saponi.

Quando i materiali geofagici sono consumati e vengono a contatto con i liquidi digestivi, hanno il potenziale di rilasciare effetti tossici clinici o subclinici su un individuo. Ci sono diversi rapporti riguardanti i rischi per la salute di consumare gesso Calabash compreso; l’alterazione della normale concentrazione di emoglobina, conta dei globuli rossi e tasso di sedimentazione degli eritrociti. Un altro possibile effetto collaterale del consumo di questa geofagia è l’alterazione del tasso di crescita e la de-mineralizzazione nell’osso del femore. Altri rapporti suggeriscono che il gesso Calabash provoca anche numerosi disturbi gastrointestinali come nausea, ulcera e gastrite. Questo deriva da cambiamenti istomorfologici che il gesso di Calabash provoca allo stomaco e all’esofago.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top