cebnews.eu

Collettivismo

Il sociologo tedesco Tönnies descrisse un primo modello di collettivismo e individualismo usando i termini Gemeinschaft (comunità) e Gesellschaft (società). Le relazioni Gemeinschaft, in cui il comunitarismo ha la priorità, erano considerate caratteristiche di piccole comunità rurali rurali. Un antropologo, Redfield (1941) ha fatto eco a questa nozione di lavoro che contrappone la società popolare alla società urbana. Weber (1930) contrappose il collettivismo e l’individualismo attraverso la lente della religione, credendo che i protestanti fossero più individualisti e autosufficienti rispetto ai cattolici, che sostenevano relazioni gerarchiche e interdipendenti tra le persone. Hofstede (1980) è stato molto influente nell’introdurre un’era di ricerca interculturale che ha messo a confronto la dimensione del collettivismo rispetto all’individualismo. Hofstede concettualizzò il collettivismo e l’individualismo come parte di un unico continuum, con ogni costrutto culturale che rappresenta un polo opposto. L’autore ha caratterizzato gli individui che hanno sostenuto un alto grado di collettivismo come incorporato nei loro contesti sociali e dando la priorità agli obiettivi comuni rispetto agli obiettivi individuali. L’idea che il collettivismo-individualismo sia unidimensionale è stata contestata dai teorici contemporanei.

Il collettivismo era una parte importante dell’ideologia marxista-leninista nell’Unione Sovietica, dove svolgeva un ruolo chiave nella formazione del nuovo sovietico, sacrificando volontariamente la propria vita per il bene collettivo e pienamente sostituibile. Termini come “collettivo” e “le masse” erano frequentemente usati nella lingua ufficiale e lodati nella letteratura agitopop, ad esempio da Vladimir Majakovskij (che ha bisogno di un “1”) e Bertolt Brecht (The Decision, Man Equals Man).

La costruzione del collettivismo è rappresentata nella letteratura empirica sotto diversi nomi. Più comunemente, viene usato il termine autocostruito interdipendente. Altre frasi usate per descrivere il concetto di collettivismo-individualismo includono allocentrismo-idiocentrismo, sé collettivo-privato, così come sottotipi di collettivismo-individualismo (significato, sottotipi verticali e orizzontali). Si ritiene che la terminologia incoerente tenga conto di alcune delle difficoltà nel sintetizzare efficacemente la letteratura empirica sul collettivismo. In genere, il collettivismo viene misurato tramite questionario di autovalutazione. Le scoperte meta-analitiche suggeriscono che ci sono sei strumenti che sono stati usati per misurare il collettivismo (e il relativo costrutto dell’individualismo) in un modo che riflette al meglio il pensiero teorico corrente.

In un modello critico di collettivismo, Markus e Kitayama descrivono il sé interdipendente (cioè collettivistico) come fondamentalmente connesso al contesto sociale. In quanto tale, il senso di sé dipende e viene definito in parte da coloro che li circondano e si manifesta principalmente in un comportamento pubblico e manifesto. Come tale, l’organizzazione del sé è guidata dall’uso degli altri come riferimento. Cioè, un individuo interdipendente usa i pensieri inespressi, i sentimenti e le convinzioni di un’altra persona con la quale hanno una relazione, così come i comportamenti dell’altro, per prendere decisioni sui propri attributi e azioni interni. Anche Markus e Kitayama hanno contribuito alla letteratura sfidando il modello unidimensionale del collettivismo-individualismo di Hofstede. Gli autori hanno concettualizzato questi due costrutti in modo bidimensionale, in modo tale che sia il collettivismo sia l’individualismo possono essere sostenuti indipendentemente e potenzialmente allo stesso grado. Questa nozione è stata ripresa da altri importanti teorici del settore. Alcuni ricercatori hanno ampliato la struttura del collettivismo-individualismo per includere una visione più completa. Nello specifico, Triandis e colleghi hanno introdotto un modello teorico in cui incorpora la nozione di contesto relazionale. Gli autori sostengono che i domini del collettivismo e dell’individualismo possono essere ulteriormente descritti dalle relazioni orizzontali e verticali. Si ritiene che le relazioni orizzontali siano equivalenti allo stato mentre le relazioni verticali sono caratterizzate come gerarchiche e dallo stato non uguali. In quanto tale, il collettivismo orizzontale si manifesta come un orientamento in cui l’armonia di gruppo è molto apprezzata e i membri del gruppo sono percepiti per sperimentare la parità di posizione. Il collettivismo verticale implica la prioritizzazione degli obiettivi di gruppo rispetto agli obiettivi individuali, implicando un posizionamento gerarchico del sé in relazione al gruppo in generale. Il modello di individualismo-collettivismo orizzontale-verticale ha ricevuto un supporto empirico ed è stato utilizzato per esplorare i modelli all’interno delle culture. Originati da W. E. B. DuBois, alcuni ricercatori hanno adottato una prospettiva storica sull’emergere del collettivismo in alcuni gruppi culturali. DuBois e altri hanno sostenuto che i gruppi di minoranza oppressi si contendono la divisione interna, il che significa che lo sviluppo dell’identità personale per gli individui di questi gruppi implica l’integrazione delle proprie percezioni del proprio gruppo e delle opinioni tipicamente negative del proprio gruppo. Si ritiene che questa divisione abbia un impatto sulla formazione degli obiettivi in ​​modo tale che le persone provenienti da gruppi emarginati tendano a enfatizzare i valori collettivistici rispetto a quelli individualistici. Alcune ricerche organizzative hanno trovato diverse varianti del collettivismo. Questi includono il collettivismo istituzionale e il collettivismo in gruppo. Il collettivismo istituzionale è l’idea che un ambiente di lavoro crea un senso di natura collettivista a causa di stati simili e ricompense simili, come ad esempio guadagnare lo stesso stipendio. Il collettivismo nel gruppo è l’idea che il gruppo di persone scelto da una persona, come i gruppi di familiari o di amici, crea un senso di natura collettivista. Il collettivismo nel gruppo può essere definito collettivismo di famiglia.

Un certo numero di studi classici hanno dimostrato che esiste una relazione tra collettivismo e cognizione. Questi studi supportano l’idea che le persone provenienti da culture collettivistiche tendano a dimostrare uno stile cognitivo olistico, che si riflette in processi come la memoria, la percezione visiva, lo stile di attribuzione e gli schemi di categorizzazione. Questo effetto è stato ampiamente replicato da gruppi di ricerca indipendenti, a supporto della sua robustezza.

Il concetto di sé di un individuo può essere fondamentalmente modellato da valori culturali. Tali processi di solito iniziano nell’infanzia e nell’adolescenza e i genitori sono spesso uno dei primi input critici che modellano il senso del concetto di sé di un bambino. I genitori con più visioni collettivistiche del mondo hanno dimostrato di parlare e interagire con i loro figli in un modo che trasmette i principi fondamentali del collettivismo, come l’enfasi sulle relazioni tra gli oggetti e le connessioni interpersonali. In quanto tale, i giovani che sono genitori in questo modo tendono a sviluppare un senso di sé definito in relazione agli altri. Anche questo senso di sé si è riflesso nei modelli di connettività strutturale e funzionale nel cervello. Ad esempio, generalmente la corteccia prefrontale mediale (MPFC) è più attiva quando gli adulti pensano a se stessi rispetto a quando pensano a qualcun altro. Tuttavia, per gli adulti che sostengono il collettivismo, l’MPFC mostra in realtà una maggiore risposta quando pensano a se stessi nel contesto delle loro relazioni intime.

Cultural views are believed to have a reciprocal relationship with macro-level processes such as economics, social change, and politics. The collectivism-individualism dimension of culture influences economic development: collectivistic culture promotes growth. For instance, the influence of the collectivist dimension of culture can be observed among the European Union economies: countries which societies are less individualistic record faster economic development. Societal changes in China exemplifies this well. Beginning in the early 1980s, China experienced dramatic expansion of economic and social structures, resulting in greater income inequality between families, less involvement of the government in social welfare programs, and increased competition for employment. Corresponding with these changes was a shift in ideology among Chinese citizens, especially among those who were younger, away from collectivism (the prevailing cultural ideology) toward individualism. China also saw this shift reflected in educational policies, such that teachers were encouraged to promote the development of their students’ individual opinions and self-efficacy, which prior to the aforementioned economic changes, was not emphasized in Chinese culture. Attempts to study the association of collectivism and political views and behaviors has largely occurred at the aggregate national level. However, more isolated political movements have also adopted a collectivistic framework. For example, Collectivist anarchism (also known as anarcho-collectivism) is a revolutionary anarchist doctrine that advocates the abolition of both the state and private ownership of the means of production. It instead envisions the means of production being owned collectively and controlled and managed by the producers themselves.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top