cebnews.eu

Differenze interculturali nel processo decisionale

Il processo decisionale è un’attività mentale che è parte integrante della pianificazione e dell’azione che si svolgono in una varietà di contesti e a una vasta gamma di livelli, tra cui, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, pianificazione del budget, pianificazione dell’istruzione, definizione delle politiche e scalata della carriera scala. Le persone di tutto il mondo si impegnano in queste attività. Le sottostanti differenze interculturali nel processo decisionale possono essere un grande fattore che contribuisce all’efficienza nelle comunicazioni interculturali, nelle negoziazioni e nella risoluzione dei conflitti.

Una considerevole quantità di letteratura in scienze cognitive è stata dedicata all’indagine sulla natura del processo decisionale umano. Tuttavia, gran parte di esso discute i risultati ottenuti da un pool di soggetti unicultural, prevalentemente da un gruppo di studenti universitari americani. Nonostante questa limitazione, i risultati sono di solito implicitamente o esplicitamente generalizzati, il che dà origine allo svantaggio sul campo domestico: quando un particolare gruppo culturale viene preso come punto di partenza, diventa molto più difficile per le ricerche notarlo o “segnare” , le peculiarità esistenti all’interno del gruppo. Di conseguenza, ciò che è caratteristico solo del gruppo in studio è dato per scontato e attribuito alla popolazione generale. Questa tendenza è ulteriormente aggravata quando il ricercatore appartiene al gruppo culturale che studiano. In questo caso, il ricercatore e i soggetti sono esposti agli stessi contesti fisici, sociali e situazionali su base giornaliera. Gran parte del funzionamento giornaliero è automatico, in altre parole è guidato dalle caratteristiche attuali dell’ambiente in cui ci troviamo, che vengono elaborati senza alcuna consapevolezza cosciente. Ciò porta alla costruzione di atteggiamenti, valori e credenze impliciti, difficili da individuare. Diventano evidenti quando individui o modelli decisionali provenienti da contesti culturali diversi come background culturali differenti tendono a formare processi di elaborazione mentale diversi nel processo decisionale. Ad esempio, gli occidentali tendono a formare proccessing affettivo mentre gli easteners tendono a formare l’elaborazione analitica. Inoltre le decisioni affettive o basate sul sentimento tendono ad essere più veloci e fatte spontaneamente mentre le decisioni cognitive o basate sulla ragione tendono a essere deliberate

Recentemente altri scienziati sono stati coinvolti nella conduzione di studi sul processo decisionale in tutte le culture. I risultati mostrano che ci sono in effetti differenze interculturali nei comportamenti in generale e nelle strategie decisionali in particolare e quindi spingono le ricerche a spiegare la loro origine. Ci sono un certo numero di spiegazioni più popolari e accettate: Co-Evolution of Genes with Culture Hypothesis. Il pianeta Terra è ricco di una varietà di zone geografiche, tutte diverse tra loro per quanto riguarda il clima e le condizioni di vita che consentono. Attraverso generazioni le persone che popolano una certa area imparano ad adottare e trasmettere alle generazioni successive i tratti culturali che promuovono la sopravvivenza e la prosperità all’interno dell’ambiente della loro località. Di conseguenza, i geni che supportano i tratti rilevanti per la sopravvivenza vengono trasmessi, mentre altri svaniscono. Alla lunga, diventa il caso che sia per i geni sopravvissuti stabilire le condizioni per le pratiche culturali da utilizzare e persino per creare l’ambiente a cui i membri si adattano. Il processo che modifica la frequenza di applicazione dei tratti culturali è influenzato dalle stesse forze che determinano il rimescolamento della combinazione di varianti genetiche. Queste forze sono selezione naturale, mutazione, deriva e migrazione. Esiste tuttavia una forza in più – “una forza decisionale” – nell’evoluzione culturale. Poiché i tratti culturali sono trasmessi nel contesto della comunicazione interpersonale, le varianti culturali adottate dai partecipanti sono influenzate dalle scelte comportamentali che fanno il “comunicatore” e lo “studente”. Ipotesi del patrimonio culturale. I gruppi culturali di tutto il mondo hanno sviluppato distinte visioni del mondo uniche che si riflettono nelle loro filosofie. I due più spesso confrontati sono la filosofia orientale che deriva dal pensiero confuciano e dalla filosofia occidentale che è fondata sul pensiero aristotelico. Mentre il primo vede una parte / intere relazioni di dicotomia tra gli oggetti, con particolare attenzione alle relazioni tra gli elementi della natura piuttosto che agli elementi stessi, quest’ultimo presta più attenzione a una / a dicotomia uno / a, dove ogni elemento è visto come più o meno autonomo. Queste differenze sono profondamente radicate nell’inconscio collettivo e potrebbero essere responsabili della diversità del comportamento quotidiano degli individui. Ipotesi di orientamento sociale. Tutte le culture attualmente esistenti possono essere confrontate l’una con l’altra contro la scala Collectivism / Individualism. Le società che sono solitamente descritte come individualiste hanno l’orientamento sociale indipendente. Le caratteristiche di differenziazione di questi gruppi sono l’autonomia, l’autoespressione e l’interpretazione della felicità come emozione socialmente disimpegnata. Le società dei collettivisti h

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top