cebnews.eu

Diritti umani

I diritti umani sono principi o norme morali che descrivono determinati standard di comportamento umano e sono regolarmente protetti come diritti naturali e legali nel diritto municipale e internazionale. Sono comunemente intesi come diritti inalienabili e fondamentali “a cui una persona è intrinsecamente intitolata semplicemente perché lei o lui è un essere umano” e che sono “inerenti a tutti gli esseri umani”, indipendentemente dalla loro nazione, ubicazione, lingua, religione, etnia origine o qualsiasi altro stato. Sono applicabili ovunque e in ogni momento nel senso di essere universali e sono egualitari nel senso di essere uguali per tutti. Si ritiene che richiedano empatia e stato di diritto e impongano alle persone il dovere di rispettare i diritti umani degli altri, e si ritiene generalmente che non dovrebbero essere portati via se non come risultato di un giusto processo basato su circostanze specifiche; ad esempio, i diritti umani possono includere libertà dalla reclusione, tortura ed esecuzione illegali. La dottrina dei diritti umani è stata molto influente all’interno del diritto internazionale, delle istituzioni globali e regionali. Le azioni di Stati e organizzazioni non governative costituiscono una base di politica pubblica a livello mondiale. L’idea dei diritti umani suggerisce che “se si può dire che il discorso pubblico della società globale pacifica abbia un linguaggio morale comune, è quello dei diritti umani”. Le forti affermazioni fatte dalla dottrina dei diritti umani continuano a suscitare un notevole scetticismo e dibattiti sul contenuto, la natura e le giustificazioni dei diritti umani fino ad oggi. Il significato preciso del termine right è controverso ed è oggetto di un continuo dibattito filosofico; mentre vi è consenso sul fatto che i diritti umani comprendono un’ampia gamma di diritti quali il diritto a un processo equo, la protezione contro la schiavitù, il divieto di genocidio, la libertà di parola o il diritto all’istruzione (tra cui il diritto a un’educazione sessuale completa, tra gli altri), c’è disaccordo su quale di questi diritti particolari debba essere incluso nel quadro generale dei diritti umani; alcuni pensatori suggeriscono che i diritti umani dovrebbero essere un requisito minimo per evitare gli abusi del caso peggiore, mentre altri lo vedono come uno standard più elevato. Molte delle idee di base che hanno animato il movimento per i diritti umani si sono sviluppate all’indomani della Seconda Guerra Mondiale e gli eventi dell’Olocausto, culminati nell’adozione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani a Parigi dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1948. Antica i popoli non avevano la stessa concezione moderna dei diritti umani universali. Il vero precursore del discorso sui diritti umani fu il concetto di diritti naturali che apparve come parte della tradizione medievale della legge naturale che divenne importante durante l’Illuminismo europeo con filosofi come John Locke, Francis Hutcheson e Jean-Jacques Burlamaqui e che ebbe un ruolo prominente nel discorso politico della rivoluzione americana e della rivoluzione francese. Da questa base, le moderne argomentazioni sui diritti umani sono emerse nella seconda metà del XX secolo, probabilmente come reazione alla schiavitù, alla tortura, al genocidio e ai crimini di guerra, come una realizzazione della vulnerabilità umana intrinseca e come una precondizione per la possibilità di un solo società.

La storia dei diritti umani non è stata interamente progressista. Molti diritti stabiliti sarebbero sostituiti da altri sistemi meno tolleranti. Istituzioni stabili possono essere sradicate come in casi di conflitto come la guerra e il terrorismo. La prima concettualizzazione dei diritti umani è attribuita alle idee sui diritti naturali emanati dalla legge naturale. La civiltà dell’Africa dell’antico Egitto nord-orientale ha sostenuto i diritti umani fondamentali. Ad esempio, il faraone Bocchoris (725-720 aC) promosse i diritti individuali, la detenzione repressa per il debito e le leggi riformate relative al trasferimento di proprietà. La prima registrazione dei diritti umani fu inscritta da Ciro il Grande, il fondatore dell’impero achemenide, nel Cilindro di Ciro. Il Cyrus Cylinder è una tavoletta di argilla creata nel 539 a.C. subito dopo la conquista achemenide dell’Impero Neo-Babilonese. Ha proclamato che tutta la sua materia è libera e ha vietato la pratica della schiavitù. Inoltre ha dichiarato la libertà di praticare la propria fede senza persecuzioni e conversioni forzate. L’imperatore mauryan Ashoka, che governò dal 268 al 232 aEV, fondò il più grande impero dell’Asia meridionale. In seguito alla guerra distruttiva di Kalinga, Ashoka ha adottato il buddismo e abbandonato una politica espansionistica a favore delle riforme umanitarie. Gli Editti di Ashoka furono eretti in tutto il suo impero, contenente la “Legge della Pietà”. Queste leggi proibivano la schiavitù, la discriminazione religiosa e la crudeltà contro uomini e animali. Più tardi documenti relativi ai diritti umani possono essere citati nella Costituzione di Medina (622), Al-Risalah al-Huquq (fine del VII secolo e inizio VIII secolo), Magna Carta (1215), Dodici articoli di guerra dei contadini tedeschi (1525), la Carta dei diritti inglese (1689), la Fre

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top