cebnews.eu

Divisione tra natura e cultura

La divisione natura-cultura si riferisce a un fondamento teorico dell’antropologia contemporanea. I primi antropologi cercarono l’intuizione teorica dalle tensioni percepite tra natura e cultura. Successivamente, l’argomento è stato inquadrato dalla questione se le due entità funzionassero separatamente l’una dall’altra o se fossero in una relazione continua tra loro. Nella società orientale la natura e la cultura sono concettualizzate come dicotomiche (domini di riferimento separati e distinti). Alcuni considerano la cultura come “l’arma adattativa segreta dell’uomo” nel senso che è il mezzo principale di sopravvivenza. È stato osservato che i termini “natura” e “cultura” non possono necessariamente essere tradotti in lingue non occidentali, ad esempio il nativo americano John Mohawk che descrive la “natura” come “tutto ciò che sostiene la vita”. È stato suggerito che le società di piccola scala possono avere un rapporto più simbiotico con la natura. Ma le relazioni meno simbiotiche con la natura stanno limitando l’accesso delle comunità di piccole dimensioni all’acqua e alle risorse alimentari. È stato anche sostenuto che la divisione uomo-natura contemporanea si manifesta in diversi aspetti dell’alienazione e dei conflitti. Greenwood e Stini sostengono che l’agricoltura è economicamente efficiente dal punto di vista economico perché ci vuole molto più tempo per produrre di quanto si possa ottenere mangiando le proprie colture, ad es. “l’alta cultura non può arrivare a bassi costi energetici”. Durante gli anni ’60 e ’70 Sherry Ortner ha mostrato il parallelo tra il divario e il ruolo di genere con le donne come natura e gli uomini come cultura.

* Natura contro educazione

* Giornale di Natureculture

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top