cebnews.eu

Educazione ai diritti dei bambini

L’educazione ai diritti dei bambini (o educazione ai diritti umani dei bambini) è l’insegnamento e la pratica dei diritti dei bambini nelle scuole e nelle istituzioni educative, come informate e coerenti con la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia. Una volta pienamente attuato, un programma di educazione ai diritti dei minori consiste sia in un programma di studi per insegnare ai bambini i loro diritti umani, sia in un quadro per far funzionare la scuola in modo da rispettare i diritti dei bambini. Gli articoli 29 e 42 della Convenzione sui diritti dell’infanzia richiedono che i bambini siano educati sui loro diritti. Oltre ad adempiere agli obblighi legali della Convenzione di diffondere la consapevolezza dei diritti dei bambini ai bambini e agli adulti, insegnare ai bambini i loro diritti ha il vantaggio di migliorare la loro consapevolezza dei diritti in generale, rendendoli più rispettosi dei diritti degli altri e responsabilizzandoli agire a sostegno dei diritti di altre persone. I primi programmi per insegnare ai bambini i loro diritti, in Belgio, Canada, Inghilterra e Nuova Zelanda ne hanno fornito la prova. I diritti dei bambini nelle scuole sono stati insegnati e praticati come un ethos di “liberare il bambino” molto prima della stesura della Convenzione delle Nazioni Unite e questa pratica ha contribuito a informare i valori e la filosofia della Convenzione, dell’IBE e dell’UNESCO, sebbene purtroppo queste pratiche, e questa storia non è realmente riconosciuta o costruita dalle Nazioni Unite. Questo è uno dei motivi per cui i diritti dei bambini non sono diventati il ​​fondamento delle scuole nonostante 100 anni di lotta.

L’educazione ai diritti umani dei bambini fa riferimento all’educazione e alle pratiche educative nelle scuole e nelle istituzioni educative che sono coerenti con la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia. È una forma di educazione che considera seriamente che i bambini sono portatori di diritti umani, che i bambini sono cittadini a pieno titolo, che le scuole e le istituzioni educative stanno imparando comunità in cui i bambini apprendono (o non apprendono) i valori e le pratiche di diritti umani e cittadinanza, e che educare i bambini sui loro diritti umani fondamentali è un obbligo legale della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia. L’educazione ai diritti dei bambini è educazione in cui i diritti del bambino, come descritto nella Convenzione, vengono insegnati e praticati in aule individuali. Ma nella sua forma più sviluppata, i diritti dei bambini vengono insegnati e praticati in modo sistematico e completo attraverso i livelli scolastici, attraverso la scuola e attraverso i distretti scolastici. Con la piena educazione dei diritti dei bambini, i diritti dei bambini non sono semplicemente un’aggiunta a un particolare argomento o classe. Piuttosto, i diritti del bambino sono incorporati nei programmi scolastici, nelle pratiche di insegnamento e nei materiali didattici tra materie e livelli di istruzione e sono il fulcro delle dichiarazioni delle missioni scolastiche, dei codici di comportamento e delle politiche e pratiche scolastiche. Educazione ai diritti dei bambini pienamente sviluppata significa che tutti i membri della comunità scolastica ricevono un’istruzione sui diritti del bambino. La Convenzione funge da quadro di valori per la vita e il funzionamento della scuola o istituzione scolastica e per gli sforzi volti a promuovere un clima scolastico più positivo e una cultura scolastica per l’apprendimento. Una convinzione fondamentale nell’educazione ai diritti dei minori è che quando i bambini apprendono i loro diritti umani fondamentali, questo apprendimento costituisce una base importante per la loro comprensione e il sostegno ai diritti umani in senso più ampio.

La Convenzione sui diritti del bambino ha importanti implicazioni per l’educazione dei bambini. Approvata dalle Nazioni Unite nel 1989, la Convenzione è il paese più ampiamente ratificato e più rapidamente ratificato nella storia del mondo. Solo due paesi – gli Stati Uniti e il Sud Sudan – devono ancora ratificare il trattato. Ratificando la Convenzione, i paesi si impegnano a sostenere che i minori hanno diritti fondamentali in quanto persone e che le autorità statali hanno l’obbligo di fornire tali diritti. Secondo i termini della Convenzione, un trattato giuridicamente vincolante, le parti hanno l’obbligo di rendere le loro leggi, politiche e pratiche coerenti con le disposizioni della Convenzione, se non immediatamente, poi nel tempo. Nella Convenzione ci sono numerosi articoli che trattano l’educazione e l’educazione ai diritti dei bambini. Eugeen Verhellen ha diviso le disposizioni della Convenzione sull’educazione lungo tre tracce. Il primo è il diritto all’istruzione del bambino sulla base delle pari opportunità (articolo 28). Ciò include il diritto all’istruzione primaria gratuita e all’istruzione secondaria e superiore accessibile. Secondo sono i diritti del bambino nell’educazione (articoli 2, 12, 13, 14, 15 e 19). Ciò include il diritto alla non discriminazione, alla partecipazione, alla protezione da abusi e violenze e alla libertà di pensiero, espressione e religione. Terzo sono i diritti del bambino attraverso l’educazione (articoli 29 e 42). Questo si riferisce all’educazione in cui i bambini sono in grado di conoscere e comprendere i loro diritti e di sviluppare il rispetto per

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top