cebnews.eu

Educazione dei sordi

L’educazione dei sordi è l’educazione degli studenti con qualsiasi grado di perdita dell’udito o sordità che affronta le loro differenze e le esigenze individuali. Questo processo coinvolge metodi di insegnamento individualizzati, sistematicamente monitorati, materiali adattivi, impostazioni accessibili e altri interventi progettati per aiutare gli studenti a raggiungere un livello più alto di autosufficienza e successo nella scuola e nella comunità rispetto a quelli che otterrebbero con una tipica istruzione in classe. Un certo numero di paesi si concentra sulla formazione degli insegnanti per insegnare agli studenti non udenti con una varietà di approcci e organizzazioni per aiutare gli studenti non udenti.

I bambini possono essere identificati come candidati per l’educazione dei non udenti dal loro audiogramma o anamnesi. La perdita dell’udito è generalmente descritta come lieve, lieve, moderata, grave o profonda, a seconda di quanto bene una persona può sentire l’intensità delle frequenze. Dei bambini identificati come sordi, solo il 10% è nato da genitori non udenti. Questa percentuale di studenti non udenti può avere un vantaggio linguistico entrando nel sistema scolastico a causa di un’esposizione più ampia a una prima lingua. I genitori possono iniziare a notare le differenze nei loro figli udenti non appena i neonati fino a tre mesi. Se un bambino non risponde a improvvisi suoni forti, questa potrebbe essere un’indicazione. Mentre il bambino inizia ad invecchiare a circa 4-8 mesi, dovrebbe girare la testa verso il punto da cui proviene il suono. Circa un anno a 16 mesi, se non pronunciano parole giuste o non parlano affatto, questo potrebbe anche essere un’indicazione. Tutti quelli sono indicazioni di perdita dell’udito cognitivo, il che significa che il bambino è nato in questo modo. Un bambino può anche acquisire la perdita dell’udito in giovane età a causa di un’infezione dell’orecchio medio, una grave lesione alla testa, l’esposizione a forti rumori per un lungo periodo di tempo e molti altri modi. Se ciò si verifica, gli stessi sintomi si verificano come fanno con la perdita dell’udito cognitivo. Se questo accade quando un bambino è più grande, intorno al bambino o all’età prescolare, ci sono più segni da cercare. I segni potrebbero essere i bambini che non rispondono quando chiami il loro nome. Il bambino pronuncia parole diverse dal resto dei suoi coetanei, se il bambino mostra il televisore in modo incredibilmente alto o se si siede molto vicino, potrebbe anche essere un’indicazione. Una delle più grandi implicazioni che un bambino possa avere l’ipoacusia è quando hanno una conversazione con qualcuno che si stanno concentrando intensamente sulle labbra delle persone e sulle espressioni facciali per capire cosa stanno dicendo. Se un bambino ha questi segni, ottenere uno screening per la perdita dell’udito sarebbe il prossimo passo.

I programmi di educazione dei non udenti devono essere personalizzati in base alle esigenze di ogni studente e gli educatori non udenti forniscono un continuum di servizi agli studenti non udenti in base alle esigenze individuali. Ad esempio, se uno studente è in una classe normale, un contabile o un interprete potrebbe essere una sistemazione fornita nel proprio piano di studi. Negli Stati Uniti, in Canada e nel Regno Unito, i professionisti dell’educazione usano l’acronimo IEP quando si riferiscono al piano di studi individualizzato di uno studente.

Le scuole utilizzano una serie di approcci per fornire servizi di educazione sorda agli studenti identificati. Questi possono essere raggruppati in quattro categorie, a seconda che (e quanto) lo studente sordo abbia contatti con studenti non sordi (usando la terminologia nordamericana):

In questo metodo, la sordità viene affrontata come una questione culturale, non medica. In un programma bilingue-biculturale, si raccomanda ai bambini non udenti di imparare la lingua dei segni come l’American Sign Language (ASL) come prima lingua, seguita da una lingua scritta o parlata come l’inglese come seconda lingua. I programmi bilingui bilingui considerano la lingua parlata o scritta e la lingua dei segni lingue uguali, aiutando i bambini a sviluppare una fluenza adeguata all’età in entrambi. L’approccio bilingue-biculturale ritiene che, dal momento che i bambini non udenti imparano visivamente, piuttosto che a orecchio, le lezioni dovrebbero essere condotte in un linguaggio visivo. Per evitare di danneggiare l’accuratezza e la scorrevolezza degli studenti in entrambe le lingue, la lingua dei segni e la lingua parlata non sono usate simultaneamente, poiché usano grammatica, sintassi e vocabolario diversi; la lingua dei segni viene solitamente utilizzata come lingua di insegnamento, sebbene alcune scuole bilingue-biculturali utilizzino la lingua parlata in alcuni contesti con alcuni studenti. Molte scuole bilingue-biculturali hanno dormitori; gli studenti possono recarsi a scuola o soggiornare in un dormitorio come parte di un programma residenziale, visitare le loro famiglie durante i fine settimana, le vacanze e le vacanze scolastiche.

I metodi uditivo-orale e uditivo-verbale, conosciuti collettivamente come lingua d’ascolto e parlata, sono forme di educazione orale. Questi metodi si basano sulla convinzione che un bambino non udente possa imparare ad ascoltare e parlare. Questi metodi, presentati come opzioni di comunicazione, si basano sul coinvolgimento dei genitori. I bambini che usano questa opzione possono essere inseriti in un continuum di collocamento scolastico, comprese le scuole orali (come le Clarke Schools for Hearing and Speech), le aule per studenti non udenti nelle scuole pubbliche o le aule tradizionali con studenti udenti.

C’è una grande varietà io

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top