cebnews.eu

Effetto dell’età relativa

Il termine età relativa dell’effetto (RAE) è usato per descrivere un pregiudizio, evidente nei livelli superiori dello sport giovanile e del mondo accademico, dove la partecipazione è più alta tra quelli nati all’inizio del periodo di selezione pertinente (e corrispondentemente inferiore tra quelli nati in ritardo nella selezione periodo) di quanto ci si aspetterebbe dalla distribuzione normalizzata dei nati vivi. Il periodo di selezione è solitamente l’anno solare, l’anno accademico o la stagione sportiva. La differenza nella maturità – che può essere estrema in giovane età: un bambino di sei anni nato a gennaio è quasi il 17% più vecchio di un bambino di sei anni nato a dicembre nello stesso anno – provoca un divario di prestazioni che persiste nel tempo. Il termine mese di bias di nascita viene anche usato per descrivere l’effetto e la stagione di bias di nascita viene usata per descrivere effetti simili guidati da diversi meccanismi ipotizzati. I pregiudizi derivano dall’uso comune dei sistemi relativi all’età, per l’organizzazione della competizione sportiva giovanile e delle coorti accademiche, sulla base di date limite specifiche per stabilire l’ammissibilità all’inclusione. Tipicamente un bambino nato dopo la data limite è incluso in una coorte e un bambino nato prima della data limite è escluso da esso.

La data limite più comune per la competizione sportiva internazionale giovanile è il 1 ° gennaio. Il CIO e la FIFA e le 6 confederazioni internazionali di calcio (AFC, CAF, CONCACAF, CONMEBOL, OFC e UEFA) utilizzano il 1 gennaio come data di chiusura amministrativa per determinare l’idoneità di un atleta a competere nelle competizioni giovanili, bambini nati prima di uno specifico la data limite è esclusa. Il libro di Malcolm Gladwell, Outliers: The Story of Success e SuperFreakonomics di Steven Levitt e Stephen Dubner hanno reso popolare la questione nei confronti di giocatori di hockey su ghiaccio canadesi, giocatori di calcio europei e giocatori di baseball della Major League degli Stati Uniti. La distribuzione prevista delle nascite in un dato mese in una popolazione è strettamente correlata al numero di giorni del mese, con febbraio come il mese più corto con il minor numero di nascite. Il primo grafico mostra la distribuzione delle nascite, per mese, per l’Unione europea nel corso dei dieci anni dal 2000 al 2009. C’è un leggero ma chiaramente percepibile aumento del tasso di natalità nei mesi estivi. Un relativo effetto dell’età è illustrato nel secondo grafico dal mese di distribuzione della nascita di oltre 4.000 giovani giocatori coinvolti nelle squadre di qualificazione per i tornei U17, U19 e U21 organizzati dalla UEFA nel 2010/11. La ricerca suggerisce che le persone nate più vicine alla data limite hanno maggiori probabilità di giocare professionalmente.

Le date limite per la strutturazione delle coorti accademiche, compresa la fissazione degli anni accademici, sono generalmente stabilite dalle autorità educative nazionali e tendono ad essere basate sulle date di inizio autunno, quindi le date limite di agosto o settembre sono comuni nell’emisfero settentrionale e febbraio o Le date limite di marzo sono comuni nell’emisfero australe. Questa tendenza riflette la necessità storica di coinvolgere i bambini nei lavori agricoli estivi con la scuola che inizia dopo la raccolta. Un relativo effetto dell’età nel mondo accademico è illustrato nel terzo grafico che mostra la deviazione percentuale dal mese delle norme del profilo di nascita evidenti nelle graduazioni da Università di Oxford per un periodo di 10 anni. Gli effetti relativi all’età accademica sembrano essere moderati dalla cultura. Uno studio del 2006 rivela che l’età relativa influisce sulle prestazioni degli studenti e ha effetti a lungo termine sui risultati della vita. Gli autori scoprono che “i membri più giovani di ciascuna coorte hanno punteggi inferiori di 4-12 percentili rispetto ai membri più anziani del 4 ° e 2-9 percentili più bassi del livello otto … i dati provenienti dal Canada e dagli Stati Uniti mostrano che i membri più giovani di ogni coorte sono anche meno probabile frequentare l’università “. Uno studio del 2014 rivela che gli studenti italiani nati nei primi mesi dell’anno “hanno maggiori probabilità di essere rintracciati in più scuole accademiche piuttosto che in scuole professionali”.

Un effetto relativo all’età è stato osservato anche nel contesto della leadership. Gli studi hanno trovato una sovrarappresentazione di persone nate subito dopo la data limite dell’entrata in una serie di posizioni di leadership. Tale sovrarappresentazione inizia nelle attività dirigenziali delle scuole superiori come capitano della squadra sportiva o presidente del club. Nella vita adulta, questa sovrarappresentazione è stata osservata in posizioni dirigenziali (CEO di società S & P 500) e in posizioni politiche di vertice, sia negli Stati Uniti (senatori e rappresentanti), sia in Finlandia (parlamentari).

Mentre una rappresentazione eccessiva della partecipazione prematura è evidente nei campi aspirazionali dello sport elitario e dell’educazione, vi è anche evidenza di una corrispondente sovra rappresentazione sproporzionata di bambini tarditi in coorti epidemiologicamente definiti che presentano condizioni come ADHD, schizofrenia e obesità . Uno studio rileva che “l’età di inizio della scuola superiore riduce la propensione a commettere reati in giovane età”. Tuttavia, altri studi non sono riusciti a replicare gli effetti dell’età relativa su temperamento, umore o sviluppo fisico.

Posted in Education

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top