cebnews.eu

Efficace processo decisionale di gruppo

La teoria decisionale del gruppo efficace è una delle diverse teorie della comunicazione interculturale.

Sviluppato negli anni ’90 da John G. Oetzel, si concentra sul processo decisionale all’interno dei gruppi integrando anche la Vigilant Interaction Theory (Hirokawa e Rost) e la Face Negotiation Theory di Ting-Toomey. Prende l’influenza della cultura sui processi di gruppo come base e dipende dalle interazioni sociali tra i membri del gruppo. Lo scopo di questo studio è determinare se la relazione tra qualità dell’interazione di gruppo e performance di decisione di gruppo può essere generalizzata a gruppi organizzativi stabiliti. Quindi la teoria presenta diverse costellazioni di gruppo e il loro modo di prendere decisioni. Sottolineare il possibile successo La teoria di Oetzels appartiene alle teorie che si focalizzano su risultati efficaci. Oetzel afferma che i gruppi che prendono decisioni possono essere omogenei, cioè monoculturali o eterogenei, cioè multiculturali. All’interno di gruppi multiculturali, esistono diverse strategie decisionali con gli individui a causa dei diversi background culturali. Queste diverse strategie possono portare a conflitti nel processo. I diversi background degli individui porteranno anche a diverse strategie per affrontare tali conflitti. L’efficacia di una decisione dipende dalla sua qualità e dalla sua adeguatezza. La Vigilant Interaction Theory descrive il processo decisionale di gruppo come una serie di sotto-decisioni interconnesse che portano alla decisione finale. Secondo la teoria, la qualità della decisione finale è basata su 1) analisi del problema / situazione 2) definizione di obiettivi e obiettivi 3) valutazione delle qualità positive e negative delle scelte disponibili. Questa teoria mostra che le prestazioni decisionali di gruppo dipendono in gran parte dal saggio gruppo di decisioni prese dalle interazioni sociali.

La teoria contiene 14 proposizioni come nucleo. Di questi, la prima metà si concentra sull’influenza degli input sul processo decisionale. Qui Oetzel presuppone che i singoli membri di gruppi omogenei attivino autonomamente o autonomamente (tali membri enfatizzano la decisione sulla qualità e non sono principalmente interessati alle relazioni tra i membri) o autosufficienti interdipendenti (quei membri sono preoccupati per la cooperazione e altri, la decisione è secondaria ). Pertanto gruppi omogenei composti da membri che si attivano autonomamente impiegheranno più tempo per raggiungere una decisione. Il processo è meno cooperativo e avrà più conflitti che con gruppi omogenei i cui membri attivano auto-costrutti interdipendenti. In aggiunta a ciò, i gruppi eterogenei avranno meno probabilità di raggiungere un consenso rispetto ai gruppi omogenei poiché con gruppi omogenei i singoli membri sono più impegnati nel loro gruppo e i loro contributi sono trattati in modo più uniforme rispetto a gruppi eterogenei. Inoltre Oetzel afferma che i gruppi erano la maggioranza dei membri che attivano auto-costrutti indipendenti molto probabilmente useranno strategie di conflitto dominanti, mentre con i gruppi molti membri usano autocostruiti interdipendenti useranno strategie di evitare, compromettere o obbligare quando si affrontano i conflitti.

Le Proposizioni da 8 a 14 si concentrano sull’influenza del processo sull’esito, cioè sulla decisione. Quei gruppi che usano stili cooperativi di gestione dei conflitti, come il compromesso, prendono decisioni più efficaci rispetto a quelli che usano stili evitanti o in competizione poiché mettono il gruppo davanti agli obiettivi personali e hanno più soluzioni creative. Le decisioni saranno anche più efficaci nei gruppi in cui i membri attivano le loro identità personali. Nei gruppi i membri hanno attivato le identità sociali, le decisioni saranno meno efficaci poiché le diverse idee dei membri non vengono utilizzate fino in fondo e la partecipazione è disuguale. Ciò porta al presupposto che i membri più uguali nei loro gruppi sono e più gli individui impegnati sono al loro gruppo e alla decisione più efficace sarà il risultato. Pertanto le decisioni prese per consenso sono più efficaci di quelle fatte a maggioranza, ad esempio. Infine, i “requisiti funzionali” del VIT possono prevedere la qualità delle decisioni in gruppi mono- e multiculturali. Quei gruppi che soddisfano questi requisiti prenderanno decisioni di qualità superiore. Tuttavia, non tutte le proposizioni sono state ancora valutate e Oetzel non ritiene che la sua teoria sia finita.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top