cebnews.eu

geophagia

La geofagia, nota anche come geofagia, è la pratica di mangiare terreni o substrati simili al suolo come argilla o gesso. Si verifica in animali non umani in cui può essere un comportamento normale o anormale, e anche negli esseri umani, il più delle volte nelle società rurali o preindustriali tra bambini e donne incinte. La geophagia umana può essere correlata alla pica, un disturbo alimentare nel manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) caratterizzato da desideri anormali per gli elementi non nutritivi.

Alcuni ricercatori ritengono che gli esseri umani abbiano prima mangiato terreno in Africa: la geofagia è quasi universale in tutto il mondo nelle società rurali tribali e tradizionali (anche se apparentemente non è stata documentata in Giappone o in Corea). Nel mondo antico, diversi scrittori hanno notato il fenomeno della geofagia. Si dice che Plinio abbia notato l’ingestione del suolo a Lemnos, un’isola della Grecia, e che l’uso dei terreni di quest’isola fu notato fino al XIV secolo. Il libro di testo di Ippocrate (460-377 aEV) menziona il geofagia, e il famoso libro di testo medico intitolato DeMedicina a cura di A.Cornelius Celso (14-37 EV) sembra collegare l’anemia al geofagia. I primi esploratori nelle Americhe notarono l’esistenza della geofagia tra i nativi americani, incluso Gabriel Soares de Sousa, che nel 1587 riferì di una tribù in Brasile che lo usava per suicidio, e Alexander von Humboldt, che disse che una tribù chiamata Otomacs mangiava grandi quantità di suolo. In Africa, David Livingstone scrisse di schiavi che mangiavano terra a Zanzibar, e si pensa anche che un gran numero di schiavi portò con sé pratiche di mangiamento del suolo quando furono spediti nel Nuovo Mondo come parte del commercio transatlantico di schiavi. Gli schiavi che praticavano la geofagia erano soprannominati “mangiatori di argilla” perché erano noti per consumare argilla, oltre a spezie, cenere, gesso, erba, gesso, pittura e amido. In tempi più recenti, secondo “Dixie’s Forgotten People: the South’s Poor Whites”, la geophagia era comune tra i bianchi poveri negli Stati Uniti sudorientali tra il XIX e l’inizio del XX secolo, ed era spesso ridicolizzata nella letteratura popolare. La letteratura afferma inoltre: “Molti uomini credevano che mangiare argilla aumentasse la prodezza sessuale, e alcune donne affermavano che mangiare argilla aiutava le donne incinte ad avere una consegna facile”. La geophagia tra i meridionali potrebbe essere stata causata dall’alta prevalenza della malattia da anchilostoma, di cui il desiderio di consumare terreno è un sintomo.

In Africa, il caolino, a volte conosciuto come kalaba (in Gabon e Camerun), calaba e calabachop (in Guinea Equatoriale), viene mangiato per piacere o per sopprimere la fame. Il caolino per il consumo umano è venduto nella maggior parte dei mercati del Camerun ed è spesso aromatizzato con spezie come pepe nero e cardamomo. Il consumo è maggiore tra le donne, specialmente durante la gravidanza. Un altro esempio di geophagia è stato riportato nella provincia di Free State in Sud Africa, dove la pratica è stata investigata geochimicamente. Ad Haiti, le persone colpite dalla povertà sono famose per mangiare biscotti fatti con terra, sale e accorciamento delle verdure. Questi biscotti hanno un valore nutrizionale minimo, ma riescono a tenere in vita i poveri. Tuttavia, si ritiene che il consumo a lungo termine dei biscotti provochi mal di stomaco e malnutrizione e non sia raccomandato dai medici. Negli Stati Uniti, lo sporco e l’argilla cotti, cotti e lavorati vengono venduti nei negozi di alimenti naturali e nei mercati delle pulci rurali del sud. Nelle zone rurali del Mississippi e in altri stati del sud, il consumo di terra ricca di argilla è stato un costume comune ed è stato praticato da bianchi e neri poveri per generazioni. Tuttavia, la geofagia è diventata meno diffusa man mano che gli americani rurali si assimilano alla cultura urbana. L’argilla di bentonite è disponibile in tutto il mondo come aiuto digestivo; Il caolino è anche ampiamente usato come aiuto digestivo e come base per alcune medicine. L’attapulgite, un altro tipo di argilla, è un ingrediente attivo in molti farmaci anti-diarrea.

La geofagia è diffusa nel regno animale. Galeno, il filosofo e medico greco, fu il primo a registrare l’uso dell’argilla da parte di animali malati o feriti nel II secolo d.C. Questo tipo di geophagia è stato documentato in “molte specie di mammiferi, uccelli, rettili, farfalle e isopodi, specialmente tra gli erbivori”.

Molte specie di pappagalli sudamericani sono state osservate su leccacelle di argilla, e cacatua con cresta di zolfo sono stati osservati ingerendo argille in Papua Nuova Guinea. L’analisi dei suoli consumati dagli uccelli selvatici mostra che spesso preferiscono terreni con un alto contenuto di argilla, di solito con le famiglie di argilla smectite ben rappresentate. La preferenza per determinati tipi di argilla o terreno può portare a comportamenti di alimentazione insoliti. Ad esempio, i pappagalli della foresta pluviale amazzonica peruviana si riuniscono non solo in una particolare curva del fiume Manu, ma in uno specifico strato di terreno che corre centinaia di metri orizzontalmente lungo quella curva. I pappagalli evitano di mangiare il substrato in strati di un metro sopra o sotto lo strato preferito. Questi pappagalli mangiano regolarmente semi e frutti acerbi contenenti alcaloidi e altre tossine che si strappano

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top