cebnews.eu

Gestione delle risorse culturali

il suo articolo si occupa di risorse culturali nel senso più ampio: per la cultura tradizionale, archeologica e storica in particolare, si veda anche la gestione del patrimonio culturale Nel senso più ampio, la gestione delle risorse culturali (CRM) è la vocazione e la pratica della gestione delle risorse culturali, come la arte e patrimonio. Incorpora la gestione del patrimonio culturale che si occupa della cultura tradizionale e storica. Scava anche nella cultura materiale dell’archeologia. La gestione delle risorse culturali comprende la cultura attuale, compresa la cultura progressiva e innovativa, come la cultura urbana, piuttosto che la semplice conservazione e presentazione delle forme tradizionali di cultura. Tuttavia, l’ampio uso del termine è relativamente recente e, di conseguenza, viene spesso utilizzato come sinonimo di gestione del patrimonio. Negli Stati Uniti, la gestione delle risorse culturali non è solitamente separata dal contesto del patrimonio. Il termine è “usato per lo più da archeologi e molto più occasionalmente da storici dell’architettura e da architetti storici, per riferirsi alla gestione di luoghi storici di interesse archeologico, architettonico e storico e considerare tali luoghi nel rispetto delle leggi di conservazione ambientale e storica”. Le risorse culturali includono sia beni fisici come archeologia, architettura, dipinti e sculture e anche cultura immateriale come il folklore e le arti interpretative, come la narrazione e il dramma. I gestori delle risorse culturali sono in genere responsabili di musei, gallerie, teatri, ecc., Specialmente quelli che enfatizzano la cultura specifica della regione o del gruppo etnico locale. Il turismo culturale è un settore importante dell’industria turistica. A livello nazionale e internazionale, la gestione delle risorse culturali può riguardare temi più ampi, come le lingue in pericolo di estinzione, l’istruzione pubblica, l’ethos o l’operazione del multiculturalismo e la promozione dell’accesso alle risorse culturali. I capolavori del patrimonio orale e immateriale dell’umanità è un tentativo delle Nazioni Unite di identificare gli esemplari della cultura intangibile.

La gestione delle risorse culturali può far risalire il suo inizio al movimento ambientalista / conservatore negli anni ’60 e ’70. Durante questo periodo, vi è stata una crescita della legislazione relativa alla protezione delle risorse culturali. L’Archaeological and Historic Preservation Act del 1974, comunemente noto come Moss-Bennett Act, ha contribuito ad alimentare la creazione di CRM, creando al tempo stesso “crescita nei lavori archeologici nel governo federale, nel mondo accademico e nel settore privato”. La legislazione federale era stata approvata in precedenza nel 1906 sotto l’Antiquities Act, ma fu solo negli anni ’70 quando il termine “risorse culturali” fu coniato dal National Park Service. Questo termine è entrato in uso più popolare dopo due incontri nel 1974: la conferenza sulla gestione delle risorse culturali e la conferenza di Airlie House. A seguito di queste conferenze, il National Park Service (NPS) ha definito le risorse culturali nelle Linee guida per la gestione delle risorse culturali come: “Quegli aspetti tangibili e intangibili dei sistemi culturali, sia viventi che morti, che sono valutati o rappresentativi di una data cultura o che contenere informazioni su una cultura … [Includono] ma non si limitano a siti, strutture, distretti, oggetti e documenti storici associati o rappresentativi di popoli, culture, attività umane ed eventi, sia nel presente che nel passato. Le risorse culturali possono anche includere dati primari scritti e verbali per l’interpretazione e la comprensione di quelle risorse tangibili. ”

La gestione delle risorse culturali nel contesto del patrimonio riguarda principalmente la ricerca di siti con potenziale archeologico, la conservazione e l’interpretazione di siti e manufatti storici e la cultura delle popolazioni indigene. Il tema si è sviluppato da iniziative in archeologia di salvataggio, sensibilità al trattamento delle popolazioni indigene e legislazione successiva per proteggere il patrimonio culturale. Negli anni ’70, gli archeologi hanno creato il termine “gestione delle risorse culturali” come un parallelo alla gestione delle risorse naturali per affrontare le seguenti risorse:

Negli Stati Uniti, un compito comune di gestione delle risorse culturali è l’implementazione di una revisione della sezione 106: gli archeologi CRM determinano se i progetti finanziati a livello federale rischiano di danneggiare o distruggere siti archeologici che potrebbero essere idonei per il registro nazionale dei luoghi storici. Questo processo comporta comunemente una o più indagini sul campo archeologico.

La gestione delle risorse culturali include persone appartenenti a una vasta gamma di discipline. L’educazione generale dei più coinvolti nel CRM include, ma non si limita a, sociologia, archeologia, storia architettonica, antropologia culturale, geografia sociale e culturale e altri campi nelle scienze sociali. Nel campo della gestione delle risorse culturali ci sono molte scelte professionali. Si potrebbe ottenere una carriera con un’agenzia di azione che lavori direttamente con il NEPA o, più specificamente, con N

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top