cebnews.eu

Hayandose

Hayandose è una categoria culturale utilizzata per esprimere appartenenza e appartenenza ai migranti zapoteche, descritta dall’antropologa culturale Lourdes Gutiérrez-Nájera. Hayandose implica un processo di creazione di spazi etnicamente contrassegnati tra i migranti nel tentativo di combattere i sentimenti di emarginazione e spostamento in un paese ospitante. Questo concetto può essere paragonato alla nozione di Native Hubs sviluppata dall’antropologa Renya Ramirez per descrivere come i Nativi Americani urbani negoziano un’esistenza transnazionale.

“Hayandose”, in Beyond el Barrio: Everyday Life in Latina / o America, esamina il ruolo degli indigeni nell’ambito più ampio degli studi latinoamericani e anche all’interno del panorama politico nazionale. Come sostenuto nel testo, i soggetti indigeni non si adattano facilmente alla categoria di “Latino” usata per descrivere le identità nazionali; per esempio, guatemalteco, messicano, ecuadoriano. Allo stesso tempo, i migranti indigeni sono spesso bersagliati di razzismo e pregiudizi diretti contro di loro. Il saggio è in conversazione con altri saggi del volume che interrogano i modi in cui i latinos ritagliano nicchie per se stessi e prosperano negli spazi urbani degli Stati Uniti. Come sostiene il saggio Hayandose, tali spazi stabiliti consentono ai migranti, alle prese con la separazione dal loro paese d’origine e alla stigmatizzazione razzista nel paese ospitante, di impegnarsi in una “pratica significativa di appartenenza” in cui sono in grado di esprimere la loro appartenenza culturale. Hayandose segna il punto in cui le persone si sentono finalmente come se appartenessero alla scoperta di se stessi in un luogo straniero.

Gutiérrez-Nájera usa Zapotec come esempio di migranti che provengono da Oaxaca, Messico e formano i loro spazi di appartenenza negli Stati Uniti, in particolare a Los Angeles. Gli zapoteciani di cui scrive Gutiérrez-Najera provengono da Yalálag, una piccola città rurale nel cuore di Oaxaca. La comunità di Yalaltecos a Los Angeles si riunisce collettivamente e partecipa a festival, cerimonie, tandas e altri piccoli raduni dove possono spettegolare in Zapotec, condividere cibo, ballare, sostenersi finanziariamente ed emotivamente a vicenda e impegnarsi in altri costumi e tradizioni dai loro luogo d’origine. L’esistenza e la pratica di costumi e tradizioni che un tempo si pensava fossero esclusivi di Yalálag, ma che ora hanno permeato la società americana, dimostra il carattere transnazionale dell’indigene di Yalaltecos che rende possibile il processo di Hayandose attraverso il sequestro e la dichiarazione di questi etnicamente spazi. Yalaltecos, che vive a Los Angeles, ha invocato la propria identità culturale a centinaia di chilometri da casa e l’ha usata come strumento per resistere alla spinta per l’assimilazione e l’emarginazione all’interno degli Stati Uniti. Pertanto, la trasmissione e la continuità della cultura attraverso i confini nazionali sono essenziali per Yalaltecos per segnare il proprio spazio e alla fine si trovano in un ambiente ostile lontano dal loro paese d’origine. Con questo nuovo senso di appartenenza, l’opportunità di “radunare” i diritti degli indigeni e lo sviluppo delle comunità locali a Oaxaca, nonché di organizzarsi negli Stati Uniti in merito alla legislazione sugli immigrati “non è più fuori portata. Questa affermazione viene riaffermata da un altro studioso, Annice Jacoby, il quale sostiene che l’affermazione delle identità transnazionali consente di mettere in discussione “confini di proprietà, spazio e agenzia sociale”. Una volta che un migrante si hayan, o si trova, hanno acquisito un senso di appartenenza affermando la loro appartenenza culturale e affrontando la loro emarginazione e spostamento all’interno di uno spazio collettivamente o individualmente contrassegnato come proprio nel paese ospitante. Questo fenomeno funge quindi da ponte per i migranti per ottenere ascendente sociale e riconoscimento che ha il potenziale per migliorare la vita sia nell’abitazione che nel paese ospitante.

Hayandose riflette anche un processo culturale contemporaneo noto come de / territorializzazione. Quando gli emigranti si sono trasferiti negli Stati Uniti, loro e la loro cultura sono diventati deterritorializzati. Una volta trasferiti, tuttavia, sono simultaneamente reterritorializzati mentre iniziano a formare uno spazio per loro stessi e praticano le loro usanze e tradizioni come hanno fatto nel loro paese d’origine. La teoria della de / territorializzazione può essere vista nella comunità di Yalalteco a Los Angeles attraverso la perseveranza della loro solidarietà culturale da Oaxaca alla California e il mantenimento dei legami comunitari che attraversano i confini nazionali. Le teorie della de / territorializzazione e Hayandose implicano il movimento della cultura da un luogo all’altro, e quindi rivelano che la cultura dei “centri multipli” può ottenere, al contrario di un singolo “centro” che è il luogo di origine. Poiché la migrazione causa spostamenti forzati tra gli emigranti che sono costretti ad adattarsi a un nuovo ambiente, cultura e stile di vita, portare la cultura e le abitudini che hanno praticato nei loro luoghi di origine nella loro nuova posizione aiuta a combattere questi sentimenti negativi e aggiunge anche un “centro” aggiuntivo a thei

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top