cebnews.eu

interculturalità

L’interculturalità si riferisce al sostegno al dialogo interculturale e alle sfidanti tendenze di auto-segregazione all’interno delle culture. L’interculturalità implica il superamento della mera accettazione passiva di un fatto multiculturale di più culture effettivamente esistenti in una società e invece promuove il dialogo e l’interazione tra culture. L’interculturalità è sorto in risposta alle critiche alle politiche esistenti del multiculturalismo, come le critiche secondo cui tali politiche non sono riuscite a creare inclusioni di culture diverse all’interno della società, ma hanno diviso la società legittimando comunità segregate separate che si sono isolate e hanno accentuato la loro specificità. Si basa sul riconoscimento di differenze e somiglianze tra culture. Ha affrontato il rischio della creazione di un relativismo assoluto all’interno della postmodernità e nel multiculturalismo. La filosofa Martha Nussbaum nel suo lavoro Coltivare l’umanità, descrive l’interculturalità come implicante “il riconoscimento di bisogni umani comuni attraverso le culture e di dissonanza e dialogo critico all’interno delle culture” e che gli interculturali “rifiutano la rivendicazione della politica dell’identità che solo i membri di un particolare gruppo hanno capacità di comprendere la prospettiva di quel gruppo “. Ali Rattansi, nel suo libro Multiculturalism: A Very Short Introduction (2011) sostiene che l’interculturalità offre un modo più fruttuoso rispetto al multiculturalismo convenzionale per i diversi gruppi etnici di coesistere in un’atmosfera che incoraggia sia una migliore comprensione inter-etnica sia una civiltà; fornisce esempi utili di come i progetti interculturali nel Regno Unito hanno dimostrato nella pratica un modo costruttivo per promuovere la civiltà multietnica. Sulla base di un considerevole corpus di ricerche, egli espone anche i contorni di una nuova interpretazione della storia globale che mostra che i concetti di tolleranza non sono limitati all’Occidente, e che ciò che è solitamente considerato come un risultato culturale occidentale unico dovrebbe essere più appropriato considerato come un successo eurasiatico. Offre quindi una visione più interculturale della storia globale che mina le nozioni di “uno scontro di civiltà”. L’interculturalità ha sia sostenitori che oppositori tra le persone che sostengono il multiculturalismo. Gerald Delanty considera l’interculturalità come capace di incorporare il multiculturalismo al suo interno. Al contrario, Nussbaum vede l’interculturalità come distinta dal multiculturalismo e osserva che diversi professori di materie umanistiche hanno preferito l’interculturalità sul multiculturalismo perché considerano il multiculturalismo come “associato al relativismo e alla politica dell’identità”. L’agenzia delle Nazioni Unite dell’UNESCO ha adottato nel 2005 [[Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali]] che dichiara il sostegno all’interculturalità. In Germania, tutte le università sono tenute ad avere una sezione sulla competenza interculturale nei loro programmi di lavoro sociale, che coinvolge gli studenti che sono in grado di essere aperti ad ascoltare e comunicare con persone di diversa estrazione culturale, avere conoscenza dei background di gruppi culturali, conoscenza di stereotipi e pregiudizi esistenti che coinvolgono gruppi culturali e altri criteri. Salman Cheema, Responsabile Marketing e Comunicazione del British Council, in un articolo intitolato “Dal multiculturalismo all’interculturalità – Una prospettiva britannica”, ha parlato di un evento co-organizzato dal British Council e dall’Institute of Research on Public Policy del Canada (IRPP) L’11 aprile 2013, a Montreal, in Québec, in Canada, il difensore interculturale Phil Wood ha dichiarato che il multiculturalismo ha affrontato seri problemi che devono essere risolti attraverso l’interculturalità e ha respinto gli oppositori del multiculturalismo che cercano di ripristinare una società monoculturalista pre-multiculturalista. Diversi giorni dopo a Montreal, il Nuovo Partito Democratico del Canada (NDP) ha dichiarato che il sostegno all’interculturismo nel preambolo della sua costituzione ha adottato la sua convenzione federale tenutasi a Montreal il 14 aprile 2013.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top