cebnews.eu

Matriarcato

Il matriarcato è un sistema sociale in cui le femmine (in particolare nei mammiferi) detengono le posizioni di potere primarie in ruoli di leadership politica, autorità morale, privilegio sociale e controllo della proprietà a esclusione specifica dei maschi – almeno in larga misura. Mentre quelle definizioni si applicano in inglese generale, le definizioni specifiche delle discipline dell’antropologia e del femminismo differiscono sotto alcuni aspetti. La maggior parte degli antropologi sostiene che non esistono società antropologiche conosciute che siano inequivocabilmente matriarcali, ma alcuni autori credono che le eccezioni possano esistere o potrebbero avere. I matriarcali possono anche essere confusi con le società matrilineari, matrilocali e matrifocali. Alcune persone considerano il sistema matriarcale qualsiasi sistema non patriarcale, includendo così i sistemi di uguaglianza di genere (Peggy Reeves Sanday preferisce ridefinire e reintrodurre la parola matriarcato, specialmente in riferimento alle società matrilineari contemporanee come il Minangkabau), ma la maggior parte degli accademici li esclude dai matriarcati rigorosamente definito. Nell’ambito della ricerca occidentale del XIX secolo, l’ipotesi del matriarcato che rappresentava uno stadio precoce, principalmente preistorico, dello sviluppo umano acquistò popolarità. Sono state citate le possibilità delle cosiddette società primitive e l’ipotesi è sopravvissuta fino al XX secolo, anche nel contesto del femminismo della seconda ondata. Questa ipotesi è stata criticata da alcuni autori come Cynthia Eller in Il mito della preistoria matriarcale e rimane una questione in gran parte irrisolta fino ad oggi. Alcuni miti più antichi descrivono matriarcati. Diverse femministe moderne hanno sostenuto il matriarcato ora o in futuro ed è apparso nella letteratura femminista. In diverse teologie, il matriarcato è stato descritto come negativo.

Secondo l’Oxford English Dictionary (OED), il matriarcato è una “forma di organizzazione sociale in cui la madre o la donna più anziana è il capofamiglia, e la discendenza e il rapporto sono calcolati attraverso la linea femminile: governo o regola di una donna o donne.” Una definizione popolare, secondo James Peoples e Garrick Bailey, è “dominanza femminile”. Nell’ambito della disciplina accademica dell’antropologia culturale, secondo l’OED, il matriarcato è una “cultura o comunità in cui prevale un tale sistema” o una “famiglia, società, organizzazione, ecc., Dominata da una donna o da donne”. In generale l’antropologia, secondo William A. Haviland, il matriarcato è “regola dalle donne”. Un matriarcato è una società in cui le donne, in particolare le madri, hanno il ruolo centrale di leadership politica, autorità morale e controllo della proprietà, ma non includono una società che a volte è guidata da una femmina per ragioni non matriarcali o un’occupazione in cui le femmine generalmente predominano senza riferimento al matriarcato, come la prostituzione o le ausiliarie femminili di organizzazioni gestite da uomini. Secondo Lawrence A. Kuzner nel 1997, A. R. Radcliffe-Brown sostenne nel 1924 che le definizioni di matriarcato e patriarcato presentavano “mancanze logiche ed empiriche …. [e] erano troppo vaghe per essere scientificamente utili”. La maggior parte degli accademici esclude sistemi egualitari non patriarcali dai matriarcati più rigorosamente definiti. Secondo Heide Göttner-Abendroth, una riluttanza ad accettare l’esistenza dei matriarcati potrebbe essere basata su una nozione culturalmente specifica di come definire il matriarcato: perché in un patriarcato gli uomini dominano le donne, un matriarcato è stato spesso concettualizzato come donne che dominano gli uomini , mentre credeva che i matriarcati fossero egualitari. La parola matriarcato, per una società politicamente guidata da donne, in particolare le madri, che controllano anche la proprietà, viene spesso interpretata come l’opposto di genere del patriarcato, ma non è l’opposto. Secondo Peoples e Bailey, la visione dell’antropologa Peggy Reeves Sanday è che i matriarcati non sono una forma speculare di patriarcati, ma piuttosto che un matriarcato “enfatizza i significati materni dove” i simboli materni sono legati alle pratiche sociali che influenzano la vita di entrambi i sessi e dove le donne gioca un ruolo centrale in queste pratiche.Il giornalista Margot Adler ha scritto, “letteralmente, … [” matriarcato “] significa governo delle madri, o più in generale, governo e potere nelle mani delle donne.” Barbara Love e Elizabeth Shanklin hanno scritto, “per” matriarcato “intendiamo una società non alienata: una società in cui le donne, quelle che producono la generazione successiva, definiscono la maternità, determinano le condizioni della maternità e determinano l’ambiente in cui è allevata la generazione successiva.” a Cynthia Eller, “il matriarcato” può essere pensato … come una descrizione abbreviata per qualsiasi società in cui il potere delle donne sia uguale o superiore a quello degli uomini e in cui la cultura si concentra sui valori e eventi descritti come “femminili”. “Eller ha scritto che l’idea del matriarcato si basa principalmente su due pilastri, il romanticismo e la critica sociale moderna. La nozione di matriarcato intendeva descrivere qualcosa come un’utopia collocata nel passato per legittimare la critica sociale contemporanea. Per quanto riguarda una matr matrice preistorica

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top