cebnews.eu

Nomade

Un nomade (“popolo senza dimora fissa”) è un membro di una comunità di persone senza fissa dimora che si sposta regolarmente da e verso le stesse aree, compresi cacciatori-raccoglitori nomadi, nomadi pastorali (possedere bestiame) e nomadi nomadi o commercianti. A partire dal 1995, c’erano circa 30-40 milioni di nomadi nel mondo. La caccia e la raccolta nomadi, seguendo piante selvatiche e selvaggina disponibili stagionalmente, sono di gran lunga il metodo di sussistenza umano più antico. I pastori allevano mandrie, guidandole o spostandosi con loro, in modelli che normalmente evitano pascoli esaurenti oltre la loro capacità di recupero. Il nomadismo è anche uno stile di vita adattato alle regioni sterili come la steppa, la tundra, il ghiaccio e la sabbia, dove la mobilità è la strategia più efficiente per sfruttare le scarse risorse. Ad esempio, molti gruppi nella tundra sono pastori di renne e sono semi-nomadi, seguendo il foraggio per i loro animali. Questi nomadi a volte adattano l’uso di alta tecnologia come il solare fotovoltaico per ridurre la loro dipendenza dal gasolio. Talvolta anche descritte come “nomadi” sono le varie popolazioni itineranti che si muovono in aree densamente popolate che vivono non con risorse naturali, ma offrendo servizi (artigianali o commerciali) alla popolazione residente. Questi gruppi sono conosciuti come “nomadi peripatetici”.

Un nomade è una persona senza una casa stabile, che si sposta da un posto all’altro come un modo per ottenere cibo, trovare pascoli per il bestiame, o comunque guadagnarsi da vivere. La parola Nomad deriva da una parola greca che significa uno che vaga per il pascolo. La maggior parte dei gruppi nomadi segue uno schema annuale o stagionale di movimenti e insediamenti. I popoli nomadi viaggiano tradizionalmente per animali o in canoa o a piedi. Oggi alcuni nomadi viaggiano in automobile. La maggior parte dei nomadi vive in tende o altri rifugi portatili. I nomadi continuano a muoversi per diversi motivi. I foraggiatori nomadi si muovono alla ricerca di selvaggina, piante commestibili e acqua. Gli aborigeni australiani, i negri dell’Asia sudorientale e San Africa, ad esempio, si spostano tradizionalmente da un campo all’altro per cacciare e raccogliere piante selvatiche. Alcune tribù delle Americhe hanno seguito questo stile di vita. I nomadi pastorali si guadagnano da vivere allevando bestiame, come cammelli, bovini, capre, cavalli, pecore o yak, la tribù Gaddi dell’Himachal Pradesh, l’India è una di queste tribù. Questi nomadi viaggiano per trovare altri cammelli, capre e pecore attraverso i deserti dell’Arabia e dell’Africa settentrionale. I Fulani e il loro bestiame viaggiano attraverso le praterie del Niger in Africa occidentale. Alcuni popoli nomadi, in particolare i pastori, possono anche spostarsi per razziare comunità insediate o evitare nemici. I commercianti e commercianti nomadi viaggiano per trovare e servire i clienti. Includono i fabbri indiani Lohar, i commercianti romani e gli irlandesi viaggiatori. La maggior parte dei nomadi viaggia in gruppi di famiglie chiamati gruppi o tribù. Questi gruppi si basano su legami di parentela e matrimonio o su accordi formali di cooperazione. Un consiglio di maschi adulti prende la maggior parte delle decisioni, anche se alcune tribù hanno capi. Nel caso dei nomadi mongoli, una famiglia si muove due volte l’anno. Questi due movimenti si verificano generalmente durante l’estate e l’inverno. La posizione invernale si trova solitamente vicino alle montagne in una valle e la maggior parte delle famiglie ha già le loro posizioni fisse invernali. I luoghi invernali hanno un riparo per gli animali e non vengono utilizzati da altre famiglie mentre sono fuori. In estate si spostano in un’area più aperta che gli animali possono pascolare. La maggior parte dei nomadi di solito si spostano nella stessa regione e non viaggiano molto lontano verso una regione totalmente diversa. Poiché di solito circolano attorno a una vasta area, si forma una comunità e le altre famiglie generalmente sanno dove si trovano gli altri. Molto spesso, una famiglia non avrebbe le risorse per spostarsi da una provincia all’altra a meno che non si stiano spostando definitivamente dall’area. Una famiglia può muoversi da sola o con altri e se si muove da sola, di solito non distano più di un paio di chilometri l’uno dall’altro. Nei giorni nostri non ci sono tribù e le persone prendono decisioni tra i loro familiari, sebbene si consultino con gli anziani sulle solite questioni. La vicinanza geografica delle famiglie è di solito di supporto reciproco. Le società nomadi pastorali di solito non hanno una grande popolazione. Una di queste società, i mongoli, ha dato origine al più grande impero della terra della storia. I Mongoli originariamente consistevano in tribù nomadi liberamente organizzate in Mongolia, Manciuria e Siberia. Alla fine del XII secolo, Gengis Khan unì loro e altre tribù nomadi per fondare l’impero mongolo, che alla fine si estese per tutta l’Asia. Il modo di vivere nomade è diventato sempre più raro. Molti governi non amano i nomadi perché è difficile controllare i loro movimenti e ottenere da loro tasse. Molti paesi hanno convertito i pascoli in terre coltivate e costretto popolazioni nomadi in insediamenti permanenti.

I cacciatori-raccoglitori “nomadi” (noti anche come foraggiatori) si spostano dal campeggio al campeggio, seguendo la selvaggina e i frutti e le verdure selvatiche. La caccia e la raccolta descrivono la nostra a

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top