cebnews.eu

Nove Worthies

I Nove Worthies sono nove personaggi storici, scritturali e leggendari che personificano gli ideali cavallereschi che si erano stabiliti nel Medioevo. Tutti sono comunemente definiti “Principi”, a dispetto dei titoli veri che ogni uomo può avere detenuto. In francese si chiamano Les Neuf Preux, che significa “Nove Valiants”, termine che dà un’idea leggermente più focalizzata del tipo di virtù morale che si riteneva rappresentasse così perfettamente, quella del coraggio e del generale soldato. Lo studio della vita di ciascuno costituirebbe quindi una buona educazione per l’aspirante allo stato cavalleresco. In Italia sono io Nove Prodi. I Nove Worthies comprendono tre pagani (Ettore, Alessandro Magno e Giulio Cesare), tre ebrei (Giosuè, David e Giuda Maccabeo) e tre cristiani (Re Artù, Carlo Magno e Goffredo di Buglione).

Sono stati descritti per la prima volta all’inizio del XIV secolo, da Jacques de Longuyon nel suo Voeux du Paon (1312). La loro selezione, come ha sottolineato Johan Huizinga, tradisce una stretta connessione con il genere romantico della cavalleria. Ordinariamente divisi in una triade di triadi, questi uomini erano considerati dei paragoni cavallereschi nella loro particolare tradizione: siano essi pagani, ebrei o cristiani. Le scelte di Longuyon divennero presto un tema comune nella letteratura e nell’arte del Medioevo e guadagnarono un posto permanente nella coscienza popolare. La “brama di simmetria” medievale generò equivalenti femminili, i neuf presumibilmente, a volte aggiunti, anche se le donne scelte variavano. Eustache Deschamps ha selezionato “un gruppo di eroine piuttosto bizzarre” selezionato tra fiction e storia, tra cui Penthesilea, Tomyris, Semiramis. La letteratura e le serie di arazzi presentavano il complemento completo di diciotto, le cui figure allegoriche precedettero il re Enrico VI d’Inghilterra nella sua trionfale entrata reale a Parigi, nel 1431. Un “decimo degno” fu aggiunto da Deschamps, nella figura di Bertrand du Guesclin, Cavaliere bretone a cui la Francia doveva il recupero dalle battaglie di Crécy (1346) e Poitiers (1356). Francis I di Francia ancora occasionalmente si sfilava a corte vestito con la “modalità antica” per identificarsi anche come uno dei Neuf Preux. Il codice Ingeram del 1459 presenta lo stemma dei Nine Worthies tra una lista più ampia di armi attribuite di individui esemplari, come i tre “migliori ebrei”, i “migliori pagani” ei “migliori cristiani” accanto alle armi attribuite a tre eroi del re David (soprannominato “i primi stemmi”), i Tre Magi, i “tre principi più miti”, i “tre peggiori tiranni” (Nabucodonosor, Antioco Epiphanes e Nerone), “tre pazienti” (Alphonse the Wise, Job e Sant’Eustachio), “tre re unti” (Francia, Danimarca e Ungheria) e “tre nobili dinastie” (Luigi XI di Francia, detto “Luigi il Prudente” come Dauphin, Ladislao I d’Ungheria, e Ottone III, Duca di Brunswick -Lüneburg della House of Welf).

Come gruppo, i nove personaggi rappresentano tutte le sfaccettature del guerriero perfettamente cavalleresco. Tutti, ad eccezione di Hector, stanno conquistando eroi. (Nonostante la successiva rovina di Arthur, i testi storici e letterari registrano le sue prime conquiste in Gran Bretagna e nel continente). Quelli non reali provenivano da famiglie cavalleresche, si pensava. Tutti visse nell’era pre-araldica e le armi attribuite furono inventate per loro, come nell’incisione di Lucas van Leyden. Tutti portarono gloria e onore alle loro nazioni e furono notati per la loro prodezza personale nelle armi. Come individui, ognuno mostrava una qualità eccezionale di cavalleria che li rendeva esemplari di cavalierato. Che le nove figure individuali non fossero generalmente distinte, iconograficamente, rispetto alla relativa antichità o etnia, suggerirebbe che le virtù che manifestano devono essere intese come senza tempo e universali.

I Nine Worthies comprendono una triade di triadi come segue:

I Nine Worthies erano anche un soggetto popolare per le maschere nell’Europa del Rinascimento. Nell’opera teatrale di William Shakespeare “Love’s Labor’s Lost”, i personaggi comici tentano di mettere in scena una simile maschera, ma essa scende nel caos. L’elenco di Worthies effettivamente nominati nel gioco include due non nell’elenco originale, Hercules e Pompeo il Grande. Alessandro, Giuda Maccabeo ed Ettore compaiono anche sul palco prima che lo spettacolo collassi in completo disordine. I worthies sono menzionati anche in Henry IV, Parte 2 in cui Doll Tearsheet è così impressionato dal coraggio di Falstaff nel combattere Ancient Pistol che dice di essere “valoroso come Hector di Troy, vale cinque di Agamennone, e dieci volte meglio dei Nove” worthies”. Don Chisciotte evoca i Nine Worthies nel Volume I, capitolo 5, raccontando a un contadino (che sta cercando di fargli ammettere chi è) “So che potrei essere non solo quelli che ho nominato, ma tutti i Dodici pari di Francia e anche tutti i Nine Worthies, poiché i miei risultati superano tutto quello che hanno fatto tutti insieme e ognuno di loro per conto proprio “.

I Nove Worthies non avevano ancora ceduto alla cultura popolare nemmeno nel diciassettesimo secolo, per un fregio dei Nove

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top