cebnews.eu

Parentocracy

Una parentocrazia è un sistema in cui l’educazione di un bambino deve conformarsi alla ricchezza e ai desideri dei genitori piuttosto che alle capacità e agli sforzi dell’alunno, in contrasto con una meritocrazia, che distribuisce ricompense educative e finanziarie in base alle capacità e agli sforzi. La Parentocrazia è un concetto sociologico che riflette l’ideologia politica e ha influenzato l’organizzazione delle scuole sin dall’atto di riforma dell’istruzione del 1988. Fondamentalmente, i genitori hanno diritti e scelte dominanti nell’istruzione indipendentemente dai mezzi. A partire dalla Legge sulla riforma dell’istruzione del 1988, la politica sociale ha creato una relazione tra genitori e scuole nel Regno Unito, che è caratterizzata dai principi della commercializzazione. Si sostiene che i genitori sono ora visti principalmente come consumatori educativi, le cui scelte determinano il tipo di educazione che riceve loro figlio. Ad esempio, la scelta di un genitore di vivere nel bacino di utenza di una particolare scuola determina potenzialmente il successo scolastico del bambino. L’idea che i genitori siano consumatori attraverso la commercializzazione è controbilanciata da obblighi e restrizioni. La capacità di esercitare la scelta è limitata dalla classe sociale, sia per motivi economici che per capitale culturale, ad esempio il costo effettivo di trasferirsi in un bacino di utenza con una scuola desiderabile. I sociologi Fulcher e Scott dicono che in una parentocrazia, Risorse + Preferenze = Scelta. Come Ball, et al. Dice che non tutti hanno le stesse risorse per prendere le stesse decisioni. Ad esempio, i genitori della classe media sono più propensi a pagare per il tutoraggio del figlio per superare gli esami, mentre la classe lavoratrice può avere la stessa intenzione ma non può farlo. Ball discute anche del modo in cui la commercializzazione è “apparsa” solo per creare una parentocrazia, fornendo pari diritto all’educazione e lasciando che i genitori scelgano a chi vogliono che i loro figli partecipino. Sharon Gerwitz lo ha esplorato, scrivendo che i genitori borghesi hanno più capitale economico e culturale dei genitori della classe lavoratrice, e questo permette loro di approfittare delle scelte disponibili. Possono mandare i loro figli nelle scuole che desiderano avendo la possibilità di sostenere le spese di viaggio, e che possono spostarsi in un bacino di utenza più facile di quello di una famiglia della classe operaia. Ha anche notato come i genitori della classe media hanno socializzato i loro figli nella chiesa in chiesa solo per portare i loro figli in scuole considerate rispettabili. Questo mostra come, come Ball, et al. Dice che la ricchezza determina in larga misura l’estensione della scelta. Nonostante la disuguaglianza argomentata e la mancanza di scelta, molti fattori contrastano questo. Per esempio le politiche del lavoro includevano cose come le zone di azione educativa per migliorare le scelte. Le zone di azione educativa presumibilmente identificano aree considerate deprivate in modo che possano essere migliorate attraverso risorse aggiuntive. Una proposta recentemente approvata solleva l’età scolastica a 18 anni. Questo aumenta la genitorialità in quanto aiuta gli studenti di tutte le provenienze a ricevere un’istruzione superiore, rispetto all’età precedente, 16 anni, che ha limitato molti studenti e famiglie. Un’altra politica, l’EMA, incoraggia anche una maggiore scelta, in quanto consente agli studenti di una famiglia a basso reddito (ad esempio, classe lavoratrice) di avere un’istruzione uguale a quella di qualsiasi classe o etnia fornendo un’indennità di mantenimento scolastica che aiuti gli studenti a rimanere a scuola oltre i 16 anni. Witty pensa che la politica EMA aiuti a mantenere gli studenti delle classi lavoratrici oltre i 16 anni, ma pensa che le tasse per l’istruzione superiore non consentano loro di andare oltre. Come dimostra spiritoso, le tasse sono importanti nell’istruzione, specialmente considerando i tipi di scuole come le scuole private, che richiedono tasse per l’ammissione, e persino tasse esplorate nell’istruzione superiore, come le università. Gli educatori credevano che una meritocrazia avrebbe promosso l’uguaglianza delle opportunità nell’istruzione, abbattendo alcune barriere sociali che limitano le persone con le tasse. Brown, tuttavia, suggerisce che stiamo entrando in una “terza ondata” nella storia della scuola, allontanandoci dall”ideologia della meritocrazia ‘verso una nuova ideologia della parentocrazia. Ciò è guidato da una credenza nei diritti dei genitori e favorisce fortemente la filosofia dei principi di mercato nell’istruzione. La scelta genera competizione, ma se le scuole devono competere per la reputazione, le scelte possono essere limitate in quanto le scuole popolari non possono espandersi, quindi diventano sempre più selettive. Il programma della grande lotteria scolastica esplora ciò, fornendo prove statistiche che su 830 ricorsi di genitori che non hanno scelto l’istruzione del figlio, solo 28 hanno avuto successo e il 95% sono stati licenziati tutti insieme. Judd è d’accordo con le opinioni espresse dal programma, affermando che tra il 25 e il 50% dei genitori non accetta i figli nella scelta della scuola. Questo è simile al fatto che le scuole possono rinunciare al controllo del governo. Questo elabora come chi può permetterselo può scegliere una scuola con un costo di ammissione elevato (come una scuola privata), mentre chi non può limitarsi a limitarsi a scelte libere o meno costose. Tuttavia, anche le scuole costose possono fallire. Inoltre, entro il 2008,

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top