cebnews.eu

Patriarcato cinese

Il patriarcato cinese si riferisce alla storia e alla prevalenza del dominio maschile nella società e nella cultura cinesi.

Mencio ha delineato le tre subordinazioni. Una donna doveva essere subordinata a suo padre in gioventù, suo marito in maturità e suo figlio in età avanzata. Le relazioni familiari sono prefissate e gli stili di vita e i comportamenti della famiglia sono limitati dalle norme sociali. Un’altra di queste citazioni famose è anche legata al patriarcato trovato ad Atene. “Gli uomini sono liberi di girovagare fuori, ma la donna deve stare dentro.” Un cliché di testi classici, che si ripete in tutta la tradizione, è la nozione familiare che gli uomini governano il mondo esterno, mentre le donne governano la casa. Nella dinastia Han, lo storico femminile Ban Zhao ha scritto Lezioni per le donne, consigli su come le donne dovrebbero comportarsi. Ella delinea le quattro virtù che le donne devono rispettare: virtù propria, linguaggio appropriato, volto appropriato, merito proprio. Le “tre subordinazioni e le quattro virtù” sono una frase comune di quattro caratteri in tutto il periodo imperiale. Per quanto riguarda lo sviluppo storico del patriarcato cinese, lo status delle donne era più alto nella dinastia Tang, quando le donne praticavano sport (polo) ed erano generalmente più liberi nella moda e nella condotta. Tra le dinastie Tang e Song, sorse una moda per i piccoli piedi, e dalla dinastia Song in poi il legame del piede divenne sempre più comune per l’élite. Nella dinastia Ming si sviluppò una tradizione di vedovanza virtuosa. Le vedove, anche se rimaste vedove in giovane età, non si sarebbero risposate. I loro nomi virtuosi potrebbero essere visualizzati sull’arco all’ingresso del villaggio. Le concezioni confuciane di “rispetto per gli anziani” si sono concentrate sul mantenimento del ruolo tradizionale del padre come leader primario e decisore della famiglia. Nella gerarchia della vita familiare culturale tradizionale cinese, padre e figli prendono il sopravvento sulla madre e le figlie.

Le caratteristiche del patriarcato nella Cina del 20 ° e 21 ° secolo sono una combinazione di problemi contemporanei riscontrati anche nell’Occidente e nelle questioni tradizionali cinesi. Gli uomini detengono la maggior parte delle principali posizioni di potere all’interno del paese, specialmente nella sfera politica e militare. Tuttavia, con il declino delle pratiche tradizionali nel corso del 20 ° secolo, le donne sono arrivate a godere di un potere economico praticamente uguale. Ciò è particolarmente vero nelle città, dove lo stigma sociale di essere una donna lavoratrice è praticamente inesistente, anche se lo scetticismo nei confronti delle donne non sposate e con mentalità orientata alla carriera è in aumento. Sebbene entrambi i sessi siano sottoposti a forti pressioni per essere sposati, le donne che rimangono celibe oltre i 25 anni vengono svergognate dai media statali con le donne dell’etichetta rimaste. Inoltre, i legami dei piedi e i matrimoni combinati sono stati praticamente sradicati. C’è anche il problema degli aborti forzati in Cina, specialmente per scopi di selezione del sesso; le autorità sono state accusate di dare alle donne praticamente alcun controllo sui loro corpi in questo settore.

Quasi ogni dinastia in Cina era guidata da un imperatore maschio e manteneva una società patriarcale. Il filosofo cinese Confucio affermò tre linee guida e cinque virtù nel confucianesimo. Una di queste linee guida richiede che i ministri debbano sottomettersi al re, i figli devono sottomettersi al padre e le mogli devono sottomettersi al marito. Insieme ad altre innumerevoli regole fatte da uomini per governare la femmina, queste linee guida forniscono prove che dimostrano che lo status di una donna cinese nella società cinese è incredibilmente basso e il patriarcato è “ragionevole” e “indiscutibile”. Anche se a volte il patriarcato potrebbe essere crudele e danneggiare il corpo femminile, le donne sono ancora disposte a seguire queste tradizioni a causa della pressione sociale. Mentre il popolo cinese e la società hanno compreso l’importanza dei diritti uguali tra due generi, il patriarcato esiste ancora nella società cinese odierna. Questa voce fornirà varie prove, analizzerà il patriarcato sia nella vecchia che nella nuova società cinese, e dimostrerà che le donne sono disposte a regolare il proprio corpo per ottenere potere, o per sopravvivere, nella società patriarcale cinese. Nella vecchia Cina, lo status delle donne sia nella famiglia che nella società è estremamente basso. Le donne sono per lo più servite come oggetti di scambio e strumenti di riproduzione e non solo devono sottomettersi al marito, ma devono anche sottomettersi totalmente al figlio adulto. In questa estrema società patriarcale, è stato creato il legame del piede. L’articolazione del piede è una procedura che spezza le ossa del piede femminile e lo lega per adattarsi a una scarpa lunga tre pollici, chiamata “scarpe di loto”. Questa procedura è “una prova volontaria intrapresa dalle madri per informare le loro figlie su come avere successo in un mondo creato da uomini” e “ha informato una figlia della necessità di sacrificare i prodotti del suo corpo al servizio del sistema familiare neoconfuciano “Tutte queste descrizioni del legame del piede potrebbero ancora non presentare appieno la vera crudeltà e la depravazione sessuale del legame e del patriarcato nella vecchia società cinese. I paragrafi seguenti discuteranno maggiori dettagli sull’origine del legame del piede, sulla crudeltà della procedura e sui motivi per seguirla

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top