cebnews.eu

Patrimonio culturale immateriale

Un patrimonio culturale immateriale (ICH) è una pratica, rappresentazione, espressione, conoscenza o abilità, nonché strumenti, oggetti, artefatti e spazi culturali considerati dall’UNESCO come parte del patrimonio culturale di un luogo. Il patrimonio culturale immateriale è considerato dagli Stati membri dell’UNESCO in relazione al Patrimonio Mondiale tangibile che si concentra sugli aspetti immateriali della cultura. Nel 2001, l’UNESCO ha fatto un’indagine tra Stati e ONG per cercare di concordare una definizione, e la Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale è stata redatta nel 2003 per la sua protezione e promozione.

La Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale definisce il patrimonio culturale immateriale come le pratiche, le rappresentazioni, le espressioni, nonché le conoscenze e le abilità (inclusi strumenti, oggetti, artefatti, spazi culturali), quali comunità, gruppi e, in alcuni casi casi, le persone riconoscono come parte del loro patrimonio culturale. A volte viene definito patrimonio culturale vivente e si manifesta tra l’altro nei seguenti domini: il patrimonio culturale in generale consiste nei prodotti e nei processi di una cultura che vengono preservati e trasmessi attraverso le generazioni. Parte di questo patrimonio assume la forma di beni culturali, formati da manufatti tangibili come edifici o opere d’arte. Molte parti della cultura, tuttavia, sono intangibili, tra cui canto, musica, danza, teatro, abilità, cucina, artigianato e festival. Sono forme di cultura che possono essere registrate ma non possono essere toccate o archiviate in forma fisica, come in un museo, ma vissute solo attraverso un veicolo che le dà espressione. Questi veicoli culturali sono chiamati “Tesori umani” dall’ONU. Secondo la Convenzione del 2003 per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale, il patrimonio culturale immateriale (ICH) – o patrimonio vivente – è la molla della diversità culturale dell’umanità e il suo mantenimento una garanzia per la creatività continua. È definito come segue: Patrimonio culturale intangibile indica le pratiche, le rappresentazioni, le espressioni, le conoscenze, le abilità – così come gli strumenti, gli oggetti, i manufatti e gli spazi culturali associati – che le comunità, i gruppi e, in alcuni casi, gli individui riconoscono come parte del loro patrimonio culturale. Questo patrimonio culturale immateriale, trasmesso di generazione in generazione, viene costantemente ricreato da comunità e gruppi in risposta al loro ambiente, alla loro interazione con la natura e la loro storia, e fornisce loro un senso di identità e continuità, promuovendo così il rispetto per la diversità culturale e creatività umana. Ai fini della presente Convenzione, si prenderà in considerazione unicamente il patrimonio culturale immateriale compatibile con gli strumenti internazionali esistenti in materia di diritti umani, nonché i requisiti di rispetto reciproco tra comunità, gruppi e individui e di sviluppo sostenibile.

Il patrimonio culturale immateriale è leggermente diverso dalla disciplina della storia orale, la registrazione, la conservazione e l’interpretazione delle informazioni storiche (in particolare, la tradizione orale), basate sulle esperienze personali e le opinioni del relatore. ICH tenta di preservare il patrimonio culturale “con” le persone o la comunità proteggendo i processi che consentono di tramandare tradizioni e conoscenze condivise mentre la storia orale cerca di raccogliere e conservare informazioni storiche ottenute da individui e gruppi.

Con lo sviluppo sostenibile che sta guadagnando slancio come priorità delle politiche del patrimonio UNESCO, un numero crescente di nomine legate al cibo viene presentato per l’iscrizione negli elenchi della Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale. La dieta mediterranea, la cucina tradizionale messicana e la cultura dietetica giapponese del washoku sono solo alcuni esempi di questo fenomeno in piena espansione.

Gli elenchi dell’UNESCO del patrimonio culturale immateriale includono anche una varietà di generi di danza, spesso associati al canto, alla musica e alle celebrazioni, provenienti da tutto il mondo. Le liste includono: danze celebrative e rituali, come “Ma’di bowl lyre music and dance” dall’Uganda e “Kalbelia folk songs and dances of Rajasthan” dall’India e danze sociali, come rumba da Cuba. Inoltre, alcune danze sono localizzate e praticate principalmente nel loro paese di origine, come Sankirtana, un’arte performativa che include percussioni e canti, dall’India. Altre forme di danza, tuttavia, anche se sono ufficialmente riconosciute come patrimonio del loro paese di origine, sono praticate e godute in tutto il mondo. Ad esempio, il flamenco dalla Spagna e il tango, dall’Argentina e dall’Uruguay, hanno una dimensione molto internazionale. La danza è un fenomeno molto complesso, che coinvolge la cultura, le tradizioni, l’uso di corpi umani, manufatti (come costumi e oggetti di scena), nonché un uso specifico della musica, dello spazio e talvolta della luce. Di conseguenza, molti elementi tangibili e intangibili sono combinati nella danza, rendendola una sfida ma estrema

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top