cebnews.eu

Pedagogi

Nella Repubblica romana, il paedagogus, il paedagogi plurale o paedagogiani, era uno schiavo o un liberto che insegnava ai figli dei cittadini romani la lingua greca. Nel periodo dell’Impero Romano, il pedagogista divenne il direttore del paedagogium. All’inizio della Repubblica non c’erano scuole pubbliche, quindi ai ragazzi veniva insegnato a leggere e scrivere dai loro genitori o da schiavi istruiti (paedagogi) di solito di origine greca. Una rappresentazione di un paedagogus è stata dipinta come un graffito sulle pareti del Paedagogium Palatino, e rappresenta la sua formazione sociale e culturale, che è identificata come una schiava. In un’iscrizione del secondo secolo dedicata all’imperatore romano Caracalla, elenca ventiquattro paedagogi. In alcuni casi, il titolo di pedagogo è collegato a famiglie di élite private. Essere un pedagogo significava obbedire alle leggi sulla condotta e sul dovere. Nell’istituzione imperiale, il titolo di pedagogo fa riferimento al dovere di assistente o di tutore piuttosto che di insegnante. L’altro titolo di paedagogus si riferisce a una varietà di capacità interconnesse legate alla discendenza della famiglia imperiale e dell’aristocrazia: disciplina (istruzione accademica e morale), custodia (compagno e protettore) e decoro (direttive dei precetti per il comportamento pubblico). C’è un terzo titolo che appare in tre iscrizioni e significa il direttore del paedagogium (praeceptor). In altri testi e grafici, gli schiavi sono divisi in base alla loro appartenenza ad un ambiente servile più grande (paedagogium), freedpersons (paedagogi, paedagogiani, custodes e procuratores) e una comunità di persone (pueri, iuvenes, vernae domini nostri).

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top