cebnews.eu

Religiosità e educazione

La relazione tra il livello di religiosità e il livello di istruzione è stata studiata dalla seconda metà del 20 ° secolo. I parametri delle due componenti sono diversi: il “livello di religiosità” rimane un concetto difficile da differenziare scientificamente, mentre il “livello di istruzione” è più facile da compilare, come i dati ufficiali su questo argomento, perché i dati sull’educazione sono pubblici accessibile in molti paesi. Diversi studi mostrano conclusioni contrastanti riguardo a qualsiasi legame tra i due concetti, a seconda che la “religiosità” sia misurata da pratiche religiose (presenza nei luoghi di culto, per esempio) o da specifiche credenze religiose (credenza nei miracoli, per esempio), con notevoli differenze tra le nazioni. Ad esempio, uno studio internazionale afferma che in alcune nazioni occidentali l’intensità delle credenze diminuisce con l’istruzione, ma la frequenza e la pratica religiosa aumentano. Altri studi indicano che i religiosi hanno un’istruzione superiore rispetto ai non religiosi. Altri studi hanno scoperto che la correlazione positiva con bassa o non religiosità e istruzione è stata invertita negli ultimi decenni. In termini di professori universitari, uno studio ha concluso che negli Stati Uniti la maggioranza dei professori, anche nelle università “d’élite”, era religiosa.

Uno studio del Pew Center sulla religione e l’istruzione in tutto il mondo nel 2016, ha rilevato che gli ebrei sono il gruppo religioso più istruito nel mondo con una media di 13,4 anni di istruzione; Gli ebrei hanno anche il più alto numero di laureati e post-laurea pro capite (61%). Sulla base dei dati dello studio, i musulmani e gli indù hanno i più bassi livelli medi di istruzione, con una media di 5,6 anni di istruzione per entrambi. Circa il 36% della popolazione musulmana mondiale e il 41% della popolazione mondiale indù non ha una scuola formale, i musulmani e gli indù hanno i livelli medi più bassi di istruzione superiore rispetto a qualsiasi altro gruppo religioso principale, con solo l’8% e il 10% rispettivamente laureati e lauree post-laurea. I cristiani si sono classificati come il secondo gruppo religioso più istruito nel mondo con una media di 9,3 anni di istruzione. I cristiani hanno ottenuto il secondo più alto numero di laureati e post-laurea pro capite mentre in assoluto sono classificati in primo luogo (220 milioni). Secondo lo studio, i cristiani nelle regioni del Nord America, Europa, Medio Oriente, Nord Africa e Asia-Pacifico sono altamente istruiti dal momento che molte delle università del mondo sono state costruite dalle storiche chiese cristiane, oltre alle prove storiche che “i monaci cristiani costruirono le biblioteche e, nei giorni precedenti le tipografie, conservavano importanti scritti precedenti prodotti in latino, greco e arabo “. Secondo lo stesso studio, i cristiani hanno una quantità significativa di uguaglianza di genere nei risultati scolastici, e lo studio suggerisce che uno dei motivi è l’incoraggiamento dei riformatori protestanti nel promuovere l’educazione delle donne, che ha portato all’eradicazione dell’analfabetismo tra le donne nelle comunità protestanti. Il religioso non affiliato – che comprende atei, agnostici e coloro che descrivono la loro religione come “niente in particolare” – è diventato il terzo gruppo religioso più istruito con una media di 8,8 anni di istruzione, e circa il 16% di non affiliati si è laureato e post- laurea. I buddhisti hanno in media 7,9 anni di scolarizzazione e circa il 12% dei buddisti ha una laurea e una laurea. Secondo lo stesso studio “c’è un’ampio e pervasivo divario nel rendimento scolastico tra musulmani e cristiani nell’Africa sub-sahariana” poiché gli adulti musulmani in questa regione sono molto meno istruiti rispetto ai loro colleghi cristiani, con gli studiosi che suggeriscono che questo divario è dovuto a le strutture educative che sono state create dai missionari cristiani durante l’era coloniale per i compagni di fede. Secondo un sondaggio globale condotto nel 2015 da Gallup International, i più religiosi avevano livelli di istruzione inferiori, tuttavia, le persone religiose in generale rappresentavano la maggioranza in tutti i livelli di istruzione. Un sondaggio dell’UE trova una correlazione positiva tra lasciare presto la scuola e credere in un Dio. In un’analisi dei dati di World Values ​​Survey di Edward Glaeser e Bruce Sacerdote è stato osservato che in 65 paesi socialisti precedenti c’è una relazione negativa tra anni di educazione e credenza in Dio, con correlazioni negative simili per altre credenze religiose mentre, al contrario, c’erano forti correlazioni positive tra anni di istruzione e fede in Dio in molti paesi sviluppati come Inghilterra, Francia e Stati Uniti. Hanno concluso che “queste differenze tra paesi nel rapporto educazione-credenza possono essere spiegate da fattori politici (come il comunismo) che portano alcuni paesi a usare l’educazione controllata dallo stato per screditare la religione”. Lo studio conclude anche che, negli Stati Uniti e in altre nazioni sviluppate, “l’educazione aumenta la presenza religiosa a livello individuale”, mentre “allo stesso tempo, c’è una forte negazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top