cebnews.eu

Riproduzione stratificata

La riproduzione stratificata è un concetto scientifico sociale ampiamente utilizzato, creato da Shellee Colen, che descrive gli squilibri nella capacità di persone di diverse razze, etnie, nazionalità, classi e generi di riprodurre e nutrire i propri figli. I ricercatori usano il concetto per descrivere le “relazioni di potere attraverso le quali alcune categorie di persone sono autorizzate a nutrirsi e riprodursi, mentre altre sono prive di potere”, come ha definito Rayna Rapp e Frye D. Ginsburg nel 1995.

Globalmente, le donne sono confinate a diversi standard sociali sulla riproduzione. La possibilità di scegliere se le donne vogliono rimanere incinta non è disponibile per tutte le donne. La contraccezione e gli aborti possono essere illegali o difficili da ottenere a seconda della posizione o dello stato socioeconomico. L’esperienza delle donne nella nascita di un bambino varia dal numero minimo di figli che una madre deve alla nascita e onori per aver superato i minimi stabiliti a un numero limitato di bambini per famiglia. La riproduzione stratificata si estende anche oltre l’aspetto della riproduzione per quanto riguarda l’assistenza all’infanzia e il ruolo della madre nella vita del bambino. Nel 1984, Shellee Colen coniò il termine “riproduzione stratificata” quando studiava gli educatori per l’infanzia nell’ovest di New York, che in genere lavoravano per famiglie bianche più ricche. Colen ha evidenziato le differenze tra la capacità delle madri bianche e dell’India occidentale di scegliere in che modo ciascuno di loro si prende cura dei propri figli. Le madri bianche assumono una bambinaia per svolgere i compiti di routine dell’assistenza all’infanzia mentre le madri dell’India Occidentale rinunciano alla possibilità di crescere i propri figli in modo che possano sostenerli economicamente. Colen ha tratto la conclusione che la nascita e l’assistenza all’infanzia sono vissute, valutate e premiate in modo diverso a seconda dello stato socioeconomico della madre e della disponibilità di risorse.

Dall’emergere del termine di riproduzione stratificata, i ricercatori hanno applicato i suoi concetti per analizzare i diversi effetti di vari fattori sociali sulla riproduzione e l’assistenza all’infanzia. Rayna Rapp e Frye D. Ginsburg hanno aperto la strada all’applicazione della riproduzione stratificata a società diverse per sottolineare la variazione a cui le donne hanno sperimentato la riproduzione e l’assistenza all’infanzia. Nel libro di Rapp e Ginsburg, Conceiving the New World Order: The Global politics of Reproduction, discutono diverse società che limitano la scelta delle donne sulla riproduzione e l’assistenza all’infanzia a causa di fattori socioeconomici. Toccano la ricerca di Shellee Colen sulle bambinaie dell’India occidentale a New York e su come non sono in grado di partecipare ai servizi per l’infanzia dei propri figli, perché devono immigrare in America per trovare lavoro a sostegno della loro famiglia. Includono anche le ricerche di Gail Kligman sui divieti di aborto in Romania sotto il dominio di Ceausescu. La politica statale richiedeva alle donne rumene di avere almeno quattro figli nella speranza di aumentare la popolazione per un paese socialista più efficiente. Discutono anche del limite della Cina sul numero massimo di bambini per famiglia e della lotta delle donne afroamericane a basso reddito per ottenere contraccettivi e aborti adeguati. Rapp e Ginsburg conclusero che “le relazioni socioeconomiche globali e locali che formano il contesto per la riproduzione stratificata, per cui” alcune categorie di persone hanno il potere di nutrire e riprodursi, mentre altre sono prive di potere “, e che ideologie culturali e politiche statali rafforzano la riproduzione stratificata impiantato da fattori socioeconomici. L’ambito di applicazione del quadro di riproduzione stratificata non è limitato all’accesso delle donne ai contraccettivi o alla loro mancanza. I ricercatori stanno applicando la riproduzione stratificata alla salute delle madri e dei bambini. L’infertilità è stata anche collegata agli effetti della riproduzione stratificata. Le scarse risorse finanziarie scoraggiano le madri dall’essere in grado di raggiungere servizi medici efficaci per aiutare a prevenire l’infertilità.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top