cebnews.eu

Risposte del settore dell’istruzione alla violenza LGBT

Le risposte del settore educativo alla violenza LGBT riguardano il modo in cui i sistemi educativi lavorano per creare ambienti di apprendimento sicuri per gli studenti LGBT. Nel complesso, le risposte del settore dell’istruzione tendono a concentrarsi sull’omofobia e la violenza legate all’orientamento sessuale e all’identità / espressione di genere, e meno sulla transfobia. La maggior parte delle risposte si concentra in qualche modo su diverse espressioni di genere e supporta gli studenti a capire che il genere può essere espresso in un modo diverso dai modelli binari (del maschile e del femminile). Le risposte variano molto nel loro campo di applicazione (da una singola classe a livello nazionale); durata (da eventi una tantum a diversi anni); e il livello di supporto di cui godono (dai singoli insegnanti ai più alti livelli di governo). Una risposta globale del settore dell’istruzione alla violenza omofobica e transfobica comprende tutti i seguenti elementi: politiche efficaci, curricula e materiali di studio pertinenti, formazione e supporto per il personale, supporto per le informazioni sugli studenti e le famiglie e partenariati strategici, monitoraggio e valutazione. Pochissimi paesi hanno politiche nel settore dell’istruzione che affrontano la violenza omofobica e transfobica o includono l’orientamento sessuale e l’identità / espressione di genere nei curricula o nei materiali didattici. Nella maggior parte dei paesi, il personale non ha formazione e supporto per affrontare l’orientamento sessuale e l’identità / espressione di genere e per prevenire e rispondere alla violenza omofobica e transfobica. Sebbene molti paesi forniscano sostegno agli studenti che subiscono violenze, i servizi sono spesso mal equipaggiati per affrontare la violenza omofobica e transfobica. Pochi paesi raccolgono dati sulla natura, la prevalenza o l’impatto della violenza omofobica e transfobica, che contribuisce alla scarsa consapevolezza del problema e alla mancanza di prove per la pianificazione di risposte efficaci. In termini generali, la gamma di risposte alla violenza omofobica e transfobica nei contesti educativi sembra essere correlata al contesto socio-culturale di un paese (in termini di convinzioni e atteggiamenti della società nei confronti della diversità sessuale e di genere, nonché dei diritti umani e di genere uguaglianza); e contesto giuridico (in termini di diritti delle persone LGBTI e della situazione dei diritti umani in generale).

Pochi paesi hanno sviluppato politiche nel settore dell’istruzione per prevenire e affrontare la violenza omofobica e transfobica nelle scuole, il che riflette il fatto che il riconoscimento della prevalenza e dell’impatto dannoso di tale violenza nel settore è uno sviluppo relativamente recente. La maggior parte dei paesi che hanno sviluppato politiche hanno adottato uno dei due seguenti approcci: Il secondo approccio richiede una leadership politica e un ambiente legale che favorisca la tutela dei diritti delle persone LGBTI. Un certo numero di paesi ha sviluppato politiche specifiche nel settore dell’istruzione che affrontano la violenza omofobica e transfobica nelle scuole e in altri contesti educativi. Il lavoro svolto per contrastare la violenza nelle scuole in generale ha dimostrato che gli “interventi scolastici e sistemici”, spesso indicati come strategie o approcci di “tutta la scuola”, sono particolarmente efficaci. Lo stesso vale per le risposte del settore dell’istruzione alla violenza omofobica e transfobica. In questo rapporto, le risposte di “tutta la scuola” alla violenza omofobica e transfobica vengono anche chiamate risposte del settore educativo “globale”, che possono anche essere definite “olistiche”, “sistematiche”, “sistemiche”, “sistemiche” .

I progressi nell’attuazione di misure per prevenire e affrontare la violenza omofobica e transfobica nei contesti educativi variano a seconda delle regioni e dei paesi. Le iniziative più complete sono state implementate in Australia e Nuova Zelanda, Canada e Stati Uniti, e in diversi paesi in Europa, Asia e America Latina. Tuttavia, la risposta del settore dell’istruzione è stata limitata nella maggior parte dei paesi del mondo, in particolare in Africa, nei Caraibi, nel Medio Oriente, in Asia centrale e in alcune aree del Pacifico. Inoltre, è importante notare che molti paesi non dispongono di strategie globali per prevenire e affrontare la violenza nelle scuole in generale. La legislazione nazionale contro la discriminazione (nel suo insieme) è servita come base per sviluppare politiche nazionali – che includono o sono specifiche per il settore dell’istruzione – che affrontano la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e sull’identità / espressione di genere. In generale, il settore dell’istruzione tende ad affrontare la violenza omofobica e transfobica attraverso politiche più ampie sulla violenza, come quelle relative al bullismo nelle scuole o nelle scuole sicure.

In Asia, le Filippine sono l’unico paese ad includere riferimenti specifici alla violenza sulla base dell’orientamento sessuale e dell’identità / espressione di genere in una legge nazionale (2013). In Giappone, nel 2015, il Ministero della Pubblica Istruzione ha emanato una guida di riferimento che sollecita i consigli di istruzione locali a garantire che le scuole soddisfino le esigenze degli studenti LGBT. A livello più locale, il Gender Equity Education Act del 2004 a Taiwan, in Cina, cerca di eliminare la stereotipia di genere

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top