cebnews.eu

Sette peccati sociali

Seven Social Sins è una lista che è stata pronunciata per la prima volta in un sermone pronunciato nell’Abbazia di Westminster il 20 marzo 1925 da un prete anglicano di nome Frederick Lewis Donaldson. Originariamente si riferiva ad esso come “7 Deadly Social evil”. E ‘un malinteso comune che Mohandas Karamchand Gandhi sia stato l’origine di questa lista quando ha pubblicato la stessa lista sul suo settimanale Young India il 22 ottobre 1925. Più tardi ha dato questa stessa lista a suo nipote, Arun Gandhi, scritto su un pezzo di carta sul loro ultimo giorno insieme poco prima del suo assassinio. I sette peccati sono:

Prima che Mohandas Karamchand Gandhi pubblicasse la lista sul suo settimanale Young India il 22 ottobre 1925, una lista quasi identica era stata pubblicata sei mesi prima in Inghilterra in un sermone all’Abbazia di Westminster di Fredrick Lewis Donaldson. Gandhi scrisse che un corrispondente che lui chiamava un “amico giusto” aveva inviato la lista: “Il … buon amico vuole che i lettori di Young India sappiano, se non lo fanno già, i seguenti sette peccati sociali” (la lista era poi fornito). Dopo la lista, Gandhi scrisse che “Naturalmente, l’amico non vuole che i lettori conoscano queste cose solo attraverso l’intelletto, ma per conoscerle attraverso il cuore in modo da evitarli.” Questo era l’insieme del commento di Gandhi sulla lista quando lo pubblicò per la prima volta. Nei decenni trascorsi dalla sua prima pubblicazione, la lista è stata ampiamente citata e discussa. Alcuni libri si sono concentrati sui sette peccati o sono stati strutturati intorno a loro: * Anil Dutt Misra (2008), Pensieri insipesi del Mahatma Gandhi Concept Publishing Co. (elencati, 239)

Riguardo alla “politica senza principio”, Gandhi ha affermato che fare politica senza la (e) verità (i) per dettare giustamente l’azione crea il caos, che alla fine porta alla violenza. Gandhi ha definito questi passi falsi “violenza passiva”, che alimenta la violenza attiva del crimine, della ribellione e della guerra. “Ha detto:” Potremmo lavorare fino al giorno del giudizio per ottenere la pace e non otterremmo nulla finché ignoreremo la violenza passiva nelle nostre mondo.” La politica è letteralmente definita come “La lotta in qualsiasi gruppo per il potere che darà a una o più persone la capacità di prendere decisioni per il gruppo più grande”. Mohandas Gandhi ha definito il principio come “l’espressione della perfezione, e come esseri imperfetti come noi non possono praticare la perfezione, in pratica concepiamo ogni limite del suo compromesso”. Ci sono molti diversi tipi di regimi nel mondo la cui politica è diversa. Basato su Gandhi’s Blunder Politics without Principle, un tipo di regime potrebbe essere più una radice della violenza che un altro perché un regime ha più principi dell’altro. I regimi hanno diversi tipi di tattiche di combattimento e aggressività, ognuno dei quali desidera ottenere risultati diversi. Questa differenza influisce sulle azioni intraprese dai responsabili politici nei paesi di tutto il mondo. Gandhi scrisse: “Una legge ingiusta è essa stessa una specie di violenza”. L’aggressione di un paese su un altro potrebbe essere radicata nella creazione da parte del governo di una legge ingiusta. Ad esempio, una guerra di irredentismo ha combattuto per uno stato per reclamare il territorio che è stato perso a causa di una legge che promuove la pulizia etnica. Il principio in un paese potrebbe facilmente essere un crimine in un altro. Questa differenza porta a credere che la radice della violenza sia inevitabilmente presente da qualche parte nel mondo. “Politics without Principle” avrà inevitabilmente luogo nel tempo. : “Mi oppongo alla violenza perché quando sembra fare del bene, il bene è solo temporaneo, il male che fa è permanente”. Questa lista è cresciuta dalla ricerca di Gandhi delle radici della violenza. Ha definito questi “atti di violenza passiva”. Prevenire questi è il modo migliore per impedire a se stessi o alla propria società di raggiungere un punto di violenza, secondo Gandhi. A questa lista, Arun Gandhi ha aggiunto un ottavo errore, “diritti senza responsabilità”. Secondo Arun Gandhi, l’idea alla base del primo abbaglio deriva dalla pratica feudale di Zamindari. Suggerisce anche che il primo e il secondo errore sono correlati.

Più recentemente la lista delle qualità negative di Mohandas Gandhi è stata anche descritta da suo nipote come “Seven Blunders of the World”. Esempi di descrizione sotto questo titolo includono:

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top