cebnews.eu

Sette virtù

Il Catechismo della Chiesa Cattolica definisce la virtù come “una disposizione abituale e ferma a fare il bene”. Tradizionalmente, le sette virtù cristiane o virtù celesti combinano le quattro virtù cardinali classiche di prudenza, giustizia, temperanza e coraggio (o fortezza) con le tre virtù teologali di fede, speranza e carità. Questi furono adottati dai Padri della Chiesa come le sette virtù.

I filosofi greci Aristotele e Platone consideravano la temperanza, la saggezza, la giustizia e il coraggio come i quattro tratti caratteriali più desiderabili. Il Libro della saggezza è uno dei sette libri sapienziali inclusi nella Septuaginta. Sapienza 8: 7 afferma che i frutti della Sapienza “… sono virtù, perché insegna moderazione e prudenza, giustizia e fortezza, e nulla nella vita è più utile per gli uomini di questi”. Le virtù morali sono atteggiamenti, disposizioni e buone abitudini che governano le proprie azioni, passioni e comportamenti secondo la ragione; e sono acquisiti dallo sforzo umano. Immanuel Kant disse: “La virtù è la forza morale della volontà nell’obbedire ai dettami del dovere”. Le virtù cardinali sono la prudenza, la giustizia, la fortezza e la temperanza.

La comprensione tradizionale delle differenze nella natura delle virtù cardinali e teologali è che questi ultimi non sono pienamente accessibili agli esseri umani nel loro stato naturale senza l’aiuto di Dio. “Tutte le virtù hanno come scopo finale quello di disporre l’uomo in atti che conducono alla sua vera felicità, ma la felicità di cui l’uomo è capace è duplice, cioè naturale, che è raggiungibile dai poteri naturali dell’uomo, e soprannaturale, che supera il Capacità della natura umana non assistita Poiché, quindi, i principi puramente naturali dell’azione umana sono inadeguati a un fine soprannaturale, è necessario che l’uomo sia dotato di poteri soprannaturali per consentirgli di raggiungere il suo destino finale. Ora questi principi soprannaturali non sono nient’altro che le virtù teologali. ”

Un elenco di sette virtù che si oppongono ai sette peccati capitali apparve più tardi in un poema epico intitolato Psychomachia, o Battaglia / Concorso dell’anima. Scritto da Aurelius Clemens Prudenzio, un governatore cristiano morto intorno al 410 dC, comporta la battaglia tra buone virtù e vizi malvagi. L’enorme popolarità di questo lavoro nel Medioevo ha contribuito a diffondere il concetto di santa virtù in tutta Europa. Dopo che Papa Gregorio pubblicò la sua lista di sette peccati capitali nel 590 d.C., le sette virtù furono identificate come castità, temperanza, carità, diligenza, pazienza, gentilezza e umiltà. Praticare loro è detto per proteggere uno contro la tentazione dai sette peccati capitali. Va notato, tuttavia, che queste sette virtù non corrispondono alle sette virtù celesti che sono giunte combinando le virtù cardinali e teologali. Inoltre, gli sforzi nel Medioevo per impostare le sette virtù celesti in diretta opposizione ai sette peccati capitali sono entrambi non comuni e gravati da difficoltà. “[I] ricorsi che si concentrano esclusivamente su entrambi i settenari sono in realtà piuttosto rari.” E “esempi di cataloghi tardo medievali di virtù e vizi che estendono o sconvolgono il doppio eptad possono essere facilmente moltiplicati”. E ci sono problemi con questo parallelismo.

* I sette peccati capitali

* [http://www.ncregister.com/site/article/7-passion-sins-and-virtues/ Hoopes, Tom. “Seven Passion Sins and Virtues”, National Catholic Register]

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top