cebnews.eu

Società di apprendimento

La società dell’apprendimento è una filosofia educativa sostenuta dall’OCSE e dall’UNESCO che posiziona l’istruzione come la chiave per lo sviluppo economico di una nazione e sostiene che l’istruzione dovrebbe estendersi oltre l’apprendimento formale (basato su istituzioni educative tradizionali – scuole, università, ecc.) In centri di apprendimento informali sostenere un’economia della conoscenza (conosciuta come “cultura dell’istruzione mondiale”). Una società conoscitiva considera l’effettivo processo di apprendimento come un ‘”attività, non un luogo” – cioè, si svolge al di fuori delle normali istituzioni educative, ed è quindi anche decentralizzato e deregolato, un principio della teoria della globalizzazione. Le società di apprendimento sono più ampie nel contesto, attingendo a elementi di sistemi per facilitare la capacità di apprendimento permanente nell’individuo. Se l’apprendimento permanente riguarda la capacità dell’individuo, allora questo è abilitato attraverso una società di apprendimento. È la “socializzazione” dell’apprendimento permanente individuale, ed è attualmente supportata dalle tecnologie e dalla crescente attenzione al social networking, utilizzando le esperienze di apprendimento condiviso degli individui come base per una più ampia rete di educazione che esiste formalmente e informalmente (scuole, università, formazione professionale, supporto, collaborazione, feedback ecc.).

La storia del concetto di società che apprende può essere rintracciata attraverso lo sviluppo cronologico del suo quadro teorico. Poiché il quadro ha sviluppato gli straordinari, così ha la sofisticazione dell’idea della società conoscitiva in quanto si applica a un modello interconnesso del 21 ° secolo, in particolare in relazione al passaggio da istituzioni educative statali a organizzazioni più decentralizzate. Nel 1973, Donald Schön sviluppò l’idea che il cambiamento sia costante in uno stato moderno (“perdita dello stato stabile”) e quindi di adattarsi a questo cambiamento, ci deve essere uno stato costante di apprendimento all’interno della società di quello stato. Inoltre, Robert Hutchins ha anche sostenuto che, data la natura in continua evoluzione degli Stati, in particolare nelle organizzazioni imprenditoriali, non è stato possibile per le istituzioni educative tenere il passo, o addirittura aspettarselo. Successivamente, Torsten Husén e Stewart Ranson sottolineano che l’apprendimento ha una certa “fluidità” (senza punti di inizio o di fine) che esiste al di fuori dei sistemi formali e questo sembra riflettere un modello di mercato liberalizzato di libera circolazione delle conoscenze, come richiesto dalle organizzazioni e dai sistemi . Sviluppando questo quadro su una base più contemporanea, si vede che l’esigenza di una “società dell’apprendimento” è una risposta alle più ampie questioni della globalizzazione in base alla quale i paesi più ricchi dipendono sempre più dai “lavoratori della conoscenza” piuttosto che dalle industrie manifatturiere tradizionali (ora spesso esternalizzati alle nazioni in via di sviluppo), e quindi hanno bisogno che la loro forza lavoro diventi adattabile, in particolare alla luce dei nuovi sviluppi tecnologici che sono considerati centrali per l’economia della conoscenza. Con questo modello il concetto di società che apprende sarà trapiantato in altri paesi a livello globale, proprio come qualsiasi altro prodotto su un mercato globale. Ciò è in linea con la filosofia della Banca Mondiale secondo cui l’apprendimento e l’istruzione sono fondamentali per migliorare lo sviluppo, la giustizia, l’ambiente e l’eliminazione della povertà (e quindi le minacce terroristiche globali).

Una società di apprendimento è generalmente considerata la base su cui può svolgersi l’apprendimento permanente. Da un punto di vista teorico, non solo la società dell’apprendimento fornisce la struttura in cui è permesso all’apprendimento permanente di prosperare, ma in effetti entrambi gli elementi si sostengono a vicenda. Cioè, una società dell’apprendimento dà origine alla capacità di apprendimento lungo tutto l’arco della vita, ma l’apprendimento permanente consente, attraverso la socializzazione, agli individui di contribuire alle capacità di apprendimento di una società più ampia sotto forma di saggezza (nota come “koinosophic” o “saggio” ‘società).

Mentre la nozione di società che apprende può essere a volte difficile da cogliere (basandosi su concetti come “fluidità” e “informalità” e superando i tradizionali confini educativi come scuole e università), alcuni studiosi ritengono che un apprendimento la società può essere identificata come avente 4 attributi principali. Questi sono:

Questo è descritto come la tendenza della società di apprendimento ad avere una dipendenza dai progressi tecnologici. Questo può essere considerato come il passaggio alle economie della conoscenza nei paesi sviluppati in cui il concetto di società dell’apprendimento è prevalente, ma anche come riconoscimento dell’importanza di Internet nel permettere all’istruzione di andare oltre i confini tradizionali e passare immediatamente attraverso i confini transnazionali.

Questo attributo fa parte del più ampio riconoscimento cosciente fatto da Stati e istituzioni che l’apprendimento permanente (come parte della società conoscitiva) esiste specificamente per contribuire alla crescita economica di un paese e aumentare l’impegno democratico dei suoi cittadini. Piuttosto che essere un generale spostamento globale verso una tendenza educativa, è mirato a risultati specifici che le società

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top