cebnews.eu

Studi di area

Gli studi di area (anche: studi regionali) sono campi interdisciplinari di ricerca e borse di studio relative a particolari regioni geografiche, nazionali / federali o culturali. Il termine esiste principalmente come descrizione generale di ciò che sono, nella pratica di studi, molti campi di ricerca eterogenei, che comprendono sia le scienze sociali che le scienze umane. I programmi di studio di area tipica comprendono storia, scienze politiche, sociologia, studi culturali, lingue, geografia, letteratura e discipline correlate. In contrasto con gli studi culturali, gli studi di area spesso includono la diaspora e l’emigrazione dalla zona.

Gli studi di area interdisciplinare divennero sempre più comuni negli Stati Uniti d’America e negli studi occidentali dopo la seconda guerra mondiale. Prima di quella guerra le università americane avevano solo pochi docenti che insegnavano o conducevano ricerche sul mondo non occidentale. Gli studi sulle aree estere erano praticamente inesistenti. Dopo la guerra, sia i liberali che i conservatori erano preoccupati per la capacità degli Stati Uniti di rispondere in modo efficace alle minacce esterne percepite dall’Unione Sovietica e dalla Cina nel contesto dell’emergente Guerra Fredda, così come alla ricaduta della decolonizzazione dell’Africa e Asia. In questo contesto, la Ford Foundation, la Rockefeller Foundation e la Carnegie Corporation di New York hanno convocato una serie di riunioni per ottenere un ampio consenso sul fatto che per affrontare questo deficit di conoscenza, gli Stati Uniti devono investire in studi internazionali. Pertanto, le basi del campo sono fortemente radicate in America. I partecipanti hanno affermato che una grande fiducia nel cervello di scienziati e economisti politici di orientamento internazionale era una priorità nazionale urgente. C’era però una tensione centrale tra coloro che sentivano fortemente che, invece di applicare i modelli occidentali, gli scienziati sociali dovrebbero sviluppare una conoscenza culturalmente e storicamente contestualizzata di varie parti del mondo lavorando a stretto contatto con gli umanisti e coloro che pensavano che gli scienziati sociali dovessero cercare sviluppare teorie macrostoriche dominanti che potrebbero tracciare connessioni tra modelli di cambiamento e sviluppo in diverse aree geografiche. Il primo divenne sostenitore degli studi di area, questi ultimi propugnatori della teoria della modernizzazione. La Ford Foundation alla fine diventerà il giocatore dominante nel plasmare il programma di studi di area negli Stati Uniti. Nel 1950 la fondazione istituì il prestigioso Foreign Fellowship Program (FAFP), la prima competizione nazionale su larga scala a sostegno della formazione negli studi di area negli Stati Uniti. Dal 1953 al 1966 ha contribuito con $ 270 milioni a 34 università per studi di area e lingua. Sempre durante questo periodo, ha versato milioni di dollari nelle commissioni gestite congiuntamente dal Social Science Research Council e dal American Council of Learned Societies per seminari di sviluppo sul campo, conferenze e programmi di pubblicazione. Alla fine, i comitati misti SSRC-ACLS avrebbero assunto l’amministrazione di FAFP. Altri grandi e importanti programmi seguirono quelli di Ford. In particolare, la National Defense Education Act del 1957, ribattezzata Legge sull’istruzione superiore nel 1965, stanziava fondi per circa 125 unità di studi di area universitaria noti come programmi del Centro risorse nazionali presso università statunitensi, nonché per studi di lingua straniera e area borse di studio per studenti laureati. Nel frattempo, studi di area si sono sviluppati anche nell’Unione Sovietica. Nota ad esempio:

Fin dalla loro istituzione, gli studi di area sono stati oggetto di critiche, anche da parte di specialisti di area. Molti di loro sostenevano che, poiché gli studi di area erano collegati alle agende della Guerra Fredda della CIA, l’FBI e altre agenzie militari e di intelligence, partecipare a tali programmi equivaleva a servire come agente dello stato. Alcuni sostengono che esiste la nozione che le preoccupazioni degli Stati Uniti e le priorità di ricerca definiranno il terreno intellettuale degli studi di area. Altri hanno tuttavia insistito sul fatto che, una volta istituiti nei campus universitari, gli studi di area hanno cominciato a comprendere un’agenda intellettuale molto più ampia e profonda di quella prevista dalle agenzie governative, quindi non americana. Probabilmente, una delle maggiori minacce al progetto di studi di area è stata l’ascesa della teoria della scelta razionale nelle scienze politiche ed economiche. Per prendere in giro uno dei critici della teoria della scelta razionale più esplicita, lo studioso giapponese Chalmers Johnson ha chiesto: Perché è necessario conoscere il giapponese o qualcosa sulla storia e la cultura del Giappone se i metodi della scelta razionale spiegheranno perché i politici ei burocrati giapponesi fanno le cose che fanno ? Dopo la fine dell’Unione Sovietica, le fondazioni filantropiche e le burocrazie scientifiche si sono mosse per attenuare il loro sostegno agli studi di area, sottolineando invece temi interregionali come “sviluppo e democrazia”. Quando il Consiglio per la ricerca sulle scienze sociali e l’American Council of Learned Societies, che da tempo servivano da nazionale per raccogliere e amministrare i fondi per gli studi di area, subirono il loro primo grande restructu

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top