cebnews.eu

Tavola rotonda

La tavola rotonda è la famosa tavola di Re Artù nella leggenda arturiana, attorno alla quale si riuniscono lui ei suoi cavalieri. Come suggerisce il nome, non ha testa, il che implica che tutti coloro che siedono lì hanno lo stesso status. Il tavolo fu descritto per la prima volta nel 1155 da Wace, che si basava su precedenti raffigurazioni del favoloso corteo di Arthur. Il simbolismo della tavola rotonda si è sviluppato nel tempo; alla fine del XII secolo era giunto a rappresentare l’ordine cavalleresco associato alla corte di Artù, i cavalieri della tavola rotonda.

La Tavola Rotonda apparve per la prima volta in Roman de Brut di Wace, un adattamento in lingua normanna della Historia Regum Britanniae di Geoffrey of Monmouth terminata nel 1155. Wace dice che Arthur creò la Tavola Rotonda per prevenire litigi tra i suoi baroni, nessuno dei quali accetterebbe un posto inferiore al altri. Layamon ha aggiunto la storia quando ha adattato il lavoro di Wace nel Medio inglese Brut all’inizio del XIII secolo, affermando che la lite tra i vassalli di Artù ha portato alla violenza durante una festa di Natale. In risposta, un falegname della Cornovaglia costruì una tavola rotonda enorme ma facilmente trasportabile per evitare ulteriori dispute. Wace afferma di non essere la fonte della Tavola Rotonda; sia lui che Layamon lo attribuirono invece ai bretoni. Alcuni studiosi hanno dubitato di questa affermazione, mentre altri ritengono che possa essere vero. C’è una certa somiglianza tra la descrizione dei cronisti della Tavola Rotonda e un’usanza registrata in storie celtiche, in cui i guerrieri siedono in cerchio attorno al re o guidano guerrieri, in alcuni casi in lotta sull’ordine di precedenza come in Layamon. C’è una possibilità che Wace, contrariamente alle sue stesse affermazioni, abbia derivato la tavola rotonda di Arthur non da alcuna fonte bretone, ma piuttosto dalle biografie medievali di Carlo Magno – in particolare Vita Caroli e Notker il balbuziente De Carolo Magno di Einhard – in cui si dice che il re ho posseduto una tavola rotonda decorata con una mappa di Roma. Sebbene la tavola rotonda non sia menzionata fino a Wace, il concetto di Arthur che ha una corte meravigliosa composta da molti guerrieri di spicco è molto più antico. Geoffrey of Monmouth afferma che dopo aver stabilito la pace in tutta la Gran Bretagna, Arthur “aumentò il suo personale seguito invitando uomini molto distinti provenienti da regni lontani per unirsi a loro”. Il codice della cavalleria è così importante anche nelle successive figure romantiche, poiché Geoffrey afferma che Arthur ha stabilito “un tale codice di cortesia nella sua famiglia da ispirare i popoli che vivono lontano per imitarlo”. Molto prima di Geoffrey, la corte di Arthur era ben nota ai cantastorie gallesi; nel romanzo Culhwch e Olwen, scritto intorno al 1100, il protagonista Culhwch invoca i nomi di 225 individui affiliati ad Arthur. In effetti, la fama del seguito di Arthur divenne così prominente nella tradizione gallese che, nelle ultime aggiunte alle triadi gallesi, la formula che legava gli individui alla “Corte di Artù” nei titoli della triade cominciò a sostituire la più antica formula “Isola di Britannia”. Sebbene il codice di cavalleria cruciale per i successivi romanzi continentali che trattano la Tavola Rotonda sia per lo più assente dal precedente materiale gallese, alcuni passaggi di Culhwch e Olwen sembrano prefigurarlo, ad esempio quando Arthur spiega l’ethos della sua corte, dicendo “[w ] e siamo nobili finché siamo ricercati: maggiore è la taglia che possiamo dare, maggiore è la nostra nobiltà, fama e onore. ” Sebbene nei primi testi gallesi non compaia una tavola rotonda, Arthur è associato a vari articoli di mobili per la casa. Il più antico di questi è il mistico altare galleggiante di Saint Carannog nella vita del dodicesimo secolo di quel santo; nella storia Arthur ha trovato l’altare e tenta senza successo di usarlo per un tavolo, e lo restituisce a Carannog in cambio del santo che sbarazza la terra di un drago intrigante. I mobili per la casa di Arthur sono diventati il ​​folclore topografico locale in tutta la Gran Bretagna fin dai primi anni del XII secolo, con vari punti di riferimento denominati “Arthur’s Seat”, “Arthur’s Oven” e “Arthur’s Bed-chamber”. Un henge al ponte Eamont vicino a Penrith, Cumbria è conosciuta come “la tavola rotonda di Re Artù”. L’anfiteatro romano ancora visibile a Caerleon è stato associato alla tavola rotonda. ed è stato suggerito come una possibile fonte per la leggenda. Nel 2010, in seguito alle scoperte archeologiche presso le rovine romane di Chester, alcuni scrittori hanno suggerito che l’anfiteatro romano di Chester fosse il vero prototipo della tavola rotonda, ma la English Heritage Commission, in qualità di consulente di un documentario su History Channel in cui è stata presentata la richiesta, ha dichiarato che non vi era alcuna base archeologica per la storia.

La Tavola Rotonda assume nuove dimensioni nei romanzi della fine del 12 ° e dell’inizio del 13 ° secolo, dove diventa un simbolo del famoso ordine cavalleresco che fiorisce sotto Artù. Nel Merlino di Robert de Boron, scritto intorno al 1190, il mago Merlino crea la tavola rotonda imitando la tavola dell’Ultima Cena e del tavolo del Santo Graal di Giuseppe di Arimatea. Questo tavolo, qui realizzato per il padre di Arthur, Uther Pendragon, piuttosto che Arthur

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top