cebnews.eu

Tutto il mondo è un palcoscenico

“Tutto il mondo è un palcoscenico” è la frase che inizia un monologo di As You Like It di William Shakespeare, pronunciato dal malinconico Jaques in Act II Scene VII. Il discorso paragona il mondo a uno stadio e la vita a un’opera teatrale e cataloga le sette fasi della vita di un uomo, a volte indicate come le sette età dell’uomo: infante, scolaro, amante, soldato, giustizia, Pantalone e vecchiaia, di fronte morte imminente. È uno dei passaggi più citati di Shakespeare.

Il confronto tra il mondo e un palcoscenico e la gente agli attori predicava a lungo Shakespeare. Juvenal, l’antico poeta romano, scrisse una delle prime versioni di questa linea nel suo “Satire 3”: “Tutta la Grecia è un palcoscenico, e ogni greco è un attore.” Il dramma di Richard Edward Damon e Pythias, scritto nell’anno Shakespeare è nato, contiene le battute “, Pitagora ha detto che questo mondo era come uno stadio / in cui molti recitavano le loro parti, gli osservatori, i saggi”. Quando fu fondato nel 1599, il teatro di Shakespeare, The Globe, potrebbe aver usato il motto (All the world è l’attore), il cui testo latino deriva da un trattato del XII secolo. In definitiva le parole derivano da (perché quasi tutto il mondo sono attori) attribuito a Petronio, una frase che all’epoca era ampiamente diffusa in Inghilterra. Nella sua opera precedente, Il mercante di Venezia, Shakespeare aveva anche uno dei suoi personaggi principali, Antonio, paragonando il mondo a un palcoscenico: Nella sua opera The Praise of Folly, stampata per la prima volta nel 1511, l’umanista rinascimentale Erasmus chiede: “Per cosa altro è la vita dell’uomo, ma una specie di gioco in cui si esibiscono gli uomini in vari costumi fino a quando il regista li fa allontanare dal palco. ”

Allo stesso modo la divisione della vita umana in una serie di epoche era un luogo comune di arte e letteratura, che Shakespeare si sarebbe aspettato che il suo pubblico riconoscesse. Il numero delle età varia: tre e quattro sono i più comuni tra scrittori antichi come Aristotele. Il concetto di sette età deriva dalla filosofia medievale, che ha costruito gruppi di sette, come nei sette peccati capitali, per ragioni teologiche. Il modello delle sette età risale al 12 ° secolo. Il re Enrico V aveva un arazzo che illustrava le sette età dell’uomo. Secondo T. W. Baldwin, la versione di Shakespeare del concetto di età dell’uomo è basata principalmente sul libro di Palingenius Zodiacus Vitae, un testo scolastico che avrebbe studiato alla Stratford Grammar School, che enumera anche le fasi della vita umana. Prende anche elementi da Ovidio e altre fonti a lui note.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top