cebnews.eu

Yaylak

Yaylag () è un termine turco, che significa pascolo delle altopiano estive (da yay, che significa estate, e -lagh o -lağ, un suffisso più deverbo in lingue turche). Il termine inverso è gishlag (scritto anche come kışlak o qhishloq), un pascolo invernale (da kış, qish o gish, una parola turca per l’inverno). Quest’ultimo ha dato origine al termine kishlak per gli insediamenti rurali in Asia centrale. Le trascrizioni del termine includono yaylak (), yaylaq (), یایلاق (), ailoq, jaylaw () o jayloo () e yeilâq (persiano). Un’autorità in materia di nomadismo, Anatoly Khazanov, osserva: “Il significato specifico del pastoralismo è solitamente più evidente nella variante alpina specializzata dell’allevamento di mandriani: nell’antropologia sovietica viene spesso definito pastoralismo yaylag …” Antropologia occidentale Il pastoralismo yaylag corrisponde più o meno alla nozione di transumanza (Transhumanz) Secondo Karl H. Menges, che ha studiato e assistito allo stile di vita nomade della tribù turca di Qashqai in Iran, “[t] ribes nei loro accampamenti estivi (jajłaγ) e non in movimento (köç). Vivono, nei mesi di maggio-agosto, nella regione come sopra designata, e cominciano a spostarsi verso sud verso gli accampamenti invernali (qyšłaγ) verso la fine di agosto. ” Esistono diverse varianti del pastoralismo yaylag, alcune delle quali sono simili al pastoralismo semi-nomade, sebbene la maggior parte siano simili all’allevamento di mandriani (come nelle aree montuose dell’Europa e del Caucaso). Tuttavia, nelle steppe eurasiatica, il pastoralismo yaylag del Medio Oriente e del Nord Africa spesso coesiste con il pastoralismo semi-nomade e il nomadismo pastorale. Nella descrizione di un altro specialista occidentale su nomadi e pastorizia, il sistema di classificazione di Khazanov è l’approccio più moderno, “classificando le forme nomadi in base all’entità della mobilità migratoria di una società, al primato di specifici animali nella produzione dei loro prodotti di sussistenza e al livello di simbiosi tra società agricole nomadi e insediate, classificando i pastori in cinque tipi, che vanno dal “puro nomadismo pastorale” a “pastorizia semi-nomade”, “pastoralismo semi-sedentario”, e infine a “pascoli a pascoli lontani” e “transumanza stagionale” (Khaayov’s yaylag – Khazanov 1994, 19-23) “. La pastorizia Yaylag consente alle persone occupate con l’agricoltura in specifiche zone ecologiche di utilizzare altre aree come pascoli stagionali quando sono più produttivi. Durante una parte dell’anno il bestiame viene tenuto nei pascoli di montagna e durante le altre parti viene guidato verso le zone più basse. Un’altra spiegazione dell’importanza e della posizione di Yaylag nell’agricoltura di oggi è data da una recente ricerca: “Poiché è semiarido, gran parte del Medio Oriente è stata tradizionalmente data ad un modo di sussistenza che combina la coltivazione estensiva di colture come frumento e orzo con la mandria di pecore e capre, le mandrie vengono solitamente spostate in schemi fissi tra zone ecologiche adiacenti nel corso di un anno e pascolano sulle stoppie dei campi coltivati ​​dopo il raccolto, un movimento chiamato pastorizia transumante o seminomadismo, e si differenzia dal movimento di gruppi nomadi che seguono le loro mandrie (nomadismo pastorale). Pastori seminomadi e nomadi pastorali formano una minoranza significativa ma in declino in paesi come l’Arabia Saudita (probabilmente meno del 3%), l’Iran (4%) e l’Afghanistan (non più del 10% ) Comprendono meno del 2% della popolazione nei paesi del Nord Africa, ad eccezione della Libia e della Mauritania. ” La variazione nei sistemi pastorali mobili è comunemente legata sia all’ecologia della pastorizia che ai negoziati socio-politici. Questi fattori possono contribuire a cambiamenti significativi nel modo in cui i pastori gestiscono il territorio e reclamano posizioni nei loro paesaggi (ad es. Pascoli e campeggi). Alla luce della variabilità ambientale nella qualità dei pascoli di anno in anno, tuttavia, la proprietà e il controllo di particolari località e risorse come i pascoli estivi e invernali (ailoq e qhishloq) e le cisterne stagionali (yekhdon) hanno causato varie forme di interazione sociale, come come commercio di risorse, alleanze politiche e affitto di terreni, per soddisfare i bisogni delle mandrie domestiche. Un’altra fonte fornisce ulteriori informazioni sul pastoralismo yaylag in Iran e nel Caucaso: “I seminomadi vivono in una valle o in una pianura in inverno e negli altopiani durante l’estate.La loro” casa stagionale “può segnare l’inizio della loro transizione dalla pastorizia seminomade a Una vita da villaggio risolta Un altro esempio di questo stile di vita da un’altra parte del Northern Tier sono le tribù Bakhtiari dell’Iran. Tutte le catene montuose Zagros dall’Azerbaijan al Mar Arabico, tribù pastorali si spostano avanti e indietro con le loro mandrie ogni anno tra la loro casa nella valle e quella ai piedi. ” Un certo numero di studiosi ha suggerito che il pastoralismo yaylag ha radici antiche nell’Asia occidentale neolitica, sostenendo che già nel VII millennio a.C. il

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top