cebnews.eu

Burung Petala Processions

Le Processioni di Burung Petala (letterarie “Processioni di uccelli celesti”) (; Jawi: ڤراراكن بوروڠ ڤتالا) si riferivano a una serie di parate imperiali per commemorare la cerimonia della circoncisione della nobiltà Kelantanese. Durante la grande cavalcata, il principe e il suo entourage reale furono celebrati intorno a Kota Bharu attraverso un grande carro da processione simile ad un uccello, in particolare il grande carro del 1933 noto come Burung Petala Indra e tandu Burung Petalawati del 1923. Le processioni si tenevano tre volte tra 1919 e 1933.

Le celebrazioni si sono radicate dalle grandi parate storiche osservate durante l’era pre-islamica della costa settentrionale della penisola malese. Come notato dai vecchi documenti di Chi Tu, l’ambasciatore cinese del regno sarebbe stato presentato in modo simile al loro arrivo nello stato della città. Ciò è in gran parte originato dall’usanza che ogni delegazione statale dovrebbe essere celebrata come il ritorno degli dei dalla dimora celeste. Il regno riuscì a ottenere forti relazioni diplomatiche con l’antica Cina derivate dalle celebrazioni epiche per le sue delegazioni.

Mentre la venuta dell’Islam trasformava l’istmo della società malese, così pure la funzione e la filosofia della processione che viene poi ereditata per commemorare gli elementi islamici e il sistema di credenze. Gli uccelli furono mobilitati per uso ufficiale, incluso durante l’intronizzazione del principe, l’arrivo delle delegazioni statali e durante le celebrazioni della circoncisione reale. Mentre non era in uso, l’uccello si sarebbe annidato in una camera speciale, con un cortigiano incaricato di eseguire i rituali per custodire il suo “spirito”. La processione fu in seguito registrata in grande dettaglio dall’arrivo dell’amministratore coloniale britannico a Kelantan dal 1909. Ci sono diverse varianti dell’uccello in Pattani e Kelantan, tra cui Burung Gagak Suro (Raven), Karawek (Birds of Paradise), Merak Mas (Peacock), Garuda e Burung Singa (Lion Bird).

Nella tradizione malese tradizionale, un bambino veniva solitamente trasportato sulla spalla di suo padre dalla sua dimora al luogo in cui si svolgerà la sua circoncisione. Ma per le famiglie malesi più abbienti, la cerimonia sarebbe stata più sontuosa, il bambino sarebbe stato trasportato su una portantina processionale, in una forma di barca o una piccola struttura simile a una moschea da un gruppo di uomini, una corrispondenza filosofica di un rito di passaggio da ragazzi a uomini. Una pratica più elaborata della celebrazione includerebbe una marcia di uomini con armi, esibizioni musicali e persino cibi cerimoniali inclusi nella parata.

Basandosi sul resoconto di Ghulam-Sarwar Yousof, è stato narrato che il sultano aveva un sogno sul Burung Petala Wati, il guardiano tradizionale di Kelantan. Seguendo l’account, ordinò la costruzione del mistico Thunderbird per il suo principe. Un’altra versione dell’origine di Petala Wati denota un conto molto più secolare, in quanto si riteneva che la costruzione dell’arca fosse principalmente per illustrare la grandezza del monarca kelantanese e per compiacere il residente coloniale britannico in quel momento, che erano incuriositi da la cultura, l’eredità e il folclore malese locali.

Il disegno del carro ha emulato molte figure ornamentali derivate dall’antica mitologia malese, la regalità e i racconti delle malesi hikayat. Basato sulla narrazione di Paul J. Coatalen nella sua intervista con un malese Bomoh (sciamano) locale su una nave imperiale kelantanese parallela, asserisce che il veicolo cerimoniale è un simbolo del misticismo malese adottato sulla base della leggendaria promessa fatta tra gli antenati di il re Kelantan con un leale guerriero noto come Isma Dewa Pekerma Raja. Pur basandosi sul record tra Coatalen e Haji Mubin Sheppard in “Processional Birds Of Kelantan” e “The Giant bird”, ha affermato che esisteva una forte correlazione tra la chiatta reale di Pertala Sri Kelantan con l’epica indù, derivante da Helang, Burung Camar Laut, Garuda e Jentayu come fonte di identità e ispirazione. Ciò era dovuto in gran parte al fatto che la letteratura indù malayalizzata era molto celebrata durante il periodo ei racconti di Hikayat Maharaja Wana, Ramayana, Isma Dewa Perkerma Raja venivano spesso trasmessi nella forma del teatro malese e di Wayang kulit, diventando così una norma di la società malese Kelantanese. Basato su Coatalen, nonostante il design e il nome delle mitologie indù siano stati adottati nell’arte degli uccelli, non è necessario sopportare alcun sincretismo religioso indù, invece l’adozione era esclusivamente per fattori estetici, ha aggiunto.

Ci vorrebbero 3 mesi per costruire ciascuno degli uccelli di Petala. L’ultimo degli uccelli fu costruito molto tempo dopo la fine della seconda guerra mondiale, costruito esclusivamente come mostra su richiesta del Museo Nazionale della Malesia. Il tandu fu chiamato Pertala Indra Maha Sakti e completato nel 1963, costruito dal figlio di uno degli assistenti artigiani che costruirono i primi uccelli reali, Mohamed Noor bin Daud (Weh Burong); è stato assistito da Awang bin Sulong e sotto la supervisione di Ismail Bakti. L’uccello risorto era di gran lunga sminuito nel c

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top