cebnews.eu

Capacità di gruppo grande

La capacità del gruppo grande è un concetto di educazione degli adulti e di psicologia sociale associato al sociologo brasiliano Clodomir Santos de Morais e fondato sull’attività dell’attività dell’individuo e sulla psicologia sociale del grande gruppo. Se applicato al contesto dell’Organizzazione Workshop (OW), che, storicamente, è stato utilizzato principalmente ai fini della creazione di posti di lavoro e della generazione di reddito, è noto come Metodología da Capacitação Massiva (MCM) in portoghese, Método de Capacitación Masiva ( MCM) in spagnolo e come metodo di capacità di gruppo (LGCM) in inglese.

Il termine inglese capacitation è una traduzione dei termini latino /. La capacitazione segna la differenza generica tra transitivo e modalità di apprendimento e comunicazione implicita nell’aforisma di de Morais: “[Il tirocinante] impara, ma non è capacitato”. La capacitazione, da – qui, ricorda il concetto di educazione degli adulti di coscientizzazione – da -, reso popolare dal teorico brasiliano, attivista e amico di lunga data di Clodomir, Paulo Freire. Mentre il lavoro di Freire è stato tradotto in inglese già nel 1970, il Laboratorio dell’Organizzazione di De Morais (OW) – e quindi la capacità di grandi gruppi moraisini (LGC) – non è arrivato all’attenzione del pubblico di lingua inglese fino a metà Gli anni ’80, quando i Psilologi Sociali cileni I. & I. Labra si trasferirono nello Zimbabwe e trasferirono il metodo al contesto (meridionale) africano. I testi in latino sono stati inizialmente tradotti su base “ad hoc”, compresa la traduzione “dizionario” di come. Anche la prima traduzione in inglese di Cherrett del 1992 degli Apuntes de Teoría de la Organización di de Morais era ancora indicata come un manuale di “addestramento”. Fu solo con l’ALFA International Conference a Manchester, nel Regno Unito, nel 1998, alla presenza di de Morais e accademici di quattro università europee e quattro università latinoamericane, che si raggiunse un consenso sui termini dedicati Capacitation and Large Group Capacitation (LGC).

(al di fuori del campo della biologia) è stato usato precedentemente, in inglese, principalmente per enfatizzare contenuti educativi che differiscono da e / o trascendono il significato di base della formazione inglese “taglia unica”. In alcuni settori della salute della Comunità, si dice che la “capacitazione” sia sinonimo di potenziamento della formazione. è stato storicamente utilizzato anche nel campo dell’educazione degli adulti, a partire da Paulo Freire, che negli anni settanta usa il termine “Capacità tecnica di competenza” per riferirsi ad un’attività di apprendimento (adulta) che “non può mai essere ridotta al livello” di semplice addestramento “. Negli anni ottanta, è definito, dall’ILO, come: “disponibilità di opportunità per le persone di sviluppare le proprie capacità per passare dallo stato di oggetto e vittime passive dei processi sociali allo stato di soggetti guidati dall’autocoscienza e agenti attivi di cambiamento “”. L’UNRISD (Ginevra) aveva iniziato (negli anni settanta) a promuovere il termine come un’alternativa “problem-solving, educativa” agli approcci allo sviluppo internazionale, prevalentemente prevalenti ma principalmente pragmatici, di miglioramento sociale. Jan Nederveen Pieterse contrasta la “capacitazione” / sviluppo umano, come proposto da teorici alternativi o (anche autoprocessi) – (come ad esempio Korten, 1990; Max-Neef, 1991; Rahman, 1993 e Carmen, 1996), – con ” sviluppo “come” teorici “di crescita economica per i quali, secondo Pieterse, l’accumulazione di capitale è l’ultimo obiettivo di sviluppo. Verso la metà degli anni Novanta, ogni menzione della capacitazione era praticamente scomparsa dalla scena dello sviluppo internazionale, per essere sostituita dal discorso sullo sviluppo di capacità sponsorizzato dalla Banca Mondiale. Sebbene de Morais abbia lavorato per molti anni con una serie di agenzie ONU e internazionali, la sua pedagogia basata su “Attività” non è mai diventata una valuta comune, forse, come suggerisce Sobrado, a causa, tra l’altro, del suo presunto pedigree “Evil Empire”.

La principale influenza teorica, riconosciuta da de Morais, nello sviluppo del concetto e del metodo LGC, è opera di Aleksei N. Leontiev. re anche, che vede Alexei Nikolaevich (e suo figlio AA) Leontiev come appartenenti alla più ampia tradizione di psicologia storico-culturale della Scuola Russa, pioniere da Lev Vygotsky e portato avanti negli ultimi anni dal teorico dell’attività alpina Yrjö Engeström (“terza generazione”) – vedi: e p. 8, nota 17. (Altri teorici di “Attività”: Michael Cole, Jean Lave, James Wertsch e altri). in particolare il suo concetto di attività oggettiva (che significa che, al fine di cambiare la mentalità degli individui, abbiamo bisogno di iniziare con modifiche alla loro attività – e / o all’oggetto che “suggerisce” la loro attività. Attività oggettivata o, dall’originale (predmetnaja-dejatelnost), o, anche nota come attività oggettiva, è spiegata nel capitolo tre di. Secondo l’approccio OW, il concetto di attività oggettivizzata implica il riconoscimento che, al fine di cambiare la mentalità degli individui, abbiamo bisogno di iniziare con le modifiche alla loro attività – e / o all’oggetto che “suggerisce” la loro attività. Nel contesto dell’Organizzazione, il

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top