cebnews.eu

Comportamento culturale

Il comportamento culturale è un comportamento esibito dall’uomo (e, qualcuno potrebbe obiettare, anche da altre specie, anche se in misura molto minore) che è extrasomatico o extragenetico, in altre parole, apprese.

C’è una specie di formica che costruisce nidi fatti di foglie. Per costruire un nido, alcune di queste formiche tirano insieme i bordi di due foglie e le tengono in posizione, mentre altre portano larva nelle loro mascelle e le “cuciono” insieme con la seta che secernono. Questa è certamente una impresa complessa di ingegneria, ma non è culturale. Questo comportamento è istintivo, incorporato nei meccanismi di comportamento delle formiche. Non possono modificare i loro piani o pensare a modi migliori per unire le foglie. Non possono insegnare o essere istruiti a farlo. Ma ci sono esempi di animali che possono apprendere comportamenti, come cani e gatti. Un cane non sa istintivamente di non urinare o defecare in casa, ma può essere insegnato a non farlo. I cani sono in grado di apprendere comportamenti specifici.

L’acquisizione di un comportamento da parte di un cane soddisfa uno dei requisiti della cultura, ma soddisfa anche un altro. Se dovessi prendere un cane che ha imparato a non eliminare l’interno in una casa diversa, saprebbe comunque di non urinare lì. Questo perché il cane ha fatto una generalizzazione. Sa non urinare o defecare in nessuna casa, non solo in quella in cui è stato insegnato. Tuttavia, questo comportamento rende solo due dei quattro requisiti.

Perché un comportamento sia considerato culturale deve essere condiviso in modo extragenetico; cioè, deve essere insegnato. Se un cane addestrato viene presentato a un cucciolo che non sa di non urinare in una casa, non può insegnare a non farlo. Un cucciolo particolarmente intelligente potrebbe alla fine abituarsi a non eliminare nelle case della gente osservando il cane più vecchio, ma nessun insegnamento attivo sarebbe avvenuto. Confrontalo con un gruppo osservato di scimmie macaco. Alcuni scienziati volevano conoscere i comportamenti alimentari nei macachi, quindi hanno messo delle patate dolci su una spiaggia vicino a dove vivevano. Le patate dolci diventarono sabbiose e, visto che alle scimmie non piaceva il cibo sporco, passavano un po ‘di tempo a raccogliere la sabbia. Una femmina giovane, tuttavia, ha iniziato a portare le sue patate in una pozza d’acqua dolce per risciacquare. Ha mostrato agli altri come fare anche quello. Gli scienziati gettarono il grano sulla sabbia, sperando che le scimmie avrebbero passato più tempo a raccogliere il cibo in modo da avere più tempo per osservarli. La stessa giovane donna raccolse manciate di grano e sabbia e le mollò nell’acqua. La sabbia affondò e il grano galleggiò, cosa che lei mangiò. Questa pratica si diffuse rapidamente anche attraverso il gruppo. Questo è ciò che gli umani potrebbero definire un comportamento proto-culturale. È appresa, coinvolge concetti e generalizzazioni e viene insegnata. C’è solo una cosa che manca.

Il comportamento culturale deve comportare l’uso di artefatti. L’esempio più famoso nel mondo animale è il bastone della termite. Alcuni scimpanzé in Tanzania hanno imparato a pescare le termiti dai loro nidi usando bastoncini. Selezionano un bastoncino e lo modificano per adattarlo a un’apertura in un termitaio, lo inseriscono, lo muovono e lo ritirano, mangiando le termiti che hanno attaccato il bastone e attaccato ad esso. Questo corrisponde ai nostri criteri per il comportamento culturale. Non è geneticamente programmato. Non tutti gli scimpanzé lo fanno, come accadrebbe se fosse incorporato nei geni degli scimpanzé. Comporta parecchie generalizzazioni e idee complesse, comprendendo la comprensione del comportamento delle termiti e di come sfruttarle, e la concezione di uno strumento con cui farlo. Viene insegnato dagli scimpanzé della madre alla loro prole. E comporta l’uso di un artefatto: il bastone stesso. La differenza tra la cultura degli umani e i comportamenti esibiti da altri è che gli esseri umani non possono sopravvivere senza cultura. Tutto ciò che vedono, toccano, interagiscono e pensano è culturale. È il principale meccanismo di adattamento per gli esseri umani. Non possono sopravvivere agli inverni alle alte latitudini senza vestiti e ripari protettivi, che sono forniti culturalmente. Non possono ottenere cibo senza essere istruiti come. Mentre altri organismi che esibiscono un comportamento culturale non ne hanno necessariamente bisogno per la perpetuazione della loro specie, non possono assolutamente vivere senza di essa. La lingua è un elemento importante nella cultura umana. È il principale artefatto astratto con cui la cultura viene trasmessa in modo extragenetico (adempiendo ai punti 3 e 4). Solo così pochi possono essere mostrati, molto più deve essere spiegato. La maggior parte della trasmissione della conoscenza, delle idee e dei valori che costituiscono una determinata cultura, dai dieci comandamenti a questa voce, viene fatta attraverso il linguaggio. Ancora una volta, il linguaggio è un aspetto dal quale gli umani differiscono dagli altri animali per grado piuttosto che per tipo. Ancora una volta sono altre scimmie a condividere le più grandi somiglianze con gli umani. Sebbene questi primati non abbiano la struttura laringea che consente una vocalizzazione sofisticata, ci sono altri modi di comunicare. Il famoso gorilla femminile, Koko, è stato insegnato a comunicare nella lingua dei segni americana, e lo ha insegnato anche ad altri gorilla. Cultura non significa civi

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top