cebnews.eu

cultura occidentale

La cultura occidentale, a volte identificata con la civiltà occidentale, la cultura occidentale, il mondo occidentale, la società occidentale, la civiltà europea, è un termine usato in senso molto ampio per riferirsi a un patrimonio di norme sociali, valori etici, costumi tradizionali, sistemi di credenze, sistemi politici e specifici artefatti e tecnologie che hanno origine o associazione con l’Europa. Il termine si applica anche oltre l’Europa a paesi e culture le cui storie sono fortemente legate all’Europa da immigrazione, colonizzazione o influenza. Ad esempio, la cultura occidentale include paesi nelle Americhe e in Australasia, le cui maggioranze linguistiche e di appartenenza etnica demografica sono europee. Lo sviluppo della cultura occidentale è stato fortemente influenzato dal cristianesimo. La cultura occidentale è caratterizzata da una miriade di temi e tradizioni artistiche, filosofiche, letterarie e legali; il retaggio di gruppi greci, romani, germanici, celtici, slavi e di altri gruppi etnici e linguistici. Il cristianesimo, tra cui la Chiesa cattolica romana, il protestantesimo e la Chiesa ortodossa, ha svolto un ruolo di primo piano nella formazione della civiltà occidentale almeno dal IV secolo come il giudaismo (in particolare l’ebraismo ellenistico e il cristianesimo ebraico). Prima dell’era della Guerra Fredda, il tradizionale punto di vista occidentale identificava la civiltà occidentale con i paesi e la cultura del cristiano occidentale (cattolico-protestante). Una pietra angolare del pensiero occidentale, che inizia nell’antica Grecia e continua attraverso il Medioevo e il Rinascimento, è l’idea del razionalismo in varie sfere della vita, in particolare la religione, sviluppata dalla filosofia ellenistica, dalla scolastica e dall’umanesimo. La Chiesa cattolica è stata per secoli al centro dello sviluppo dei valori, delle idee, delle scienze, delle leggi e delle istituzioni che costituiscono la civiltà occidentale. L’empirismo in seguito ha dato origine al metodo scientifico durante la rivoluzione scientifica e l’Illuminismo. I valori della cultura occidentale sono stati nel corso della storia derivati ​​dal pensiero politico, l’impiego diffuso di argomenti razionali che favoriscono il libero pensiero, l’assimilazione dei diritti umani, la necessità di uguaglianza e democrazia. L’antica Grecia è considerata la culla di molti elementi della cultura occidentale, con il primo sistema democratico di governo al mondo e importanti progressi in filosofia, scienza e matematica. La Grecia è stata seguita da Roma, che ha apportato contributi chiave in legge, governo, ingegneria e organizzazione politica. La cultura occidentale continuò a svilupparsi con la cristianizzazione dell’Europa durante il Medioevo e la riforma e la modernizzazione innescate dal Rinascimento. La Chiesa ha preservato gli sviluppi intellettuali dell’antichità classica ed è la ragione per cui molti di essi sono ancora conosciuti oggi. Il cristianesimo medievale ha creato l’università moderna, il sistema ospedaliero, l’economia scientifica, la legge naturale (che in seguito avrebbe influenzato la creazione del diritto internazionale) e numerose altre innovazioni in tutti i campi intellettuali. Il cristianesimo ha avuto un ruolo nel porre fine alle pratiche comuni tra le società pagane, come il sacrificio umano, la schiavitù, l’infanticidio e la poligamia. La globalizzazione da parte dei successivi imperi coloniali europei ha diffuso forme di vita europee e metodi educativi europei in tutto il mondo tra il XVI e il XX secolo. La cultura europea si sviluppò con una gamma complessa di filosofia, la scolastica medievale e il misticismo e l’umanesimo cristiano e secolare. Il pensiero razionale si sviluppò attraverso una lunga era di cambiamento e formazione, con gli esperimenti dell’Illuminismo e le scoperte nelle scienze. Le tendenze che sono venute a definire le società occidentali moderne includono il concetto di pluralismo politico, sottoculture o controculture prominenti (come i movimenti New Age) e l’aumento del sincretismo culturale derivante dalla globalizzazione e dalla migrazione umana.

L’Occidente come area geografica non è chiaro e indefinito. Più spesso l’ideologia di un paese è ciò che verrà utilizzato per classificarlo come una società occidentale. C’è qualche disaccordo su cosa le nazioni dovrebbero o non dovrebbero essere incluse nella categoria e in quale momento. Molte parti dell’Impero Romano d’Oriente sono considerate occidentali oggi, ma erano orientali nel passato. Geograficamente, l ‘”Occidente” di oggi includerebbe l’Europa (in particolare i paesi dell’Unione Europea) insieme a territori extra-europei appartenenti al mondo anglosassone così come all’Hispanidad, alla Lusosfera o alla Francofonia nel più ampio contesto. Dato che il contesto è altamente parziale e dipendente dal contesto, non esiste una definizione condivisa di ciò che è “l’Occidente”. È difficile determinare quali individui rientrano in quella categoria e il contrasto Est-Ovest a volte viene criticato come relativistico e arbitrario. Il globalismo ha diffuso così ampiamente le idee occidentali che quasi tutte le culture moderne sono, in qualche misura, influenzate da aspetti della cultura occidentale. Le visioni stereotipate dell ‘”Occidente” sono state etichettate come “Occidentalismo”, parallelo all’orientalismo – il termine per le viste stereotipate dell’Ottocento “l’Oriente”

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top