cebnews.eu

Dichiarazione delle scuole sicure

La Dichiarazione sulle scuole sicure è un impegno politico intergovernativo che è stato aperto per l’approvazione da parte dei paesi a una conferenza internazionale tenutasi a Oslo, in Norvegia, dal 28 al 29 maggio 2015. La dichiarazione offre ai paesi l’opportunità di esprimere sostegno politico per la protezione degli studenti , insegnanti e scuole durante i periodi di conflitto armato; l’importanza della continuazione dell’istruzione durante i conflitti armati; e l’attuazione delle [Linee guida per l’uso militare delle scuole # per la protezione delle scuole e delle università dall’uso militare durante i conflitti armati | Linee guida per la protezione delle scuole e delle università dall’uso militare durante i conflitti armati]]. A partire dal luglio 2018, 79 paesi hanno approvato la Dichiarazione sulle scuole sicure, che rimane aperta per l’adesione di altri paesi. Il Ministero degli Affari Esteri della Norvegia è il depositario delle approvazioni. Il 28-29 marzo 2017, i ministeri degli affari esteri e della difesa dell’Argentina hanno ospitato la Seconda Conferenza internazionale delle scuole sicure a Buenos Aires. Nel maggio 2017, il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha esortato tutti gli Stati membri ad approvare la Dichiarazione sulle scuole sicure. Il 24 aprile 2018, la Spagna ha annunciato che ospiterà la terza conferenza internazionale di scuole sicure nel 2019.

La Dichiarazione sulle scuole sicure è stata sviluppata attraverso consultazioni con gli stati guidati dai ministeri degli affari esteri di Norvegia e Argentina tra gennaio e maggio 2015. Rappresentanti di oltre 60 paesi hanno partecipato alla conferenza che ha lanciato la Dichiarazione sulle scuole sicure nel 2015, insieme al Ministro degli Esteri norvegese Børge Brende, il ministro della Difesa norvegese Ine Marie Eriksen Søreide e Ziauddin Yousafzai il padre del premio Nobel per la pace Malala Yousafzai. Rappresentanti di oltre 80 paesi hanno partecipato alla seconda Conferenza sulle scuole sicure a Buenos Aires nel 2017.

“L’impatto dei conflitti armati sull’educazione presenta urgenti aiuti umanitari, sviluppo e sfide sociali più ampie: in tutto il mondo, scuole e università sono state bombardate, bombardate e bruciate e bambini, studenti, insegnanti e accademici sono stati uccisi, mutilati, rapiti o detenuti arbitrariamente. Le strutture educative sono state utilizzate dalle parti in conflitto armato come, tra l’altro, basi, caserme o centri di detenzione.Queste azioni espongono gli studenti e il personale scolastico a nuocere, negano a un gran numero di bambini e studenti il ​​diritto all’istruzione e privano così le comunità delle fondazioni su cui costruire il loro futuro In molti paesi, i conflitti armati continuano a distruggere non solo le infrastrutture scolastiche, ma le speranze e le ambizioni di un’intera generazione di bambini “. – Paragrafo iniziale delle scuole sicure La dichiarazione sulle scuole sicure descrive le conseguenze immediate e a lungo termine degli attacchi a studenti, insegnanti, scuole e università e all’uso militare di scuole e università, durante i periodi di conflitto armato. Ciò contrasta con il ruolo positivo e protettivo che l’educazione può avere durante il conflitto armato. Aderendo alla Dichiarazione, gli stati approvano formalmente le Linee Guida per la protezione delle scuole e delle università dall’uso militare durante i conflitti armati e si impegnano a “portarle nella politica interna e nei quadri operativi il più possibile e appropriati”. La Dichiarazione contiene anche una serie di altri impegni volto a rafforzare la prevenzione e la risposta agli attacchi all’istruzione durante i conflitti armati, anche attraverso: la raccolta di dati affidabili sugli attacchi e l’uso militare di scuole e università; fornire assistenza alle vittime di attacchi; indagando sulle accuse di violazioni del diritto nazionale e internazionale e perseguendo i perpetratori ove opportuno; sviluppare e promuovere approcci “sensibili al conflitto” nei confronti dell’istruzione; cercare di continuare l’educazione durante i conflitti armati; e sostenere il lavoro delle Nazioni Unite sull’agenda dei bambini e dei conflitti armati. Infine, la Dichiarazione è un quadro per la collaborazione e lo scambio, in quanto gli Stati aderenti accettano anche di incontrarsi regolarmente per rivedere l’attuazione della Dichiarazione e l’uso delle Linee Guida.

A partire dal luglio 2018, i seguenti 79 stati avevano appoggiato la Dichiarazione:

Il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha invitato tutti i paesi ad approvare la Dichiarazione delle scuole sicure. Virginia Gamba, rappresentante speciale del Segretario generale dell’ONU, ha affermato che tutti i paesi dovrebbero sostenere la Dichiarazione sulle scuole sicure, in quanto “ha contribuito in modo essenziale alla promozione di misure tangibili per prevenire gli attacchi all’istruzione”. L’ex Primo Ministro del Regno Unito, Gordon Brown, ha dichiarato che “ogni paese deve ora sostenere” la Dichiarazione. Il Regno Unito non ha appoggiato la Dichiarazione sulle scuole sicure. In una lettera del Foreign and Commonwealth Office (02/03/16), James Dudddridge (allora Ministro per l’Africa, i Territori d’oltremare e i Caraibi) ha dichiarato che: “Pur accettando con favore lo spirito della Dichiarazione delle scuole sicure, un

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top