cebnews.eu

Disuguaglianza di genere nei curricula

La disuguaglianza di genere nei curricula espone indicazioni che gli studenti di sesso femminile e maschile non sono trattati allo stesso modo in vari tipi di curricula. Esistono due tipi di curricula: formale e informale. I programmi formali sono introdotti da un governo o da un’istituzione educativa. Inoltre sono definiti come insiemi di obiettivi, contenuti, risorse e valutazione. I curricula informali, definiti anche come nascosti o non ufficiali, si riferiscono a atteggiamenti, valori, convinzioni, ipotesi, comportamenti e programmi non dichiarati alla base del processo di apprendimento. Questi sono formulati da individui, famiglie, società, religioni, culture e tradizioni. Più in particolare, la disuguaglianza di genere è evidente nel curriculum di entrambe le scuole e degli istituti di istruzione per insegnanti (TEI). L’educazione fisica (PE) è particolarmente delicata, poiché spesso sorgono problemi di uguaglianza di genere che derivano da stereotipi precostituiti di ragazzi e ragazze. Si ritiene spesso che i ragazzi siano più bravi nell’esercizio fisico rispetto alle ragazze e che questi siano migliori nelle attività “domestiche”, tra cui cucito e cucinato. Questa convinzione prevale in molte culture in tutto il mondo e non è legata a una sola cultura.

Alcuni obiettivi curriculari mostrano che la lingua utilizzata è di genere parziale. In effetti, può accadere che il linguaggio stesso possa comunicare lo stato di essere maschio o femmina, e lo stato di essere assertivo o sottomesso. In molte culture, “essere maschio” è espresso nel linguaggio come sicuro. In Giappone, secondo Pavlenko, gli studenti giapponesi di sesso femminile sono portati a “vedere l’inglese come una lingua di empowerment”. Gli studenti affermano che … il sistema di pronome inglese consente loro di posizionarsi ed esprimersi in modo diverso come individui più indipendenti di quando parlano giapponese. Questo esempio mostra chiaramente come le lingue, riflettendo le culture, sono la base per introdurre disuguaglianze di genere evidenziando i curricula.

Molti istituti di formazione per insegnanti (TEI) in tutto il mondo, che stabiliscono programmi di studio, ovvero i diplomi di insegnamento, mostrano una preoccupante lacuna riguardante le questioni di uguaglianza di genere. Ad esempio, gli studenti che dimostrano di essere preparati a diventare insegnanti di scuola vengono insegnati sulle teorie dell’istruzione, sulla psicologia dell’apprendimento, sulle metodologie di insegnamento e sulla gestione della classe, tra gli altri e su uno o due corsi pratici. Non c’è evidenza su questioni relative alla parità di genere nella loro formazione. Anche i corsi sul design del curriculum ignorano questi problemi. Questa omissione è altamente problematica e dovrebbe essere affrontata dai progettisti dei curricula dei TEI. È importante che le questioni sull’uguaglianza di genere facciano parte del programma di studi al fine di aiutare i futuri insegnanti a essere più sensibili sulle questioni di uguaglianza di genere. Così quando diventano insegnanti, possono diventare agenti di cambiamento nelle loro scuole.

Gli insegnanti usano spesso materiali, inclusi testi, immagini o esempi che rafforzano ruoli stereotipati. Esempi tipici includono: i ruoli del padre (leggendo il giornale) e della madre (che serve la cena); il dottore (maschio) e l’infermiera (femmina); giocare a palla (ragazzo) e pettinare i capelli della bambola (ragazza). In questo modo, gli insegnanti promuovono anche pregiudizi di genere che favoriscono anche le ragazze. Ad esempio, il bullismo e il fare rumore per i ragazzi, la gentilezza e la gentilezza per le ragazze. Il pregiudizio di genere non favorisce solo i maschi rispetto alle femmine; può anche andare il contrario. Sono entrambi negativi quando si considera una relazione sana tra l’insegnante e il discente.

Un curriculum di genere uguale mostra la diversità della società quando aumentano gli esempi che mettono in risalto personaggi femminili di successo nei testi e negli esempi utilizzati durante le lezioni. I materiali didattici, compresi libri di testo, dispense o cartelle di lavoro, dovrebbero essere studi per determinare se sono di genere di genere, neutrali rispetto al genere o sensibili al genere / sensibili. Negli Istituti di formazione per insegnanti (TEI), i curricula devono includere elementi che riconoscano le questioni relative all’uguaglianza di genere nei materiali di apprendimento e come questi problemi possano essere affrontati dagli insegnanti una volta che hanno assunto la professione e iniziano a utilizzare questi materiali nelle loro classi. Il curriculum di qualità dovrebbe includere l’uguaglianza di genere come risultato dell’insegnamento e dell’apprendimento nei TEI, così come nelle scuole. I sistemi educativi che adottano gli aspetti di uguaglianza di genere sono in grado di:

È possibile integrare la prevenzione della violenza di genere legata alla scuola (SRGBV) nel programma scolastico per i bambini di tutte le età scolastiche. Gli argomenti includono educazione sessuale completa (CSE), educazione alle abilità di vita, educazione civica e approcci mirati alla gestione dell’aggressività, sviluppo delle abilità degli spettatori, formazione di relazioni sane e protezione dal bullismo – questi elementi sono spesso combinati.

Nel 2002, due ONG olandesi, tra cui World Population Foundation e Butterfly Works, hanno creato The World Starts with me. Rivolto a studenti di età compresa tra 12 e 19 anni, è un programma di educazione sessuale interattivo a bassa tecnologia, online. Il programma utilizza David e Rose, due educatori virtuali tra pari che guidano gli studenti attraverso quattordici lezioni sull’autostima e sulle relazioni sane

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top