cebnews.eu

Dodici Olympians

Nella religione e nella mitologia greca antica, i dodici olimpi sono le principali divinità del pantheon greco, comunemente considerati Zeus, Hera, Poseidone, Demetra, Atena, Apollo, Artemide, Ares, Afrodite, Efesto, Ermete e Hestia o Dioniso . Si chiamavano “olimpi” perché erano considerati residenti sull’Olimpo. Sebbene Ade fosse un grande dio greco antico, e fosse il fratello della prima generazione degli Olimpi (Zeus, Poseidone, Era, Demetra ed Estia), risiedeva negli inferi, lontano dall’Olimpo, e quindi non era considerato di solito uno degli olimpionici. Oltre ai dodici olimpi, c’erano molti altri gruppi settari di dodici dei.

Gli Olimpi erano le principali divinità del pantheon greco, così chiamato per la loro residenza in cima al Monte Olimpo. Hanno conquistato il loro primato in una guerra degli dei di dieci anni, in cui Zeus ha portato i suoi fratelli alla vittoria sulla generazione precedente di dei dominanti, i Titani. Erano una famiglia di dei, la più importante composta dalla prima generazione di olimpi, progenie dei Titani Cronus e Rea: Zeus, Poseidone, Era, Demetra e Estia, insieme alla principale progenie di Zeus: Athena, Apollo, Artemide, Ares, Afrodite, secondo Omero, Afrodite era la figlia di Zeus (Iliade 3.374, 20.105; Odissea 8.308, 320) e Dione (Iliade 5.370 & 71; 71), vedi Gantz, pp. 99 & ndash; 100. Tuttavia, secondo Esiodo, Theogony 183, Afrodite nacque dai genitali recisi di Urano, vedi Gantz, pp. 99, 100. Efesto, Ermes e Dioniso. Anche se Ade era una divinità principale nel pantheon greco, ed era il fratello di Zeus e l’altra prima generazione di olimpi, il suo regno era lontano dall’Olimpo nel mondo sotterraneo, e quindi non era solitamente considerato uno degli Olimpi. Le divinità olimpiche possono essere contrapposte agli dei ctoni incluso l’Ade, secondo il metodo del sacrificio, i secondi ricevendo sacrifici in un bothros (βόθρος, “fossa”) o megaron (μέγαρον, “camera sommersa”) piuttosto che un altare. Il numero canonico degli dei dell’Olimpo era dodici, ma oltre ai (tredici) principali olimpi sopra elencati, c’erano molti altri abitanti dell’Olimpo, che potrebbero quindi essere chiamati olimpi. Heracles divenne residente dell’Olimpo dopo la sua apoteosi e sposò un’altra Hebe, residente all’Olimpo. Alcuni altri che potrebbero essere considerati olimpi, includono: le Muse, le Grazie, Iris, Dione, Eileithyia, Horae e Ganimede.

Oltre ai dodici olimpi, c’erano molti altri gruppi di dodici divinità nell’antica Grecia. La prima prova della pratica religiosa greca che coinvolge dodici dei (il greco: δωδεκάθεον, dodekatheon, da δώδεκα dōdeka, “dodici” e θεοί theoi, “dei”) arriva non prima della fine del sesto secolo aC. Secondo Tucidide, un altare dei dodici dei fu stabilito nell’agorà di Atene dall’arconte Pisistrato (figlio di Ippia, e nipote del tiranno Pisistrato), nel c. 522 a. L’altare divenne il punto centrale da cui si misuravano le distanze da Atene e un luogo di supplica e rifugio. A quanto pare, anche Olimpia aveva una prima tradizione di dodici dei. L’Inno omerico ad Ermes (circa 500 aC) ha il dio Ermes dividere un sacrificio di due mucche che ha rubato ad Apollo, in dodici parti, sulle rive del fiume Alpheius (presumibilmente ad Olimpia): “Il prossimo lieto Ermes trascinò le ricche carni che aveva preparato e le mise su una pietra liscia e piatta, e le divise in dodici parti distribuite a sorte, rendendo ogni porzione del tutto onorevole. ” Pindar, in un’ode scritta per essere cantata ad Olympia c. 480 aC, ha Eracle che sacrifica, accanto all’Alpheo, ai “dodici dei regnanti”: “Egli [Eracle] racchiudeva l’Altis tutt’intorno e lo segnava all’aperto, e rendeva l’area circostante un luogo di riposo per banchettare , onorando il flusso dell’Alpheo insieme ai dodici dei regnanti “. Un’altra delle odi olimpiche di Pindar, menziona “sei doppi altari”. Erode di Eraclea (circa 400 aC) ha anche Eracle che fondò un santuario a Olimpia, con sei coppie di dei, ciascuna delle quali condivideva un singolo altare. Molti altri luoghi avevano culti dei dodici dei, inclusi Delos, Calcedonia, Magnesia sul Maeandro e Leontinoi in Sicilia. Rutherford, p. 45; Delos: Long, pp. 11, 87 & ndash; 90 (T 26), 182; Chaledon: Long, pp. 56 & ndash; 57 (T 11 D), 217 & ndash; 218; Magnesia sul Maeander: Long, pp. 53 & ndash; 54 (T 7), 221 & ndash; 223; Leontinoi: Long, pp. 95 & ndash; 96 (T 32), p. 157. Come per i dodici olimpi, sebbene il numero degli dei fosse fissato a dodici, l’appartenenza variava. Mentre la maggior parte degli dei inclusi come membri di questi altri culti di dodici divinità erano olimpici, a volte venivano inclusi anche i non-olimpi. Ad esempio, Erodeo di Eraclea identificò le sei coppie di divinità di Olimpia come: Zeus e Poseidone, Era e Atena, Ermete e Apollo, le Grazie e Dioniso, Artemide e Alfeo, e Crono e Rea. Così mentre questa lista include gli otto olimpi: Zeus, Poseidon, Hera, Ath

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top