cebnews.eu

Economia viola

L’economia viola è quella parte dell’economia che contribuisce allo sviluppo sostenibile promuovendo il potenziale culturale di beni e servizi. “L’economia viola si riferisce alla considerazione degli aspetti culturali in economia, designa un’economia che si adatta alla diversità umana nella globalizzazione e che fa affidamento sulla dimensione culturale per dare valore a beni e servizi”. Queste due tendenze, una verticale e una orizzontale, si alimentano a vicenda. Infatti, la crescita della componente culturale legata ai prodotti è legata alla vitalità culturale di ogni territorio.

Il contesto dell’economia viola è quello della crescente importanza della cultura nella società contemporanea. I fattori coinvolti in questo includono in particolare: un riequilibrio economico e politico globale a favore dei paesi emergenti, un ritorno agli ambienti locali (ancora una volta percepiti come centri di stabilità), nuove forme di affermazioni (a seguito del crollo delle grandi ideologie ), crescente domanda sociale di qualità basata su modelli di consumo culturale (che vanno di pari passo con la logica della divulgazione, dell’individualizzazione e delle aspettative di vita più lunghe), approcci innovativi (che presuppongono uno stato mentale della cultura e interdisciplinarietà che conducono alla serendipità), e così sopra.

L’economia viola è multidisciplinare, in quanto arricchisce tutti i beni e servizi capitalizzando la dimensione culturale inerente a ogni settore. L’economia sensoriale ed esperienziale è una applicazione di questo. Si differenzia dall’economia culturale, che è basata sul settore. Nel giugno 2013, le conclusioni di un primo gruppo di lavoro interistituzionale sull’economia viola, formato da esperti dell’UNESCO, dell’OCSE, dell’Organizzazione internazionale della Francofonia, ministeri francesi, varie società e società civile. Quel documento ha sottolineato l’impatto del fenomeno della culturalizzazione, che ora colpisce l’intera economia, con effetti di follow-on sull’occupazione e la formazione. Il rapporto distingue tra lavori viola e professioni purplifianti: i primi sono direttamente collegati all’ambiente culturale per il loro scopo (come i pianificatori e gli urbanisti), mentre i secondi sono semplicemente causati dalla trasformazione sotto l’effetto della culturalizzazione (come le posizioni in umani risorse o nel marketing e nelle comunicazioni). Un altro documento di riferimento pubblicato nel giugno 2017 menziona vari aspetti dell’ambiente umano in cui l’economia può produrre benefici culturali: architettura, arte, colori, divertimento, etica, patrimonio, immaginazione, apprendimento, abilità sociali, singolarità, ecc.

Il termine è apparso per la prima volta nel 2011, in Francia, in un manifesto pubblicato su Le Monde.fr. I firmatari hanno incluso i membri del consiglio dell’associazione Diversum, che ha organizzato il primo Forum internazionale sull’economia viola con il patrocinio dell’UNESCO, del Parlamento europeo e della Commissione europea.

L’economia viola enfatizza la presenza di esternalità: l’ambiente culturale da cui attingono gli agenti e su cui, in cambio, lasciano le proprie impronte è un bene comune. Di conseguenza, l’economia viola considera la cultura come un asse per lo sviluppo sostenibile. In effetti, la cultura è stata un’intera sotto-sezione della sostenibilità sin dall’inizio. Si può persino affermare che la responsabilità sociale delle imprese sia originata dalla Convenzione internazionale sui diritti economici, sociali e culturali adottata dalle Nazioni Unite nel 1966. Questo problema è solo una delle diverse componenti dello sviluppo sostenibile, accanto alle preoccupazioni relative all’ambiente naturale ( economia verde) e all’ambiente sociale (economia sociale). La natura complementare di questi aspetti dell’economia sostenibile è stata ribadita in un appello pubblicato da Le Monde Economics nel 2015, che ha portato alla 21a Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top