cebnews.eu

Educazione indigena

L’educazione indigena si concentra in particolare sull’insegnamento di conoscenze, modelli, metodi e contenuti indigeni all’interno di sistemi educativi formali o non formali. Il crescente riconoscimento e uso dei metodi di educazione indigeni può essere una risposta all’erosione e alla perdita della conoscenza indigena attraverso i processi del colonialismo, della globalizzazione e della modernità. Le comunità indigene sono in grado di “reclamare e rivalutare le loro lingue e [tradizioni] e, così facendo, migliorare il successo educativo degli studenti indigeni”, garantendo così la loro sopravvivenza come cultura. Sempre più spesso, c’è stato uno spostamento globale verso il riconoscimento e la comprensione dei modelli di educazione indigeni come forma di educazione praticabile e legittima. Esistono molti sistemi educativi diversi in tutto il mondo, alcuni dei quali sono più predominanti e ampiamente accettati. Tuttavia, i membri delle comunità indigene celebrano la diversità nell’apprendimento e vedono questo sostegno globale per insegnare le tradizionali forme di conoscenza come un successo. I modi indigeni di conoscere, apprendere, istruire, insegnare e formare sono stati visti da molti studiosi postmoderni come importanti per assicurare che studenti e insegnanti, indigeni o non indigeni, siano in grado di beneficiare dell’educazione in modo culturalmente sensibile che attinga , utilizza, promuove e migliora la consapevolezza delle tradizioni indigene, oltre il normale curriculum occidentale di lettura, scrittura e aritmetica.

Un crescente corpo di letteratura scientifica ha descritto modi di apprendimento indigeni, in diverse culture e paesi. L’apprendimento nelle comunità indigene è un processo che coinvolge tutti i membri della comunità. Gli stili di apprendimento che i bambini usano nella loro istruzione indigena sono gli stessi che si verificano nel loro contesto comunitario. Questi stili di apprendimento indigeni spesso includono: osservazione, imitazione, uso della narrazione / narrazione, collaborazione e cooperazione, come si è visto tra le comunità di indiani d’America, nativi dell’Alaska e dell’America Latina. Si tratta di un approccio pratico che enfatizza l’esperienza diretta e l’apprendimento attraverso l’inclusione. Il bambino sente di essere un membro vitale della comunità e sono incoraggiati a partecipare in modo significativo dai membri della comunità. I bambini spesso imparano efficacemente le competenze attraverso questo sistema, senza essere istruiti in modo esplicito o formale. Questo differisce dagli stili di apprendimento occidentali, che tendono ad includere metodi come istruzioni esplicite in cui una figura di autorità dirige l’attenzione dello studente, e test / quiz. Creare un ambiente educativo per i bambini indigeni che sia coerente con l’educazione, piuttosto che un’educazione che segue un formato tradizionalmente occidentale, consente a un bambino di conservare la conoscenza più facilmente, perché stanno imparando in un modo che è stato incoraggiato dall’infanzia all’interno della loro famiglia e Comunità.

La struttura delle classi indigene americane che riflettono l’organizzazione delle comunità indigene elimina la distinzione tra comunità e classe e rende più facile per gli studenti relazionarsi con il materiale. Classi efficaci modellate sulla struttura sociale delle comunità indigene sono in genere focalizzate sull’apprendimento collettivo o cooperativo che fornisce un ambiente inclusivo. Un fattore chiave per il successo delle pratiche educative indigene è la relazione studente-insegnante. Le classi sono strutturate socialmente in modo tale che l’insegnante condivide il controllo dell’aula con gli studenti. Piuttosto che assumere un ruolo autorevole, l’insegnante è visto come un co-studente per gli studenti, e mantengono un equilibrio tra calore personale e richiesta di risultati accademici. Ad esempio, in una comunità indigena di Mazahua in Messico, è stato osservato che gli insegnanti lasciano che i loro studenti si muovano liberamente in classe mentre lavorano per consultarsi con altri studenti, e usano i loro istruttori per una guida occasionale. Gli insegnanti delle aule indigene di una comunità Yup’ik in Alaska si affidano al lavoro di gruppo, incoraggiano gli studenti a guardarsi l’un l’altro come un modo per apprendere ed evitare di individuare gli studenti per lodi, critiche o recitazioni. La lode, secondo gli standard occidentali, è minima nelle classi indigene, e quando viene data è per lo sforzo, non per fornire una risposta corretta a una domanda. Il discorso in aula nelle aule indigene è un esempio di come l’insegnante condivide il controllo con gli studenti. Le osservazioni nelle comunità Yup’ik e Mazahua mostrano che gli insegnanti indigeni hanno meno probabilità di sollecitare una risposta da uno studente individuale, ma piuttosto incoraggiano tutti gli studenti a partecipare al discorso in classe. Nell’aula di Yup’ik le domande dirette sono rivolte al gruppo nel suo insieme, e il controllo del discorso non è la sola responsabilità dell’insegnante. Le aule nelle comunità indigene che incorporano modi di apprendimento indigeni utilizzano domande aperte, ragionamento induttivo / analitico e partecipazione e verbalizzazione degli studenti in contesti di gruppo.

Escuela Unitaria

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top