cebnews.eu

Educazione sull’Olocausto

L’educazione all’Olocausto o all’educazione all’Olocausto si riferisce agli sforzi, in contesti formali e non formali, per insegnare l’Olocausto. Insegnare e apprendere sull’Olocausto (TLH) affronta la didattica e l’apprendimento, sotto l’ombrello più ampio dell’educazione sull’Olocausto, che comprende anche studi sui curricula e sui libri di testo. L’espressione “Insegnare e apprendere sull’Olocausto” è usata dall’International Holocaust Remembrance Alliance. Mentre la maggior parte dei centri di educazione dell’Olocausto si sono concentrati sul genocidio commesso contro gli ebrei dai nazisti, un numero crescente ha ampliato la propria missione e programmazione includendo l’omicidio di altri gruppi da parte dei regimi nazista e staliniano, il genocidio armeno, il genocidio ruandese, il genocidio curdo , Genocidio croato, genocidio bosniaco, genocidio indigeno dovuto alla colonizzazione e altri stermini di massa. Questi centri affrontano anche il razzismo, l’antisemitismo, l’islamofobia, l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia.

Esistono molteplici opportunità per insegnare l’Olocausto. Il testo che segue esplora il ruolo che l’insegnamento e l’apprendimento dell’Olocausto possono svolgere in tre contesti specifici: la prevenzione del genocidio, la promozione dei diritti umani e la gestione del passato traumatico.

Insegnare sulla particolarità dell’Olocausto è un’opportunità per insegnare la natura e le dinamiche dei crimini di atrocità di massa, cioè il genocidio, i crimini contro l’umanità ei crimini di guerra. Il quadro delle Nazioni Unite per l’analisi dei crimini atroci afferma che “i crimini atroci sono considerati i più gravi crimini contro l’umanità. Il loro status di crimini internazionali si basa sulla convinzione che gli atti ad essi associati influiscono sulla dignità fondamentale degli esseri umani. “Dal punto di vista umano, ma anche da prospettive sociali, politiche ed economiche, i costi e le conseguenze di questi crimini sono incommensurabili e si estende ben oltre i limiti dei territori in cui sono stati perpetrati. La prevenzione è stata quindi identificata dalla comunità internazionale come una necessità per la pace e la stabilità internazionali. La prevenzione richiede sforzi continui e consapevolezza sia a breve che a lungo termine a livello locale, nazionale e globale. Tali misure possono includere iniziative istituzionali che rafforzano lo stato di diritto e tutelano i diritti umani, assicurano una migliore gestione delle diverse società e rafforzano la società civile e i media indipendenti. L’educazione all’Olocausto, così come l’educazione in generale sul genocidio e le atrocità di massa, offre l’opportunità di aiutare a costruire capacità di pensiero critico, per aumentare risposte elastiche ed efficaci a ideologie estreme ed esclusive, e per illuminare gli studenti come si vedono nel contesto del passato, presente e futuro del loro paese.

L’Olocausto iniziò con abusi di potere e gravi violazioni dei diritti umani da parte della Germania nazista che nel tempo si intensificarono in guerra e genocidio. Mentre non tutte le violazioni dei diritti umani provocano un genocidio, l’Olocausto presenta un caso importante da esplorare in un contesto dei diritti umani. Le politiche e le pratiche discriminatorie che disumanizzano ed emarginano gli ebrei e altre minoranze o gruppi politici (come privare gli individui della loro cittadinanza) illuminano come le violazioni dei diritti umani combinate con fattori come l’abuso di potere e / o l’ideologia di esclusione possano normalizzarsi in un la società – anche quella formata dallo stato di diritto. Che queste politiche siano aumentate nel tempo a un sistema di omicidi sponsorizzato dallo stato sottolinea il pericoloso ambiente che può verificarsi quando i diritti umani vengono sconfessati. Dopo la seconda guerra mondiale e l’Olocausto, sono state formulate una serie di norme internazionali che promuovono i diritti umani, tra cui la Dichiarazione universale dei diritti umani e la Convenzione per la prevenzione e la punizione del genocidio. Esaminare questo risultato rappresenta una fase cruciale nella comprensione dell’evoluzione dei concetti dei diritti umani. Tuttavia, l’educazione sull’Olocausto e l’educazione ai diritti umani sono due campi distinti. Come gli educatori possono creare lo spazio per gli studenti per esaminare la storia in un modo che rispetti i principi di ogni campo richiede un po ‘di pensiero. Un certo numero di organizzazioni ha preso in considerazione questi punti di intersezione, tra cui l’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali (FRA), in collaborazione con Yad Vashem, e la Fondazione tedesca “Ricordo, responsabilità e futuro” (EVZ). L’esame minuzioso dell’Olocausto in una cornice dei diritti umani può essere una dimensione importante dell’educazione che promuove il pensiero critico sui ruoli e le responsabilità dei membri della società e dei loro leader nel contesto dei diritti umani.

Educare all’Olocausto è principalmente un dovere per i paesi europei, in cui segmenti considerevoli di società hanno collaborato con la Germania nazista o hanno resistito. Dopo un iniziale periodo di silenzio e / o minimizzazione, molti paesi hanno sviluppato una comprensione della necessità di educare a

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top