cebnews.eu

Effetti sociali della musica rock

La popolarità e la portata mondiale della musica rock hanno avuto come conseguenza un forte impatto sulla società. Il rock and roll ha influenzato la vita quotidiana, la moda, gli atteggiamenti e il linguaggio in un modo in cui pochi altri sviluppi sociali hanno eguagliato. Mentre maturavano le generazioni originali di fan del rock and roll, la musica divenne un filo conduttore accettato e profondamente intrecciato nella cultura popolare. All’inizio degli anni ’50, le canzoni e gli atti del rock cominciarono ad essere usati in alcuni spot televisivi; nel giro di un decennio questa pratica si è diffusa e la musica rock è stata utilizzata anche nelle colonne sonore dei programmi cinematografici e televisivi.

Nell’incrocio della “musica da corsa” afroamericana a un crescente pubblico di giovani bianchi, la divulgazione del rock and roll ha coinvolto sia artisti di colore nero che raggiungevano un pubblico bianco, sia artisti bianchi che si appropriano della musica afroamericana. Il rock and roll è apparso in un momento in cui le tensioni razziali negli Stati Uniti stavano entrando in una nuova fase, con l’inizio del movimento per i diritti civili per la desegregazione, portando alla sentenza della Corte Suprema che aboliva la politica di “separati ma uguali” nel 1954, ma lasciando una politica che sarebbe estremamente difficile da applicare in alcune parti degli Stati Uniti. L’incontro tra pubblico di giovani bianchi e musica nera nel rock and roll, ha provocato inevitabilmente forti reazioni razziste bianche all’interno degli Stati Uniti, con molti bianchi che condannavano la sua abbattimento delle barriere basate sul colore. Molti osservatori hanno visto il rock and roll aprendo la strada alla desegregazione, creando una nuova forma di musica che incoraggiava la cooperazione razziale e l’esperienza condivisa. Molti autori hanno sostenuto che il rock and roll giovanile era strumentale nel modo in cui gli adolescenti bianchi e neri si identificavano.

Lo stile di vita del rock and roll era comunemente associato al sesso e alle droghe. Molte delle prime stelle del rock and roll (così come le loro controparti jazz e blues) erano conosciute come personaggi hard-drinking e duri. Durante gli anni ’60 lo stile di vita di molte stelle divenne più pubblicamente noto, aiutato dalla crescita della stampa rock underground. I musicisti hanno sempre attirato l’attenzione dei “groupies” (ragazze che seguivano i musicisti) che passavano del tempo e spesso eseguivano favori sessuali per i membri della band. Man mano che lo stile di vita delle star diventava più pubblico, la popolarità e la promozione dell’uso di droghe ricreative da parte dei musicisti potrebbe aver influenzato l’uso di droghe e la percezione di accettabilità del consumo di droga tra i giovani del periodo. Ad esempio, quando alla fine degli anni ’60 i Beatles, che in precedenza erano stati commercializzati come giovani puri, iniziarono a riconoscere pubblicamente usando l’LSD, seguirono molti fan. Il giornalista Al Aronowitz ha scritto “… qualunque cosa i Beatles facessero fosse accettabile, specialmente per i giovani”. Jerry Garcia, della rock band Grateful Dead, ha dichiarato: “Per alcune persone, prendere l’LSD e andare a Grateful Dead funziona come un rito di passaggio … non abbiamo un prodotto da vendere, ma abbiamo un meccanismo che lavori.” Alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70, gran parte del prestigio associato al consumo di droga si dissipò quando la musica rock subì una serie di decessi correlati alla droga, compresi i 27 decessi dei membri del Club di Jimi Hendrix, Janis Joplin e Jim Morrison. Sebbene una certa quantità di uso di droghe sia rimasta comune tra i musicisti rock, è stato osservato un maggior rispetto per i pericoli del consumo di droga, e molte canzoni anti-droga sono diventate parte del lessico rock, in particolare “The Needle and the Damage Done” di Neil Young ( 1972). Molti musicisti rock, tra cui John Lennon, Paul McCartney, Bob Dylan, Jerry Garcia, Stevie Nicks, Jimmy Page, Keith Richards, Bon Scott, Eric Clapton, Pete Townshend, Brian Wilson, Carl Wilson, Dennis Wilson, Steven Tyler, Scott Weiland, Sly Stone, Madonna, Ozzy Osbourne, Mötley Crüe, Layne Staley, Kurt Cobain, Courtney Love, Lemmy, Whitney Houston, Bobby Brown, Buffy Sainte Marie, Dave Matthews, David Crosby, Anthony Kiedis, Dave Mustaine, David Bowie, Richard Wright, Phil Rudd, Elton John, Phil Anselmo, James Hetfield, Kirk Hammett, Joe Walsh e altri, hanno riconosciuto le dipendenze in lotta a molte sostanze tra cui alcol, cocaina ed eroina; molti di questi hanno seguito con successo programmi di riabilitazione dalla droga, ma altri sono morti. Nei primi anni ’80. insieme all’ascesa della band Minor Threat, divenne popolare uno stile di vita diretto. La filosofia dell’astinenza da droghe ricreative, alcol, tabacco e sesso è stata associata a degli hardcore punk nel corso degli anni, ed entrambi rimangono popolari con i giovani di oggi.

La musica rock e la moda sono state inestricabilmente legate. A metà degli anni ’60 del Regno Unito, la rivalità sorse tra “Mods” (che prediligeva la “moderna” moda a guida italiana) e “Rockers” (che indossavano pelli da motociclista), ogni stile aveva i propri atti musicali preferiti. (La polemica avrebbe costituito lo sfondo per L’opera rock di Who’s Quadrophenia). Negli anni ’60, i Beatles portavano alla moda tagli di capelli, blazer senza colletto e stivali Beatle. I musicisti rock sono stati anche i primi ad adottare la moda hippie e hanno reso popolari stili come i capelli lunghi e il

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top