cebnews.eu

Forte reciprocità

La forte reciprocità è un’area di ricerca in economia comportamentale, psicologia evolutiva e antropologia evolutiva sulla predisposizione a cooperare anche quando non vi è alcun evidente beneficio nel farlo. Questo argomento è particolarmente interessante per coloro che studiano l’evoluzione della cooperazione, in quanto questi comportamenti sembrano essere in contraddizione con le previsioni fatte da molti modelli di cooperazione. In risposta, il lavoro attuale su una forte reciprocità si concentra sullo sviluppo di modelli evolutivi in ​​grado di spiegare questo comportamento. I critici di una forte reciprocità sostengono che si tratta di un artefatto di esperimenti di laboratorio e non riflette il comportamento cooperativo nel mondo reale.

Una varietà di studi dall’economia sperimentale fornisce prove di una forte reciprocità, sia dimostrando la volontà delle persone a cooperare con gli altri, sia dimostrando la loro volontà di farsi carico dei costi per punire chi non lo fa.

Un gioco sperimentale usato per misurare i livelli di cooperazione è il gioco del dittatore. Nella forma standard del gioco del dittatore, ci sono due partecipanti anonimi indipendenti. Ad un partecipante viene assegnato il ruolo di allocatore e l’altro il ruolo del destinatario. All’assegnatore viene assegnata una certa quantità di denaro, che possono dividere in qualsiasi modo scelgano. Se un partecipante sta cercando di massimizzare il proprio payoff, la soluzione razionale (nash equilibrium) per l’allocatore di non assegnare nulla al destinatario. In un meta-studio del 2011 condotto su 616 studi sul dittatore, Engel ha trovato un’allocazione media del 28,3%, con il 36% dei partecipanti che non ha dato nulla, il 17% ha scelto la divisione uguale e il 5,44% ha dato al destinatario tutto. Il gioco di fiducia, un’estensione del gioco del dittatore, fornisce ulteriori prove di una forte reciprocità. Il gioco di fiducia estende il gioco del dittatore moltiplicando la quantità data dall’allattore al destinatario di un valore maggiore di uno, e quindi consentendo al destinatario di restituire una certa quantità all’allocatore. Anche in questo caso, se i partecipanti stanno cercando di massimizzare il loro profitto, il destinatario non deve restituire nulla all’allocatore e l’allocatore non deve assegnare nulla al destinatario. Una meta-analisi del 2009 di 84 studi sul gioco di fiducia ha rivelato che l’allocatore ha dato una media del 51% e che il ricevitore ha restituito una media del 37%. Un terzo esperimento di uso comune utilizzato per dimostrare forti preferenze di reciprocità è il gioco dei beni pubblici. In un gioco di beni pubblici, un certo numero di partecipanti viene inserito in un gruppo. Ogni partecipante riceve una somma di denaro. Sono quindi autorizzati a contribuire con qualsiasi delle loro allocazioni a un pool comune. Il pool comune viene quindi moltiplicato per una quantità maggiore di uno, quindi ridistribuito uniformemente a ciascun partecipante, indipendentemente da quanto hanno contribuito. In questo gioco, per chiunque cerchi di massimizzare il loro profitto, la strategia di equilibrio nash razionale è di non contribuire a nulla. Tuttavia, in uno studio del 2001, Fischbacher ha osservato un contributo medio del 33,5%.

La seconda componente della forte reciprocità è che le persone sono disposte a punire coloro che non riescono a cooperare, anche quando la punizione è costosa. Ci sono due tipi di punizione: punizione di seconde parti e terze parti. Nella punizione di seconda parte, la persona che è stata ferita dall’incapacità delle altre parti di cooperare ha l’opportunità di punire il non cooperatore. Nella punizione di terzi, una terza parte non coinvolta ha l’opportunità di punire il non cooperatore. Un gioco comune usato per misurare la volontà di impegnarsi in punizione di seconde parti è il gioco dell’ultimatum. Questo gioco è molto simile al gioco del dittatore descritto in precedenza in cui l’allocatore divide una somma di denaro tra se stesso e un destinatario. Nel gioco dell’ultimatum, il destinatario ha la possibilità di accettare l’offerta o rifiutarla, con il risultato che entrambi i giocatori non ricevono nulla. Se i destinatari sono massimizzatori di payoff, è nell’equilibrio nasso che accettano qualsiasi offerta, ed è quindi nell’interesse dell’allargatore offrire il più vicino possibile allo zero. Tuttavia, i risultati sperimentali mostrano che l’allocatore di solito offre oltre il 40% e viene rifiutato dal ricevente il 16% delle volte. È più probabile che i destinatari rifiutino le offerte basse piuttosto che le offerte elevate. Un altro esempio di punizione di seconda parte è nel gioco dei beni pubblici come descritto in precedenza, ma con una seconda fase aggiunta in cui i partecipanti possono pagare per punire gli altri partecipanti. In questo gioco, la strategia razionale di un payoff maximizer nell’equilibrio di Nash non è punire e non contribuire. Tuttavia, i risultati sperimentali mostrano che i partecipanti sono disposti a pagare per punire coloro che si discostano dal livello medio di contribuzione – al punto che diventa svantaggioso dare un importo inferiore, il che consente una cooperazione prolungata. Le modifiche del gioco del dittatore e il dilemma del prigioniero forniscono supporto per la volontà di impegnarsi in costose punizioni di terze parti. Il gioco del dittatore modificato è esattamente lo stesso del gioco tradizionale dei dittatori, ma con un obiettivo di terze parti

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top