cebnews.eu

nocebo

Si dice che si verifichi un effetto nocebo quando le aspettative negative del paziente riguardo a un trattamento fanno sì che il trattamento abbia un effetto più negativo di quello che altrimenti avrebbe. Ad esempio, quando un paziente anticipa un effetto collaterale di un farmaco, può subire quell’effetto anche se il “farmaco” è in realtà una sostanza inerte. Presumibilmente sono presenti sia effetti placebo che nocebo, ma possono indurre modificazioni misurabili nel corpo. Un articolo che ha esaminato 31 studi sugli effetti di nocebo ha riportato una vasta gamma di sintomi che potrebbero manifestarsi come effetti nocebo tra cui nausea, dolori di stomaco, prurito, gonfiore, depressione, problemi di sonno, perdita di appetito, disfunzione sessuale e grave ipotensione. Stati mentali come convinzioni e aspettative possono influenzare fortemente l’esito della malattia, l’esperienza del dolore e persino il successo della chirurgia. Si dice che il concetto con il nome simile, l’effetto placebo, si verifica quando le aspettative positive migliorano un risultato.

Il termine nocebo (latino “,” farò del male “, da”, “I harm”) è stato coniato da Walter Kennedy nel 1961 per denotare la controparte dell’uso del placebo (latino “, per favore”, da “, “I please”; una sostanza che può produrre un effetto benefico, salutare, piacevole o desiderabile). Kennedy ha sottolineato che il suo uso del termine “nocebo” si riferisce strettamente a una risposta centrata sul soggetto, una qualità intrinseca al paziente piuttosto che al rimedio. “Kennedy ha quindi respinto l’uso del termine per effetti collaterali negativi farmacologicamente come il ronzio nelle orecchie causato dal chinino.Questo non vuol dire che la risposta psicologicamente indotta del paziente non possa includere effetti fisiologici.Ad esempio, un’aspettativa di dolore può indurre ansia, che a sua volta provoca il rilascio di colecistochinina, che facilita il dolore trasmissione.

Nel senso più stretto, una risposta di nocebo si verifica quando i sintomi di un soggetto in trattamento di droga sono aggravati dalla somministrazione di un trattamento inerte, fittizio o fittizio (simulatore), chiamato placebo. Secondo le attuali conoscenze farmacologiche e l’attuale comprensione di causa ed effetto, un placebo non contiene alcun agente chimico (o qualsiasi altro agente) che possa causare uno dei peggioramenti osservati nei sintomi del soggetto. Quindi, qualsiasi cambiamento in peggio deve essere dovuto a qualche fattore soggettivo. Le aspettative avverse possono anche far scomparire gli effetti analgesici dei farmaci anestetici. Il peggioramento dei sintomi del soggetto o la riduzione degli effetti benefici è una diretta conseguenza della loro esposizione al placebo, ma tali sintomi non sono stati generati chimicamente dal placebo. Poiché questa generazione di sintomi comporta un complesso di attività “soggetto-interno”, nel senso più stretto, non possiamo mai parlare in termini di “effetti nocebo” centrati sul simulatore, ma solo in termini di “risposte di nocebo” centrate sul soggetto. Sebbene alcuni osservatori attribuiscano risposte di nocebo (o risposte al placebo) alla creduloneria di un soggetto, non vi è evidenza che un individuo che manifesta una risposta di nocebo / placebo a un trattamento manifesterà una risposta di nocebo / placebo a qualsiasi altro trattamento; vale a dire, non vi è alcun tratto o propensione alla risposta di tipo nocebo / placebo. McGlashan, Evans e Orne (1969, pagina 319) non hanno trovato alcuna prova di ciò che chiamavano “personalità del placebo”. Inoltre, in uno studio attentamente progettato, Lasagna, Mosteller, von Felsinger e Beecher (1954), hanno scoperto che non c’era modo che nessun osservatore potesse determinare, tramite test o colloquio, quale soggetto manifestasse una reazione al placebo e quale no. Gli esperimenti hanno dimostrato che non esiste alcuna relazione tra la suscettibilità ipnotica misurata di un individuo e la manifestazione di risposte di nocebo o placebo.

È stato dimostrato che, a causa dell’effetto nocebo, avvertire i pazienti sugli effetti collaterali dei farmaci può contribuire alla causa di tali effetti, indipendentemente dal fatto che il farmaco sia reale o meno. Questo effetto è stato osservato negli studi clinici: secondo una review del 2013, il tasso di abbandono tra i pazienti trattati con placebo in una meta-analisi di 41 studi clinici sui trattamenti per la malattia di Parkinson era dell’8,8%. Una revisione del 2013 ha rilevato che quasi 1 su 20 pazienti che hanno ricevuto un placebo in studi clinici per depressione si sono ritirati a causa di eventi avversi, che si ritiene siano stati causati dall’effetto nocebo.

L’evidenza suggerisce che i sintomi dell’ipersensibilità elettromagnetica sono causati dall’effetto nocebo.

La suggestione verbale può causare iperalgesia (maggiore sensibilità al dolore) e allodinia (percezione di uno stimolo tattile doloroso) come risultato dell’effetto nocebo. Si ritiene che l’iperalgesia Nocebo implichi l’attivazione dei recettori della colecistochinina.

In un articolo, Stewart-Williams e Podd sostengono che usando i termini contrastanti “placebo” e “nocebo” si etichettano agenti inerti che producono risultati piacevoli, che migliorano la salute o desiderabili rispetto a risultati spiacevoli, salutari o indesiderabili (rispettivamente) è estremamente controproducente Ad esempio, proprio gli stessi agenti inerti possono pro

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top