cebnews.eu

Ospitalità

Ospitalità si riferisce alla relazione tra un ospite e un ospite, in cui l’ospite riceve l’ospite con buona volontà, compresa la ricezione e l’intrattenimento di ospiti, visitatori o estranei. Louis, chevalier de Jaucourt descrive l’ospitalità nell’Encyclopédie come la virtù di una grande anima che si prende cura dell’intero universo attraverso i legami dell’umanità. L’etica dell’ospitalità è una disciplina che studia questo uso dell’ospitalità.

Deriva dagli ospizi latini, che significa “ospite”, “ospite” o “straniero”. Hospes è formato da hostis, che significa “straniero” o “nemico” (quest’ultimo è il luogo in cui derivano termini come “ostile”). Per metonimia, la parola latina “Ospedale” indica una camera per gli ospiti, un alloggio per gli ospiti, una locanda. Hospes è quindi la radice delle parole inglesi (dove la p fu lasciata cadere per comodità di pronuncia), ospitalità, ospizio, ostello e albergo.

Nelle culture antiche l’ospitalità implicava accogliere lo sconosciuto e offrirgli cibo, riparo e sicurezza.

Nell’antica Grecia, l’ospitalità era un diritto, e ci si aspettava che l’ospite si assicurasse che le necessità dei suoi ospiti fossero soddisfatte. L’antico termine greco xenia, o theoxenia quando era coinvolto un dio, esprimeva questa relazione rituale di amicizia-ospite. Nella società greca la capacità di una persona di rispettare le leggi dell’ospitalità determinava la nobiltà e la posizione sociale. Gli stoici consideravano l’ospitalità un dovere ispirato allo stesso Zeus.

In India e Nepal l’ospitalità si basa sul principio Atithi Devo Bhava, che significa “l’ospite è Dio”. Questo principio è mostrato in un certo numero di storie in cui un ospite si rivela essere un dio che premia il fornitore di ospitalità. Da questo deriva la pratica indiana o nepalese di benevolenza verso gli ospiti a casa e in tutte le situazioni sociali. Il Tirukkuṛaḷ, un’antica opera indiana sull’etica e la moralità, spiega l’etica dell’ospitalità attraverso i suoi versetti da 81 a 90, dedicandovi un capitolo separato (capitolo 9).

Il giudaismo elogia l’ospitalità di estranei e ospiti basati in gran parte sugli esempi di Abramo e Lot nel libro della Genesi (e). In ebraico, la pratica si chiama hachnasat orchim, o “accogliere gli ospiti”. Oltre alle altre aspettative, ci si aspetta che i padroni di casa forniscano nutrimento, comfort e divertimento ai loro ospiti, e al termine della visita, gli ospiti abitualmente scortano i loro ospiti fuori dalla loro casa, augurandoli un viaggio sicuro.

Nel cristianesimo, l’ospitalità è una virtù che è un promemoria di simpatia per gli estranei e una regola per accogliere i visitatori. Questa è una virtù che si trova nell’Antico Testamento, con, ad esempio, l’usanza del lavarsi i piedi dei visitatori o il bacio della pace. Fu insegnato da Gesù nel Nuovo Testamento. Infatti, Gesù disse che coloro che avevano accolto uno sconosciuto lo avevano accolto. Alcuni paesi occidentali hanno sviluppato una cultura di accoglienza per gli immigrati, basata sulla Bibbia.

Uno dei principi principali di Pashtunwali è Melmastia. Questa è la dimostrazione di ospitalità e profondo rispetto per tutti i visitatori (indipendentemente da razza, religione, affiliazione nazionale o status economico) senza alcuna speranza di remunerazione o favore. Pashtun farà di tutto per mostrare la loro ospitalità.

Le società celtiche apprezzarono anche il concetto di ospitalità, specialmente in termini di protezione. Un ospite che ha concesso la richiesta di rifugio di una persona era previsto non solo per fornire cibo e riparo per il suo ospite, ma per assicurarsi che non venissero a danneggiare mentre erano sotto la loro cura.

In Occidente oggi l’ospitalità raramente è una questione di protezione e sopravvivenza ed è più associata all’etichetta e all’intrattenimento. Tuttavia, implica ancora mostrare rispetto per i propri ospiti, provvedere ai loro bisogni e trattarli da pari a pari. Culture e sottoculture variano nella misura in cui ci si aspetta che mostrino ospitalità agli estranei, al contrario degli amici personali o dei membri del proprio gruppo.

Jacques Derrida offre un modello per comprendere l’ospitalità che divide l’ospitalità incondizionata dall’ospitalità condizionata. Nel corso dei secoli, i filosofi hanno dedicato molta attenzione al problema dell’ospitalità. Tuttavia, l’ospitalità offre una situazione paradossale (come il linguaggio) poiché l’inclusione di coloro che sono accolti nella sacra legge dell’ospitalità implica che gli altri saranno respinti. Julia Kristeva (1991) avverte i lettori sui pericoli della “perversa ospitalità”, che consiste nel sfruttare la vulnerabilità degli alieni per espropriarli. L’ospitalità serve a ridurre la tensione nel processo degli incontri ospite-ospite, producendo una zona liminale che unisce la curiosità agli altri e la paura degli estranei. In termini generali, il significato dell’ospitalità si basa sulla convinzione che gli estranei dovrebbero essere assistiti e protetti durante il viaggio. Tuttavia, non tutte le voci sono d’accordo con questo concetto. Il professor Anthony Pagden descrive come il concetto di ospitalità fosse storicamente manipolato per legittimare la conquista delle Americhe imponendo il diritto al libero transito, che favoriva la formazione del moderno stato-nazione. Questo suggerisce che ho

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top