cebnews.eu

Pregiudizio culturale

Il pregiudizio culturale è il fenomeno di interpretare e giudicare i fenomeni secondo standard intrinseci alla propria cultura. Il fenomeno è a volte considerato un problema centrale per le scienze sociali e umane, come l’economia, la psicologia, l’antropologia e la sociologia. Alcuni professionisti dei suddetti campi hanno tentato di sviluppare metodi e teorie per compensare o eliminare pregiudizi culturali. Il pregiudizio culturale si verifica quando le persone di una cultura fanno ipotesi sulle convenzioni, incluse le convenzioni del linguaggio, la notazione, le prove e le prove. Vengono quindi accusati di aver confuso queste ipotesi per le leggi della logica o della natura. Esistono numerosi pregiudizi, riguardanti le norme culturali per il colore, la selezione del compagno, i concetti di giustizia, la validità linguistica e logica, l’accettabilità delle prove e i tabù.

Il pregiudizio culturale non ha una definizione a priori. Invece, la sua presenza è dedotta da prestazioni differenziali di socioracial (per esempio, neri, bianchi), etnici (ad esempio, latini / latini, anglos), o gruppi nazionali (ad esempio americani americani, giapponesi) su misure di costrutti psicologici come le abilità cognitive , conoscenza o abilità (CAKS), o sintomi di psicopatologia (es. depressione). Storicamente, il termine è il risultato degli sforzi per spiegare le differenze tra i punteggi dei gruppi sui test CAKS principalmente di esaminatori afroamericani e latinoamericani rispetto alle loro controparti bianche americane e preoccupazioni sul fatto che i punteggi dei test non dovrebbero essere interpretati nello stesso modo in questi gruppi. Sebbene il concetto di pregiudizio culturale nei test e nella valutazione riguardi anche le differenze e le potenziali diagnosi errate rispetto a una più ampia gamma di concetti psicologici, in particolare nella psicologia applicata e in altre scienze sociali e comportamentali, questo aspetto di pregiudizio culturale ha ricevuto meno attenzione letteratura pertinente. Il pregiudizio culturale nei test psicologici si riferisce ai test psicologici standardizzati che vengono condotti per determinare il livello di intelligenza tra i partecipanti al test. Limitazioni di tali test di intelligenza verbale o non verbale sono state osservate sin dalla loro introduzione. Tuttavia, i limiti che hanno messo in atto, a causa della loro particolare cultura, sono stati realizzati molto più tardi. Molti test sono stati contestati, in quanto hanno prodotto risultati mediocri per le minoranze etniche o razziali (studenti), rispetto alle maggioranze razziali. Il problema non sta nel test-taker, ma nel test stesso. Come discusso sopra, l’ambiente di apprendimento, le domande poste o le situazioni date nel test possono essere familiari e strani allo stesso tempo a studenti di diversa provenienza.

I pregiudizi culturali negli scambi economici sono spesso trascurati. Uno studio condotto presso la Northwestern University suggerisce che la percezione culturale che due paesi hanno l’uno dell’altro gioca un ruolo importante nell’attività economica tra di loro. Questo studio suggerisce che un basso livello di fiducia bilaterale tra due paesi si tradurrà in meno commercio, meno investimenti nel portafoglio e meno investimenti diretti. Questo effetto è amplificato per le merci, poiché sono più ad alta intensità di fiducia.

Il concetto di teoria della cultura in antropologia spiega che il pregiudizio culturale è un pezzo fondamentale della formazione di gruppi umani.

Si pensa che le società con credenze conflittuali avranno più probabilità di avere pregiudizi culturali in quanto dipendono dalla posizione del gruppo nella società, dove le costruzioni sociali influenzano il modo in cui viene prodotto un problema. Un esempio di pregiudizio culturale nel contesto della sociologia può essere visto in uno studio fatto all’Università della California da Jane R. Mercer su come la “validità”, “bias” e “equità” dei test nei diversi sistemi di credenze culturali influenzano il futuro di una persona. in una società pluralistica. Una definizione del pregiudizio culturale è stata data come “la misura in cui il test contiene contenuti culturali che sono generalmente peculiari ai membri di un gruppo ma non ai membri di un altro gruppo”, il che porta a credere che “la struttura interna del il test sarà diverso per diversi gruppi culturali “. Inoltre, i diversi tipi di errori commessi su test influenzati dalla cultura dipendono da diversi gruppi culturali. Questa idea è arrivata alla conclusione che un test non culturale rappresenterà la capacità di una popolazione come previsto e non rifletterà le capacità di un gruppo che non è rappresentato.

Il pregiudizio culturale può sorgere anche in studi storici, quando gli standard, le assunzioni e le convenzioni dell’era dello storico sono usate anacronisticamente per riferire e valutare gli eventi del passato. Questa tendenza è talvolta nota come presentismo ed è considerata da molti storici come un difetto da evitare. Arthur Marwick ha sostenuto che “la comprensione del fatto che le società del passato sono molto diverse dalle nostre e … molto difficili da conoscere” è un’abilità essenziale e fondamentale dello storico professionista; e che “l’anacronismo è ancora una delle colpe più ovvie quando i non qualificati (quelli esperti in altre discipline, forse) tentano di fare la storia”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top