cebnews.eu

Psicologia nazionale

La psicologia nazionale si riferisce alla composizione psicologica distintiva (reale o presunta) di particolari nazioni, gruppi etnici o popoli, e allo studio comparativo di quelle caratteristiche in psicologia sociale, sociologia, scienze politiche e antropologia. L’assunto della psicologia nazionale è che i diversi gruppi etnici, o le persone che vivono in un territorio nazionale, sono caratterizzati da un “mix” distintivo di atteggiamenti, valori, emozioni, motivazioni e abilità umani culturalmente rafforzati dal linguaggio, dalla famiglia, dalla scuola , lo stato e i media.

Secondo lo psicologo pioniere tedesco Wilhelm Wundt, il tentativo di teorizzare scientificamente la psicologia nazionale risale alla metà del XIX secolo. Nella Germania post-1871, ma soprattutto durante il Terzo Reich, alcuni professori di linguistica e letteratura tedeschi cercarono di influenzare gli studi inglesi con una “scienza culturale” politicamente motivata, che Ernst Leisi chiamava il “Nationalpsychologische Methode”. Questo paradigma presentava una nuova visione dell’inglese contemporaneo e del passato, sulla base di analogie tracciate tra tratti linguistici specifici, pratiche e elementi costitutivi del carattere nazionale inglese (e tedesco). Ma in realtà equivaleva a poco più di una ripetizione di nozioni preconcette di alterità. Intorno al 1900, la psicologia nazionale era diventata un argomento di studio accettato nelle scienze sociali, nelle università in Europa e nel Nord America.

La psicologia nazionale gioca un ruolo nella politica attraverso l’ideologia del nazionalismo. I politici si appellano, ad es. a “il popolo francese”, “il popolo americano”, il “popolo russo”, l’idea è che i membri di una nazione hanno un’identità nazionale comune, fanno parte di una comunità nazionale e condividono interessi comuni (l ‘”interesse nazionale” ). I politici devono cercare di unificare e integrare le persone per lavorare insieme per obiettivi comuni e fare appello alle loro caratteristiche nazionali comuni è spesso parte di ciò. Strettamente correlata è l’idea del carattere nazionale che si riferisce ai valori, alle norme e alle consuetudini che le persone di una nazione mantengono tipicamente, alle loro tipiche risposte emotive e a ciò che considerano virtù e vizio – tutti fattori che determinano in che modo abitualmente rispondono a situazioni. Il nazionalismo ha lo scopo di unire le persone come membri di una nazione e, a tale scopo, la credenza di avere realmente caratteristiche nazionali comuni è ovviamente utile, anche se tali caratteristiche comuni non possono essere dimostrate al di là di un linguaggio condiviso e di un aspetto fisico simile. La rivalità amichevole tra squadre sportive nazionali viene spesso utilizzata per simboleggiare l’identità nazionale o per esprimere il patriottismo. Ad esempio, in Sud Africa lo sport è “la religione nazionale: trascendendo la razza, la politica o il gruppo linguistico, lo sport unisce il paese – e non solo la metà maschile”. La psicologia nazionale è stata a volte usata per spiegare perché lo sviluppo economico si è verificato in modo diverso nei diversi paesi, o perché un particolare giro di eventi politici è avvenuto come ha fatto. Si fa talvolta riferimento alla “psiche nazionale” o all ‘”anima” di una nazione, per spiegare perché alcuni eventi pubblici possono scatenare un tumulto o scalpore in un paese, o perché una particolare nazione diventa particolarmente entusiasta o ossessionata da uno sport o culturale pratica. L’idea è che una nazione condivida una specifica mentalità culturale, morale o mentalità, incorporata nel suo linguaggio e nelle sue istituzioni, che le fa reagire molto più fortemente, o molto meno fortemente, a situazioni particolari rispetto a quelle di altre nazioni, e che le persone da nazioni diverse hanno diverse strategie di problem-solving.

Tuttavia, la validità dell’idea di una “psicologia nazionale” è stata fortemente criticata, per ragioni politiche, morali e scientifiche. Parte del problema è anche che i ricercatori di solito interpretano un’altra cultura dal punto di vista della cultura a cui sono abituati (considerata “normale”). Anche se molte persone in un paese condividono una comune caratteristica psicologica o biologica, altre persone in quel paese potrebbero non condividere affatto questa caratteristica. I modi importanti in cui le persone differiscono potrebbero superare le caratteristiche comuni che possono essere dimostrate di condividere. Gli psicologi hanno scoperto nella ricerca che quando ai soggetti viene chiesto di identificare l’etnia o la nazionalità delle persone osservando una schiera di persone diverse, non possono riconoscere con precisione qual è la loro etnia o nazionalità. Esperti di marketing e media hanno scoperto che al massimo le persone possono identificare uno stereotipo, un archetipo o una caricatura rappresentativi che simboleggiano un particolare gruppo etnico, o modi caratteristici di relazione che una nazione ha. Alcune complicazioni aggiuntive sono:

Alcuni scrittori sostengono che nell’era della globalizzazione, le differenze nazionali o etniche possono sempre meno spiegare perché le persone si comportano come loro. Sempre più spesso sembra che molte persone non si identifichino con l’essere parte di una nazione e vogliono semplicemente essere riconosciuti come esseri umani con diritti umani. Potrebbero farlo

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top