cebnews.eu

Quattro nobili verità

Le Quattro Nobili Verità si riferiscono e esprimono l’orientamento di base del Buddismo in una breve espressione: bramiamo e ci aggrappiamo a stati e cose impermanenti, che sono dukkha, “incapaci di soddisfare” e dolorosi. Questa brama ci tiene catturati nel samsara, l’infinito ciclo di reincarnazioni ripetute e di morte, e il dukkha che ne deriva. Esiste, tuttavia, un modo per porre fine a questo ciclo, vale a dire raggiungendo il nirvana, cessazione della brama, dopodiché la rinascita e il dukkha associato non si ripresenteranno più. Questo può essere ottenuto seguendo l’ottuplice sentiero, trattenendosi, coltivando la disciplina e praticando la consapevolezza e la meditazione. In breve, le quattro verità sono dukkha, samudaya (“sorgere”, “venire insieme”), nirodha (“cessazione”, “confinamento”) e marga, il percorso che conduce alla cessazione. Come “Quattro nobili verità” (sanscrito: catvāri āryasatyāni; Pali: cattāri ariyasaccāni), esse sono “le verità dei Nobili”, le verità o realtà che sono comprese dai “degni” che hanno raggiunto il nirvana. Nei sutra, testi religiosi buddhisti, le quattro verità hanno sia una funzione simbolica sia una funzione proposizionale. Rappresentano il risveglio e la liberazione del Buddha, ma anche la possibilità di liberazione per tutti gli esseri senzienti, descrivendo come deve essere raggiunto il rilascio dalla brama. Nelle scritture del canone pali, le quattro verità appaiono in una “rete di insegnamenti”, come parte di “l’intera matrice del Dhamma”, che devono essere presi insieme. Forniscono un quadro concettuale per l’introduzione e la spiegazione del pensiero buddista, che deve essere compreso personalmente o “vissuto”. La funzione delle quattro verità, e la loro importanza, si sviluppò nel tempo, quando prajna, o “intuizione liberatrice”, venne considerata come liberatrice di per sé, invece che o in aggiunta alla pratica del dhyana, la meditazione. Questa “intuizione liberatoria” ha guadagnato un posto di rilievo nei sutra, e le quattro verità sono venute a rappresentare questa intuizione liberatoria, come parte della storia illuministica del Buddha. Le quattro verità divennero di importanza centrale nella tradizione buddhista theravada, che sostiene l’idea che la comprensione delle quattro verità sia di per sé liberatoria. Sono meno importanti nella tradizione Mahayana, che vede gli obiettivi più alti di insight nel sunyata, nella vacuità e nel seguire il percorso del Bodhisattva come elementi centrali nei loro insegnamenti e nella loro pratica. La tradizione Mahayana ha reinterpretato le quattro verità per spiegare come un essere liberato possa ancora essere “pervasivamente operativo in questo mondo”. Iniziando con l’esplorazione del buddismo da parte dei colonialisti occidentali nel 19 ° secolo e lo sviluppo del modernismo buddista, vennero spesso presentati in occidente come l’insegnamento centrale del buddismo.

Le quattro verità sono meglio conosciute dalla loro presentazione nel testo Dhammacakkappavattana Sutta, che contiene due serie di quattro verità, mentre vari altri insiemi possono essere trovati nel Canone Pali, una raccolta di scritture nella tradizione buddista theravadana. Secondo la tradizione buddista, il Dhammacakkappavattana Sutta, “L’impostazione della ruota del Dhamma in movimento”, contiene i primi insegnamenti che il Buddha ha dato dopo aver raggiunto il pieno risveglio e la liberazione dalla rinascita. Secondo LS Cousins, molti studiosi ritengono che “questo discorso sia stato identificato come il primo sermone del Buddha solo in una data successiva”, e secondo il professore di religione Carol S. Anderson le quattro verità potrebbero non essere state originariamente parte di questo sutta, ma sono stati successivamente aggiunti in alcune versioni. All’interno di questo discorso, le quattro nobili verità sono date come segue (“bhikkus” è normalmente tradotto come “monaci buddisti”): secondo questo sutra, con la completa comprensione di queste quattro verità, il rilascio dal samsara, il ciclo di rinascita, fu raggiunto : La comprensione di queste quattro verità da parte del suo pubblico porta all’apertura del Dhamma Eye, cioè il raggiungimento della giusta visione:

Secondo K. R. Norman, il canone Pali contiene varie forme abbreviate delle quattro verità, il “set mnemonico”, che erano “intese a ricordare all’ascoltatore la forma completa delle NT”. La prima forma del set mnemonico era “dukkham samudayo nirodho magga”, senza il riferimento ai termini Pali sacca o arya, che furono poi aggiunti alla formula. I quattro termini mnemonici possono essere tradotti come segue:

Questo set completo, che è più comunemente usato nelle esposizioni moderne, contiene errori grammaticali, che puntano a più fonti per questo set e problemi di traduzione all’interno dell’antica comunità buddista. Tuttavia, sono stati considerati corretti dalla tradizione Pali, che non li ha corretti. Secondo K.R. Norman, il set di base è il seguente:

Secondo L.S. Cugini, le quattro verità non sono limitate alla forma ben nota in cui dukkha è il soggetto. Altre forme prendono “il mondo, il sorgere del mondo” o “gli āsava, il sorgere degli āsava” come loro soggetto. Secondo Cousins, “la forma ben nota è semplicemente una scorciatoia per tutti i t

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top