cebnews.eu

Raptio

Raptio (in inglese arcaico o letterario reso come stupro) è un termine latino per il rapimento su larga scala di donne, cioè rapimento per matrimonio o schiavitù (in particolare schiavitù sessuale). Il termine equivalente Frauenraub, originariamente dal tedesco, è usato in inglese nel campo della storia dell’arte. Il rapimento della sposa si distingue dal raptio in quanto il primo è il rapimento di una donna da parte di un uomo (e dei suoi amici e parenti), mentre il secondo è il rapimento di donne da parte di gruppi di uomini, probabilmente in tempo di guerra.

La parola inglese stupro mantiene il significato latino nel linguaggio letterario, ma il significato è oscurato dal significato più attuale di “violazione sessuale”. La parola è simile a rapina, estasi, rapacità e rapina e fa riferimento alle violazioni più generali, come il saccheggio, la distruzione e la cattura di cittadini, che vengono inflitti a una città o un paese durante la guerra, ad es. il ratto di Nanchino. L’Oxford English Dictionary dà la definizione “l’atto di portare via una persona, specialmente una donna, con la forza” oltre al più generale “l’atto di prendere qualsiasi cosa con la forza” (contrassegnato come obsoleto) e la più specifica “violazione o rapishing di una donna “. Lo stupro inglese era in uso dal XIV secolo nel senso generale di “afferrare le prede, prendere con la forza”, da raper, un termine legale francese antico per “afferrare”, a sua volta dal rapere latino “afferrare, portare via con la forza, rapire”. Il termine latino era anche usato per violazioni sessuali, ma non sempre. È contestato che l’evento leggendario noto come “Il Ratto delle Sabine”, anche se alla fine motivato sessualmente, non comportasse la violazione sessuale delle donne Sabine sul posto, che furono invece rapite e poi implorate dai Romani per sposarle (al contrario di battere per primo un accordo con i loro padri o fratelli, come sarebbe stato richiesto dalla legge). Sebbene la connotazione sessuale sia oggi dominante, la parola “stupro” può essere usata in un contesto non sessuale nell’inglese letterario. In The Rape of the Lock di Alexander Pope, il titolo significa “il furto di una serratura [di capelli]”, esagerando una banale violazione contro una persona. Nel ventesimo secolo, J. R. R. Tolkien, con la sua formazione classica, usava la parola con il suo vecchio significato di “afferrare e togliere” nel suo The Silmarillion. La commedia musicale The Fantasticks ha una canzone controversa (“Dipende da cosa paghi”) su “uno stupro vecchio stile”. Confronta anche l’aggettivo “rapace” che conserva il significato generico di avido e avido. Nella legge canonica cattolica, raptio si riferisce alla proibizione legale del matrimonio se la sposa è stata rapita con la forza (Can. 1089 CIC).

Si suppone che la pratica sia stata comune sin dall’antichità antropologica. Nell’Europa neolitica, gli scavi del sito di cultura della ceramica lineare di Asparn-Schletz, in Austria, sono stati trovati i resti di numerose vittime uccise. Tra questi, giovani donne e bambini adulti erano chiaramente sottorappresentati, suggerendo che gli aggressori avevano ucciso gli uomini ma rapito le femmine nubili. Il rapimento delle donne è una pratica comune nella guerra tra le società tribali, insieme al raid del bestiame. Nelle migrazioni umane storiche, la tendenza dei gruppi mobili di maschi invasori a rapire femmine indigene si riflette nella maggiore stabilità degli aplogruppi del DNA mitocondriale umano rispetto agli aplogruppi del DNA del cromosoma umano. Il Ratto delle Sabine è una parte importante delle leggende della fondazione di Roma (VIII secolo aC). Romolo aveva stabilito l’insediamento sul Palatino con seguaci per lo più maschi. In cerca di mogli, i romani negoziarono con la vicina tribù dei Sabini, senza successo. Di fronte all’estinzione della loro comunità, i Romani progettarono di rapire le donne Sabine. Romolo invitò le famiglie Sabine ad un festival di Nettuno Equatore. All’incontro diede un segnale, durante il quale i romani presero le donne Sabine e combattuto contro gli uomini Sabine. I rapiti indignati furono implorati da Romolo per accettare i mariti romani. Livio afferma che nessun assalto sessuale ha avuto luogo. Ha affermato che Romulus ha offerto loro libera scelta e promesso diritti civili e di proprietà alle donne. Secondo Livy, ha parlato con loro ciascuno di loro “, sottolineando che tutto ciò era dovuto all’orgoglio dei loro genitori nel negare il diritto ai matrimoni misti ai loro vicini: vivevano in un matrimonio onorevole e condividevano tutte le loro proprietà e i diritti civili, e – il più caro di tutti per la natura umana – sarebbero le madri degli uomini liberi “. Le donne sposarono uomini romani, ma i Sabini entrarono in guerra con i Romani. Il conflitto è stato infine risolto quando le donne, che ora avevano figli dai loro mariti romani, sono intervenute in una battaglia per riconciliare le parti in guerra. Il racconto è parodiato dallo scrittore inglese di racconti Saki nel Metodo Schartz-Metterklume. Serve anche come trama principale del film Seven Brides for Seven Brothers. Nella letteratura sanscrita, la pratica è conosciuta come Rakshasa Vivaha (“matrimonio diabolico”), menzionata per es. di Kautilya. È una delle otto forme di matrimonio indù, il sequestro violento o

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top